Movimenti tra comuni a Natale, apre il governo. Possibili eccezioni al decreto

Roma, 10 dicembre 2020 – The governo apre la possibilità di piccole gite in città a Natale e nei principali giorni di ferie. Il pensiero di Conte potrebbe portare a modificare il decreto-legge sulla Covid oppure un aggiornamento delle FAQ del governo, con un’interpretazione approfondita delle situazioni di bisogno che giustificano lo sfollamento.

Coronavirus, il bollettino del 10 dicembre

La questione è stata oggetto di una riunione questa mattina in Senato dei capi dei gruppi parlamentari. Attualmente è vietato lasciare il comune in cui si soggiorna nei giorni di 25 e 26 dicembre è nato a 1 gennaio. Le due Pd essere Italia Viva, oltre ovviamente a Lega (Ieri sera Matteo Salvini ne ha parlato durante il faccia a faccia con Giuseppe Conte). M5 e Leu restano tiepidi, anche il ministro Luigi Di Maio auspica “che si faccia così, perché sia ​​assicurata la mobilità tra i piccoli comuni”.

Anche, pure Fdi spinge a cambiare le regole. Anzi, la deputata di Fdi Maria Teresa Bellucci è felicissima: il governo “ha accolto una delle proposte avanzate da Fratelli d’Italia che prevedeva spostamenti tra i comuni il giorno di Natale, 26 dicembre e 1 gennaio”, mentre che il governatore della Liguria Giovanni Toti spera: “Speriamo davvero che il buon senso vinca!” Tutto il centrodestra esulta come una vittoria perché presidente del Senato Casellati pianificato per mercoledì prossimo la mozione per consentire gli spostamenti tra i comuni nei giorni festivi.

Il Sottosegretario alla Salute è contrario Sandra Zampa (Pd): “Dal profondo del cuore, la considero la signora Merkel. È doloroso, ma il modo migliore per onorare il Natale è avere il diminuzione del numero di morti “. E quindi, “prima di modificare queste regole, informarsi sui risultati in termini di numero di nuove persone contagiate derivanti dalla celebrazione di Ringraziamento negli Stati Uniti“.

READ  Borsa Italiana, il commento alla seduta odierna (12 agosto 2020)

Presupposti in campo

Il pensiero aperto del Primo Ministro potrebbe portare a modificare il decreto-legge sulla Covid o un aggiornamento di FAQ governo, con un’interpretazione approfondita delle situazioni di bisogno che giustificano il trasferimento. Le ipotesi sono due: consentire spostamenti tra comuni dello stesso comprensorio, ad esempio nell’entroterra dei centri abitati; consentire la circolazione dei comuni con un numero di abitanti molto basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *