“All’Ajax lo chiamavano sempre ciccione”


Martedì 29 novembre 2022 alle 22:50
Giordano Tomassowa• Ultimo aggiornamento: 23:44

Urby Emanuelson non è sorpreso che ci siano critiche sulla forma fisica di Luis Suarez. L’attaccante 35enne non è riuscito a vincere nei Mondiali dell’Uruguay contro la Corea del Sud (0-0) e il Portogallo (sconfitta per 2-0). Ibrahim Afellay e Pierre van Hooijdonk erano stati precedentemente critici nei confronti della forma fisica di Suárez.

Emanuelson ha giocato con Suárez all’Ajax tra il 2007 e il 2011. Il 17 volte nazionale arancione guarda con interesse il suo ex compagno di squadra ai Mondiali in Qatar. “Ero curioso di sapere se poteva ancora farlo”, dice Emanuelson i leoni di Campo da calcio. “Luis Suárez sembrava sempre un po’ più grande”, riferendosi alle critiche di Afellay e Van Hooijdonk. “Ora gli anni iniziano a contare. È vecchio e gioca in Uruguay. Non è che stia lottando per il titolo di capocannoniere della Champions League. Quindi puoi correre un po ‘nei bordi. All’Ajax lo abbiamo anche chiamato Gordyche significa “grasso” in spagnolo. »

“Se è decisivo contro il Portogallo, allora nessuno parla del suo fisico”, ha detto il co-analista Jos Hooiveld. “Ha ottenuto un lasciapassare. Se è d’accordo… È un valore aggiunto per l’Uruguay in questo momento in questo stato? Non la penso così. Questo mi dà fastidio? Niente affatto, no. Anche io lo amo di nuovo. Avevi Teófilo Cubillas, aveva lo stesso aspetto”, conclude scherzosamente Hooiveld.

Afellay ha criticato Suárez dopo il pareggio a reti inviolate dell’Uruguay contro la Corea del Sud. “Noti che sta camminando sulle sue ultime dita”, ha detto l’analista. ILLUMINATO. “Sembra un po’ pesante e ovviamente ha anche perso molto in termini di esplosività. Era come se avesse un sacco di patate sulla schiena. Van Hooijdonk ha concordato. “Quando lo vedi correre così è come se avesse quindici chili troppo su di lui. Sono convinto che sia molto meno in forma rispetto a quando giocava a Barcellona e Atlético Madrid.

READ  Parma-Milan in 3 chiavi: Théo, mentalità, assistenti di Ibrahimovic

Suárez ha lasciato l’Atlético la scorsa estate, dopodiché ha firmato con il Nacional in Uruguay. Con questo club è diventato campione del paese sudamericano a fine ottobre. Secondo Van Hooijdonk, il fatto che Suárez ora giochi a calcio in Uruguay non significa che non possa più fare nulla lì. “Ma in termini di forma fisica, devi prenderti cura di te stesso, e poi devi essere il più in forma possibile all’inizio. Fa male al giocatore di Suárez come lo conosciamo”, ha detto l’ex attaccante.

Suárez è attualmente a parametro zero dopo la scadenza del suo contratto con il Nacional. Con l’Uruguay partecipa al suo quarto Mondiale, avendoci già giocato nel 2010, 2014 e 2018. Dopo il pareggio con la Corea del Sud e la sconfitta con il Portogallo, lo attende un’altra partita del girone il Celeste: venerdì prossimo contro il Ghana.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *