Al via il referendum sham nelle regioni ucraine sull’adesione alla Russia | ADESSO

Venerdì sono iniziati i referendum sull’adesione alla Russia nei territori occupati ucraini. Il governo ucraino ei suoi alleati occidentali considerano questi plebisciti una farsa il cui esito è già certo. Non riconoscono il risultato.

I referendum si terranno a Donetsk, Luhansk, Zaporizhzhia e Kherson. Le votazioni durano fino a martedì.

Nelle zone dove è possibile votare, molti residenti sono fuggiti e i combattimenti continuano. L’invasione russa ha spinto molti ucraini da queste aree. Quasi solo gli ucraini sono d’accordo con la Russia e con i russi etnici. Sono pronti a lasciare che la loro zona residenziale diventi territorio russo.

Di conseguenza, i risultati del referendum sono già fissati. L’Occidente ora ha annuncio non riconoscere il risultato.

I referendum erano originariamente previsti per metà settembre. Sono stati poi richiamati perché c’erano troppi combattimenti nelle aree. Successivamente, il 4 novembre è stato menzionato come data possibile. Ora i referendum sono stati anticipati, poiché l’Ucraina sta rivendicando la terra molto più velocemente del previsto.

Gli esperti temono che la Russia utilizzerà armi più pesanti

La Russia vuole usare i referendum per dimostrare che i territori occupati non sono ucraini ma territori russi. Se il contrattacco ucraino si spingerà più a est, il presidente russo Vladimir Putin potrebbe affermare che si tratta di un attacco al suolo russo. Questo è importante, perché secondo la legge russa, può usare mezzi più e più pesanti.

L’ultimo stato di avanzamento in Ucraina.


L'ultimo stato di avanzamento in Ucraina.

L’ultimo stato di avanzamento in Ucraina.

Gli esperti temono che “difendere la Russia” possa essere un motivo per cui Putin usa armi nucleari. Lo stesso Putin ha detto mercoledì che avrebbe usato “tutti i mezzi disponibili” per proteggere la Russia. Ha aggiunto che non stava bluffando.

READ  Carta "Impossibile supportare più di 500"

Il braccio destro di Putin ed ex presidente Dmitry Medvedev ha minacciato di schierare “tutte le armi, comprese le armi nucleari strategiche” per difendere il territorio annesso.

Non è la prima volta che si svolgono tali referendum. Ciò è accaduto anche in vista dell’annessione della penisola di Crimea nel 2014. Secondo i risultati ufficiali, circa il 97% degli elettori ha votato per unirsi alla Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.