Aike Visbeek brilla verso il 2022: “Progressi più veloci del previsto in anticipo”

Intermarché-Wanty-Gobert è stato il miglior WorldTeam del 2022 dopo Jumbo-Visma, UAE Emirates, INEOS Grenadiers e BORA-hansgrohe la scorsa stagione L’artefice di questa storia è Aike Visbeek. “È stata una stagione di incredibile successo dal punto di vista sportivo, ma è stato un anno ricco di eventi a livello personale”, ha detto. Flash in bicicletta. Discute i successi dello scorso anno ciclistico nella parte 1, ma tempera anche le aspettative per la stagione 2023 nella seconda parte che sarà pubblicata martedì.

Quinto al mondo. Chi l’avrebbe mai pensato?
“Sì, nessuno. Nemmeno noi. Come è possibile? Nel complesso, abbiamo compiuto progressi più rapidi di quanto previsto in anticipo. In effetti, puoi capovolgerlo ancora di più. Credo che due anni fa nessuno avrebbe creduto che non saremmo retrocessi. Devi sapere che sopra di noi pendeva la spada di Damocle. Se la macchina vacilla da qualche parte per un mese e mezzo, potresti ritrovarti subito in zona retrocessione. L’ho vissuto come molto intenso, perché dovevi costantemente fare i passi giusti. Abbiamo avuto un anno eccezionalmente buono e ne sono incredibilmente orgoglioso! Come squadra, abbiamo davvero offerto un’ottima prestazione, un anno che ottiene un posto speciale.

Ti sei esibito al massimo delle tue capacità, o forse anche al di sopra?
“Eravamo un po’ al limite. Un fattore importante in questo è che abbiamo utilizzato molto bene i nostri corridori. Nel 2021 abbiamo avuto una buona atmosfera all’interno del team e lo scorso inverno sono stati aggiunti piloti che siamo riusciti a integrare molto bene nel nostro team. Abbiamo fatto ottime scelte in termini di programma e cooperazione tra i corridori. La combinazione di Andrea Pasqualon, Adrien Petit e Alexander Kristoff, ad esempio, ha funzionato molto bene, con Biniam Girmay incluso anche nelle classiche. Ha funzionato molto bene. Dedichiamo molto tempo ed energie a fare questo tipo di scelte.

Biniam Girmay ha scritto la storia del ciclismo con la vittoria a Gent-Wevelgem – foto: Cor Vos

Come ci si sente che tu, Goldcrest Biniam Girmay, sei riuscito a legare così a lungo?
“Penso che sia merito al 100% del modo in cui lo abbiamo affrontato nell’ultimo anno. Lavoriamo bene insieme. Per bini Non è facile fidarsi di chiunque. Ha davvero notato che ci atteniamo ai nostri accordi e vogliamo davvero migliorarlo. Che ha buoni piloti intorno a lui e che lui uno dei ragazzi è. Ci siamo anche assicurati di trovare il giusto equilibrio tra lo sport e la sua famiglia, il tempo che trascorre con loro. Avevamo scelto di non fare il Giro delle Fiandre molto presto. Ma penso che nove squadre su dieci sarebbero tornate a questo incontro. Non abbiamo infranto quella fiducia. Questa è la base.

READ  L'Italia è in finale, sfiderà la Serbia

La storia di Girly è nota a tutti. Ma chi altri vedi come momenti salienti del 2022?
Alessandro Kristof. Rispetto agli anni precedenti, nel 2022 si è comportato molto bene. Gerben Thijssen ha sfondato. Sono stati gli uomini a fare davvero il grande passo. E anche se ha guidato con noi solo come apprendista: guarda da dove viene Madis Mihkels, il nostro giovanissimo pilota estone. Sesto in Gran Piemonte, quarto nel Mondiale U23. Come una promessa da matricola all’età di 19 anni. Non è ancora un ragazzo che è sul radar mainstream, ma indica che c’è un futuro per lui. Può salire l’anno prossimo, proprio come Hugo Page e l’attivo Rune Herregodts. Hanno davvero il singhiozzo contro l’ultimo salto. Mi aspetto anche che Arne Marit faccia un altro passo con noi.

Kristoff ha conquistato la vittoria solitaria nella Schelda – foto: Cor Vos

Molto è andato bene. Ma anche alcune variabili minori, tra cui il grande talento Julius Johansen. Perché non si presenta?
“Da un lato, dipende dal ruolo che ha ora. È sul treno veloce di Gerben, se portare. Inoltre, non era ancora fisicamente pronto per le classiche di un giorno in primavera, per guidare quella squadra. Non dimentichiamo inoltre che non è così semplice per noi, perché abbiamo un nucleo piuttosto solido per i classici. In un ruolo di leadership, potresti non avere risultati alle spalle, ma vediamo Julius crescere. È rimasto sotto il radar, è vero. Alla fine, è stato un ciclista su pista negli ultimi anni. Ma quest’anno ha completato il Tour de Romandie, il Critérium du Dauphiné, il Giro di Polonia e il Giro di Spagna. Tutto questo è stato un investimento nel suo sviluppo. In ogni caso, ora è a livello WorldTour. Non era così un anno fa.

READ  VIVERE! El Shaarawy-Roma, pieno accordo sull'ingaggio. Ma la frenata Perotti-Fenerbahce mette a repentaglio l'operazione

C’erano anche le saghe intorno a Quinten Hermans e Jan Bakelants. Come ci pensi?
“In entrambi i casi, penso ancora che abbiamo preso la decisione giusta, ma noi – non sono l’unico a prendere decisioni – ci rammarichiamo del tempismo della nostra comunicazione. Era disumanamente sbagliato. Non va bene. Ci sono motivi per cui si è trascinato. Nel caso di Quinten, abbiamo preso una buona decisione. Poi abbiamo fatto un buon Tour de France e c’era pace nella squadra. Con questo abbiamo mostrato rispetto anche per gli altri ragazzi, che da mesi si stanno preparando. Ma ancora una volta: il tempismo è stato pessimo.

Questa è una situazione che non vorremmo ritrovare. Tutto in questa situazione era estremo. L’intera vicenda del crossover dello scorso inverno, un’intera saga con cambi di manager, poi un lunghissimo periodo di trattative che ha portato a un sacco di turbolenze, emozioni e incomprensioni quando successivamente viene presa una decisione. Se c’è una cosa da togliere a questo – perché ovviamente ho letto alcuni commenti – José De Cauwer ha messo il dito sul problema: “Bisogna sempre rimanere in contatto tra di loro”. Questo è il dito sul punto dolente. Tutta la faccenda invernale, non è ben pronunciata. Siamo subito tornati allo spettacolo.

Quinten Hermans guiderà per Alpecin-Deceuninck dal 2023 – foto: Cor Vos

Con Jan, la situazione era leggermente diversa. Voleva una risposta sul suo futuro poco prima del Tour. Allora eravamo in una situazione in cui non potevamo offrirgli un contratto. Avevamo ancora quattro posti, anche in termini di budget, e per quello erano già state fatte quattro offerte. Questa era la situazione in quel momento e lo abbiamo detto anche a Jan. Non ci sono stati rapidi cambiamenti o aperture di attività. Alla fine rilascia un’intervista alla Vuelta in cui esprime il suo disappunto. Può, può essere arrabbiato perché non ottiene un contratto. Proprio così, Quinten potrebbe essere arrabbiato per il fatto che il tempismo della sua mancata selezione per il Tour sia stato pessimo.

READ  MMA, Conor McGregor arrestato in Corsica per tentata violenza sessuale

Ma per te personalmente non è stato molto piacevole, capito?
“Con tutta questa intervista con Jan Bakelants, si presenta la situazione in cui devo effettivamente rispondere. A livello personale, ho avuto la situazione con mio padre, che alla fine è morto. Devo quindi sprecare le mie energie in questa situazione a una partita voluttuosa con Jan Bakelants nei media? Abbiamo avuto un anno incredibilmente positivo, ma è stata una fase molto difficile per me. Non a causa dell’intervista di Jan, ma perché c’erano altre cose in corso. Ho perso mio padre e prima nell’anno in cui abbiamo perso anche un amico di famiglia.Quattro settimane prima del Tour si è suicidato il migliore amico del mio figlio maggiore, guarda caso anche il periodo in cui è esplosa la bomba con Quinten.Ha avuto la sua influenza,perché sono successe tante cose all’improvviso. Personalmente, per me, è stato un anno con grandi momenti salienti, ma anche con fasi molto difficili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *