L’Italia punta a un primo ministro donna, ma non tutte le donne ne sono contente

SCIMMIA

Notizie ONS

  • Helene D’Haens

    Corrispondente Italia

  • Helene D’Haens

    Corrispondente Italia

“Penso che l’Italia sia pronta, più di quanto si creda”, ha detto Giorgia Meloni a una giornalista britannica due anni fa quando le è stato chiesto se poteva diventare primo ministro. Le parole del politico di destra radicale si sono rivelate profetiche. I sondaggi indicano che il suo partito di estrema destra Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia) è quasi certo di emergere come il più grande nelle elezioni di domenica.

Mette dentro Meloni pole position per la carica di primo ministro. L’Italia avrà probabilmente per la prima volta una donna a capo del governo. In un paese che è ancora in gran parte governato da uomini, sarebbe un enorme sconvolgimento. Ma poiché Meloni è anche molto conservatrice, non tutte le donne sono contente del suo ruolo.

“Le donne devono lottare più duramente”

Fuori Joanna Dinolfo, 50 anni: domenica voterà Meloni. “Negli ultimi anni sono state fatte scelte politiche che non hanno aiutato il nostro Paese”, dice. “Dobbiamo fare spazio a un partito che non è al governo, ma è all’opposizione da molto tempo”.

Il fatto che Meloni sia femmina gioca sicuramente un ruolo per Dinolfo. Ha lavorato lei stessa per anni per ottenere il suo attuale lavoro, nella federazione calcistica italiana a maggioranza maschile. “Noi donne dobbiamo lottare per finire nello stesso posto degli uomini. Ma quando arrivi lì, dimostra che sei più forte e più preparata di un uomo”.

Chi è Giorgia Meloni? Potrebbe essere la prima donna Presidente del Consiglio in Italia:

L’Italia avrà un primo ministro di estrema destra? È Giorgia Meloni

Per quanto sia entusiasta Dinolfo, molte donne progressiste di sinistra sono così spaventate. Laura Palazzini, architetto di 41 anni, ha aspettato per tutta la vita una donna premier. “Ma non è proprio quello di cui abbiamo bisogno”, sospira. “Meloni è una donna che si oppone alle donne. Non è dalla nostra parte”.

La cosa peggiore è la posizione di Meloni sull’aborto. In Italia l’aborto è consentito entro le prime 13 settimane di gravidanza. Il politico non vuole ribaltare questa situazione, ma vuole dare alle donne “il diritto di non abortire”. Vuole sostenere le donne che vogliono avere un figlio, ma che interrompono comunque la gravidanza perché, ad esempio, non possono permettersi l’istruzione.

“Non credo che il calo delle nascite possa essere risolto facendo entrare i migranti, come pensano i partiti di sinistra”, ha detto in una manifestazione elettorale a Milano. “Voglio che le nostre famiglie abbiano figli. Non voglio che le donne debbano scegliere tra maternità e lavoro”.

Non è una modifica della legge, ma alla fine significa che stai rendendo più difficile l’aborto, teme Palazzini. “In pratica è già molto inaccessibile, perché in alcune regioni fino all’ottanta per cento dei medici si rifiutano di abortire. Puoi interrompere una gravidanza per mille motivi, ma non è mai una decisione facile. Ad esempio, perché hai compilare un questionario governativo è umiliante. Le donne devono decidere da sole sul proprio corpo.

READ  Vaccini, Draghi: "Chi non vuole un eterologo, libero di fare una seconda dose con AstraZeneca"

“Anni indietro”

Inoltre, Palazzini è preoccupato per i diritti LGBTQ. Meloni pensa che le coppie dello stesso sesso possano convivere legalmente, ma sposarsi o adottare un bambino insieme è troppo per lei. “Gli ideali di Meloni ci spingono nel tempo”, teme Palazinni.

Giovanna Dinolfo, elettore di Meloni, non ci crede. “Impensabile per la Meloni ribaltare le leggi. Certo, lei parla di certi valori, e io sono il primo a chiederlo. Di solito non ho neanche la risposta subito… Ma alla fine, devi votare per qualcuno”.

L’idea che Meloni avrebbe reso più difficile l’aborto a lungo termine, dice, è stata estrapolata dal contesto. “Crescere un figlio in Italia oggi non è davvero facile. Quando sei da solo, a volte non puoi fare altro che interrompere la gravidanza. La possibilità di scegliere allora mi sembra una buona cosa”.

Come molti elettori di Fratelli d’Italia, Dinolfo è quindi meno conservatore del partito stesso. La sua voce è soprattutto una voce di protesta contro l’establishment politico. “In un paese democratico, penso che dovremmo adottare questa varietà”, pensa. “Se poi torniamo a sinistra, così sia. Ma si spera che nel frattempo vengano fatte buone scelte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.