Gli scienziati vedono il “ghiacciaio della Groenlandia completamente privo di interesse” diventare improvvisamente interessante (e non va bene)

Gli scienziati vedono il “ghiacciaio della Groenlandia completamente privo di interesse” diventare improvvisamente interessante (e non va bene)

Il ghiacciaio era una volta uno dei ghiacciai più stabili della Groenlandia. Ma ora si sta improvvisamente ritirando a un ritmo senza precedenti.

Per anni nessuno ha guardato il ghiacciaio Steenstrup; ghiacciaio situato a nord-ovest della Groenlandia. Il ghiacciaio è stato classificato come “poco interessante”, che, nonostante il riscaldamento globale, ha retto bene. Quindi gli scienziati erano più preoccupati per il ghiacciaio Thwaites e il ghiacciaio Jakobshavn, due bambini irrequieti che stanno perdendo ghiaccio a un ritmo rapido. Tuttavia, ora sembra che anche i ghiacciai più stabili non siano così stabili come sembrano. Perché ora anche Steenstrup sta deperendo alla velocità della luce.

Ghiacciaio Steenstrup
I ricercatori hanno scoperto che tra il 2018 e il 2021 il ghiacciaio Steenstrup si è ritirato di circa otto chilometri e si è ridotto di circa il 20%. La quantità di ghiaccio rilasciato nell’oceano è raddoppiata e la velocità con cui si muove il ghiacciaio è quadruplicata. I ricercatori sottolineano che un cambiamento così importante non ha precedenti. Sebbene il ghiacciaio Steenstrup fosse uno dei ghiacciai più stabili della Groenlandia, ora può improvvisamente essere incluso nell’elenco dei ghiacciai che contribuiscono in modo significativo al flusso totale di ghiaccio nella regione.

Riscaldamento dell’acqua di mare
Negli ultimi decenni, gran parte di questa perdita è stata attribuita all’accelerazione del deflusso del ghiaccio dai ghiacciai a contatto con l’oceano. Ma negli ultimi anni, i ricercatori hanno visto un aumento sempre crescente del deflusso del ghiaccio. Molti glaciologi ritengono che questo recente aumento possa essere spiegato dal riscaldamento delle acque che entrano nei fiordi della Groenlandia dall’Oceano Atlantico, passaggi critici che potrebbero influenzare la stabilità dei ghiacciai locali. Il team di ricerca ha deciso di testare questa teoria studiando un ghiacciaio nella regione nord-occidentale della Groenlandia, il ghiacciaio Steenstrups.

READ  Apple annuncia Final Cut Pro e Logic Pro per iPad - IT Pro - Novità

Non interessante
“Fino al 2016, non c’era alcuna indicazione che Steenstrups fosse anche lontanamente interessante”, ha detto il ricercatore Thomas Chudley. “Molti ghiacciai in Groenlandia si sono ritirati in modo significativo dagli anni ’90 e stanno contribuendo in modo significativo all’innalzamento del livello del mare. Ma Steenstrups non era sicuramente uno di questi. Per quanto ne sanno gli scienziati, questo ghiacciaio non solo era stabile da decenni, ma generalmente non rispondeva alle temperature in aumento che avevano colpito tanti altri ghiacciai. Ciò era probabilmente correlato alla posizione isolata di Steenstrup in acque poco profonde.

Cambiamento climatico
È stato solo quando Chudley ei suoi colleghi hanno raccolto dati su Steenstrups che si sono resi conto che il cambiamento climatico stava colpendo anche questo ghiacciaio. “La nostra ipotesi attuale è che l’aumento delle temperature oceaniche abbia costretto la ritirata”, ha detto Chudley. “Il fatto che la velocità con cui si muove il ghiacciaio sia quadruplicata in pochi anni solleva nuove domande sulla rapidità con cui le masse di ghiaccio stanno rispondendo ai cambiamenti climatici”.

Il livello del mare sale
Negli ultimi anni, i dati satellitari hanno permesso agli scienziati di stimare con precisione la quantità di ghiaccio glaciale ai poli e come, se si sciogliesse completamente, potrebbe influenzare gli attuali livelli del mare.Ad esempio, se la calotta glaciale della Groenlandia dovesse sciogliersi completamente, questo da solo potrebbe innalzare il livello del mare di circa 7,5 metri. In Antartide, le conseguenze sarebbero anche peggiori. In questo caso si deve tener conto di un innalzamento del livello del mare non inferiore a sessanta metri. Fortunatamente, questo richiederà tempo. Probabilmente ci vorrebbero secoli perché la Groenlandia e l’Antartide si sciolgano completamente. Ma se la calotta glaciale dell’Antartide occidentale si esaurisce, il livello del mare potrebbe salire di altri due metri in questo secolo.

READ  Factorio arriverà su Nintendo Switch il 28 ottobre con multiplayer e crossplay – Gaming – News

Zone costiere basse
Anche questo avrebbe conseguenze significative, poiché circa il dieci per cento della popolazione mondiale vive in zone costiere basse. “Qualsiasi aumento significativo del livello del mare rappresenta quindi un rischio per le isole basse e le comunità costiere”, sottolinea Chudley. Nonostante i risultati allarmanti, non è troppo tardi. “Se la politica climatica si muove rapidamente, potremmo ancora avere la possibilità di fermare il peggio dell’innalzamento del livello del mare”, ha detto Chudley.

Ghiacciai “stabili”.
In totale, i ricercatori se ne vanno con il loro studio Steenstrup visto che anche i ghiacciai stabili a lungo termine possono ritirarsi rapidamente e improvvisamente, poiché l’acqua più calda invade nuovi ambienti. I ricercatori hanno in programma di continuare a osservare il ghiacciaio. Inoltre, dicono che è altrettanto importante che altri ghiacciai simili siano attentamente monitorati. Perché potrebbero esserci ancora più ghiacciai considerati poco interessanti che si ritirano segretamente nel frattempo a causa dell’aumento delle temperature oceaniche.

Una migliore comprensione di ciò fornirà importanti spunti, in particolare su come i ghiacciai prosperano in altri luoghi della terra. E forse possiamo anche vedere da questo come queste aree cambieranno in futuro. “Ciò che sta accadendo in Groenlandia ora è un presagio di ciò che potremmo vedere nell’Antartide occidentale nei secoli a venire”, avverte Chudley. “Quindi sarebbe interessante andare nei fiordi e vedere di persona come e perché Steenstrup sta cambiando”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *