“Alla Juve dopo lo Scudetto neanche una cena, con Pirlo hanno festeggiato il quarto posto” – Corriere.it

Sereno, carico, pronto a partire. Ancora qui Maurizio Sarri, la voce ha il solito graffio inconfondibile. Scava, attacca, è semplice, libero di essere se stesso. Presto sarà presentato come il nuovo allenatore della Lazio, nel frattempo, ce n’è per tutti i gusti. Salva solo i suoi ragazzi, i giocatori che lo hanno accompagnato in questi anni, anche quando ha vinto il suo unico scudetto, alla Juventus. Ma “era dato per scontato. Fuori, ma purtroppo devo dire anche dentro – ha raccontato a Sportitalia -. Abbiamo vinto il titolo senza praticamente festeggiarlo, siamo andati a cena ognuno per conto proprio. Probabilmente l’anno giusto in cui andare Juventus sarebbe stato così, visto che a maggio hanno festeggiato il quarto posto. Le condizioni costruttive sono state ricreate”.

Sarri: insulti a Mancini e al giornalista, Juve inarrestabile, la donna che odia fumare, Bukowski. 10 cose da sapere sul Sarrismo
Il grande ritorno

Lui, per arrivare al risultato finale, ha dovuto sacrificare (parte) le sue idee. Che era allora, almeno sulla carta, ciò che avevano convinto Agnelli sbarazzarsi di Allegri e chiamarlo: “Sapevo dell’esenzione?” Ad ottobre (2019, ndr) ho chiesto ai membri dello staff cosa volessero fare: o seguire la nostra strada, con il rischio di partire entro 20 giorni, oppure scendere a compromessi e vincere il campionato, sapendo sempre che sarebbe stato l’unica e ultima stagione a Torino. Abbiamo scelto la seconda opzione”. La decisione di Sarri di scommettere (temporaneamente) su Pirlo è una diretta conseguenza “dell’effetto Guardiola, che alla fine ha fatto tanti danni”. Un’eccezione è stata presa come se fosse una regola, quindi c’è il rischio di bruciare i giovani che in due o tre anni potrebbero diventare grandi allenatori”. A Torino si è allenato Ronaldo, avendo una forma di coraggio autodistruttivo portandolo fuori dal campo in una partita chiave contro il Milan: “Cristiano è difficile da gestire, è come una multinazionale: ha interessi personali e vanno fatti coincidere con quelli di Il gruppo. Non è una situazione facile, e onestamente mi considero molto meglio come allenatore che come allenatore – nelle parole di Sarri -. Mi dà fastidio, lo apprezzo molto di più in campo. Certo, Ronaldo porta i numeri a fine anno. Quando un ragazzo raggiunge questi livelli, è chiaro che rappresenta qualcosa che può trascendere l’azienda e la squadra. Il suo futuro? Meglio perdere un giocatore che cinque se i risparmi sono gli stessi”.

READ  Svelata la folle offerta a Buffon, resta in Italia


Da allenatore della Lazio vivrà un derby emozionante con Mourinho, appena arrivato alla Roma, “ma non potrà parare un gol, e nemmeno io potrò segnare. Sono le squadre che contano, più dei giocatori e degli allenatori. Sarà importante fare un buon lavoro, divertirsi ancora e far divertire il pubblico”. Quello che ammette oggi di divertirsi a Napoli come da nessun’altra parte, tranne che negli ultimi mesi a Chelsea. Lasciare Londra “è stato un errore clamoroso di giudizio. avrei avuto carta bianca, Marina Granovskaja (braccio destro di Abramovich, ndr) ha cercato di trattenermi, ma io volevo tornare in Italia”.

È stato trattato come un traditore, eppure un ritorno al Napoli potrebbe avvenire qualche mese fa, quando a gennaio Gattuso era in difficoltà e De Laurentiis si guardava intorno. Il telefono ha squillato anche a casa di Maurizio a Figline Valdarno: “È vero che mi ha cercato lo scorso inverno. Non è stata una vera trattativa, più una semplice richiesta di informazioni sulla mia disponibilità. Non sono andato perché non ero sicuro di poter essere molto utile in gara. Lo stesso ho fatto con la Fiorentina, che mi ha chiamato prima di ingaggiare Prandelli”.

Insomma, se non è tornato al Napoli, non è per motivi di principio o di incompatibilità con di Laurentiis (“Non è un semplice presidente, ma alla fine porta i risultati”). Piuttosto. “Se mi avessero cercato quest’estate, sarei stato disponibile”. Forse anche per cancellare un ricordo negativo, questo scudetto svenuto alle ultime curve nel 2018, perso in un albergo di Firenze dopo aver visto Inter-Juventus – la partita che Le Iene sta cercando di chiarire – in televisione, una settimana dopo la vittoria. lo stadio con una testa di Koulibaly. “La verità è che la squadra ha visto aprirsi una fessura e l’hanno vista chiudersi in due minuti. Quella notte, salendo in camera mia, ho visto i giocatori piangere sulle scale: c’è stata una reazione psicologica feroce, come se fosse finito un sogno su questi dubbi episodi”.

READ  Il fantastico retroscena del Manchester United

È tempo di buona fortuna Spalletti (“Ha l’esperienza giusta”) prima di un nuovo tuffo nel passato: ecco Higuain, Callejon e Insigne, chi allenerebbe ancora Sarri? “Quando Gonzalo si accende è un fenomeno, ma è un giocatore speciale. Callejon è perfetto, ha una prestazione costante. È ordinato, decisivo per gli equilibri di una squadra”.

Il tecnico si blocca, poi riparte con Distintivo: “Se parlo di Lorenzo mi viene da ridere. Negli ultimi anni è stato il giocatore italiano più forte, ma è messo in difficoltà anche quando sbaglia cinque minuti. Se qualcun altro avesse segnato il gol che ha segnato per l’Italia contro il Belgio, sarebbe stato in tutte le notizie per un mese di fila. Non sempre viene compreso, spesso viene sottovalutato”. Nell’Italia che oggi sfida la Spagna in semifinale agli Europei, oltre a Insigne, è protagonista anche Jorginho, il suo direttore, di cui si parla come un possibile candidato al Pallone d’Oro: “S’ha vinto anche l’Europeo Campionato, è chiaro che sarebbe diventato. È un giocatore raffinato, probabilmente non comprensibile da tutti. Devi posare gli occhi su di lui e guardarlo solo nel gioco. È così bravo e intelligente che fa sembrare tutto facile, raramente c’è qualcosa di spettacolare nei tuoi occhi. È la sua taglia, per rendere tutto semplice, per muovere la palla con un tocco”. Sul nazionale Sarri è convinto che “siamo la squadra che gioca il miglior calcio. Dalle scelte fatte mi aspettavo un’Italia brillante e tecnica: Mancini è stato bravo”. Tra i suoi eredi, vede Da Zerbi: “Mi piace molto. Sono stupito che un ragazzo così giovane e di valore abbia dovuto scegliere un’esperienza all’estero perché nessun grande club italiano voleva scommettere su di lui. Mi dispiace, ma hai fatto bene ad andare allo Shakhtar perché quello gli darà visibilità internazionale”. una passione di famiglia. È stato un anno speciale, dove non mi dispiaceva stare così tanto fuori, con gli stadi vuoti e tanta tristezza. Ma ora che tornano i tifosi, la voglia comincia a prendere il sopravvento. “Ti aspettavamo , Maurizio. Felice di rivederti.

READ  “Erano pronti. Ma non hanno fatto bene i conti "

6 luglio 2021 (modificato il 6 luglio 2021 | 12:36)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *