Albania, Tirana in fiamme per l’omicidio di un ragazzo da parte della polizia. Il ministro dell’Interno si dimette

La violenza si accende Tirana, dove le dimissioni del ministro dell’Interno non placano la furia del luogo in rivolta dopo la morte di un giovane, toccato dalle forze dell’ordine. Le tensioni nella capitale albanese sono iniziate ieri quando centinaia di persone, per lo più giovani, sono scese in piazza per protestare contro l’omicidio da parte di una pattuglia nella notte dell’8 dicembre di un ragazzo di 25 anni, Klodian Rreshja, in una zona periferica della capitale durante il coprifuoco, qui vigente anche come anti-Covid.

La manifestazione è rapidamente degenerata in scontri, i manifestanti hanno appiccato il fuoco e poi abbattuto un grande albero di Natale, installato all’ingresso principale del palazzo del governo, mentre cercavano per qualche minuto di sfondare le porte principali. La folla è stata poi respinta dalle unità antisommossa che hanno anche usato gas lacrimogeni. Il giovane ucciso era vicino a casa sua quando la polizia gli ha ordinato di fermarsi. Il ragazzo avrebbe cercato di scappare, inseguito da un poliziotto che ha estratto la pistola e gli ha sparato, colpendolo alla testa. L’aiuto non era necessario.

L’agente arrestato ha spiegato di aver premuto il grilletto perché pensava che il giovane fosse armato. Oggi la svolta: il premier Edi Rama ha annunciato le dimissioni del ministro degli Interni albanese, Sander Lleshaj, molto richiesto invece. “Sono orgoglioso dell’alto senso di responsabilità civile dimostrato dal ministro, che non è né direttamente né indirettamente colpevole di questo tragico episodio”, ha detto Rama, dichiarando che si è trattato di un “atto isolato” e che “Spetta allo Stato chiedere scusa, fare luce sulla questione e punire l’autore dell’omicidio.

READ  Giordania, sventato complotto contro re Abdullah II: 16 arresti. "Hamza, fratellastro del sovrano, ha minacciato la sicurezza"

Ma non era abbastanza. Mentre il primo ministro parlava in diretta in televisione, la tensione è esplosa a Tirana e centinaia di altre persone che si diceva fossero sui social media sono tornate per esprimere la loro rabbia. Prima raccolta davanti alla sede del ministero dell’Interno, la folla impegnata in scontri con la polizia, è stata oggetto di un grande tiro di sasso. Gli agenti hanno risposto con gas lacrimogeni e idranti, disperdendo i manifestanti.

Questi ultimi, riuniti in piccoli gruppi, hanno poi attaccato molti edifici pubblici sul viale principale di Tirana, rompendo le vetrine dei negozi e dando fuoco ai cassonetti. La sera, il centro della capitale sembrava un campo di battaglia. Nelle proteste di ieri sono rimasti feriti almeno dieci agenti, uno dei quali, in gravi condizioni, rischia di perdere un occhio e di subire un intervento chirurgico.C’è stata un’altra violenta manifestazione di centinaia di giovani che si sono scontrati con le forze speciali di polizia.

Il giovane ucciso, in un sobborgo della capitale, si chiamava Klodian Rreshja e aveva 25 anni. “Sono orgoglioso dell’alto senso di responsabilità civile dimostrato dal ministro, che non è né direttamente né indirettamente colpevole di questo tragico episodio”, ha detto Rama rivolgendosi ai cittadini. Il presidente del Consiglio ha difeso la polizia considerando l’assassinio del giovane come “un atto isolato”, ma, ha aggiunto, poiché “è stato ucciso da una forza statale, appartiene a lo stato a chiedere scusa e comprendere appieno il problema e ‘autore’. Anche questa sera centinaia di giovani hanno lanciato una nuova manifestazione, sfociata in atti di vandalismo.

Inizialmente riuniti davanti alla sede del Ministero dell’Interno, in pochi minuti sono iniziati gli scontri con le forze dell’ordine, presi di mira da un grosso tiro di sassi. Gli ufficiali hanno risposto con gas lacrimogeni. I manifestanti si sono poi divisi in piccoli gruppi, prendendo d’assalto molti edifici statali sul viale principale della capitale, rompendo vetri e incendiando bidoni della spazzatura. Il centro di Tirana si è così trasformato in un campo di battaglia ed è intervenuta anche la polizia con gli idranti. Nelle proteste di ieri sono rimasti feriti almeno 10 agenti, uno dei quali, in gravi condizioni, potrebbe perdere un occhio e subire un intervento chirurgico. Al momento non c’è ancora equilibrio tra gli scontri di questa sera.

Ultimo aggiornamento: 22:04


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  "Il virus? In pizzeria" E con una bugia manda in serrata 1,7 milioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *