Alpinista indiano salvato vivo da un crepaccio dopo tre giorni |  All’estero

Alpinista indiano salvato vivo da un crepaccio dopo tre giorni | All’estero

Alpinista indiano salvato vivo da un crepaccio dopo tre giorni |  All’estero
Uno scalatore indiano è stato salvato vivo dopo tre giorni da un crepaccio in Nepal. Anurag Maloo è sceso dal Monte Annapurna lunedì, è finito nel canyon ed è stato trovato in condizioni critiche dai soccorritori giovedì, riferisce notizie della BBC.

L’Annapurna è la nona montagna più alta del mondo. La vetta culmina a più di 8.000 metri. Questa montagna è nota per il suo tradimento.

Maloo è scomparso a circa 6.000 metri. Secondo suo padre, è scivolato durante la discesa ed è finito in uno spazio tra due campi, riferisce L’espresso indiano. Attualmente è ricoverato in un ospedale della città nepalese di Pokhara.

Secondo Amit Chowdhury dell’organizzazione di sport di montagna UIAA, hai buone possibilità di sopravvivere in un canyon glaciale. “Un crepaccio è più caldo e ben protetto dal vento. Quindi, se non è stata gravemente ferita, non è raro che sopravviva”, ha detto in precedenza al BBC.

Martedì nella zona sono già stati soccorsi altri due alpinisti. La durata della loro scomparsa non è stata rivelata. Di recente è arrivato uno scalatore dall’Irlanda per la vitasubito dopo aver raggiunto la cima dell’Annapurna.

Siamo curiosi di conoscere la tua opinione su questo articolo. Clicca su qua per lasciare i tuoi commenti in un breve questionario di un minuto.

READ  Variante Covid, Johnson pensa al blocco nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *