AMD, Google, Microsoft e Nvidia annunciano Caliptra Root-of-Trust Alliance – Informatica – Notizie

Certo che non puoi. L’intero sistema non ha lo scopo di darti più fiducia nel tuo computer. Sembra una nuova versione di “trusted computing”. E con “fiducia” non significano qui che puoi fidarti del tuo computer, ma che gli altri possono fidarsi del tuo computer per non fare cose che non vogliono che facciano. Pensa ai creatori di contenuti, agli sviluppatori di software, ecc. che vogliono impedirti di copiare qualcosa. Tutta questa “fiducia” è in realtà l’opposto della fiducia per te come utente. Puoi effettivamente fidarti meno del tuo computer, perché ha ulteriori possibilità per proteggerti di più. E più livelli e profondità incorporano, meno puoi fidarti che il tuo computer è ancora tuo e non funziona contro i tuoi interessi in background. Perché pensi che MS insista sempre di più sul fatto che un chip TPM sia richiesto per le nuove versioni di Windows, mentre a una distribuzione Linux non importa se ne ha uno o meno? MS ha qualcosa da proteggerti, Linux ti consente di fare quello che vuoi.

Quindi la domanda è davvero: ti fidi delle aziende per rappresentare i tuoi interessi o i loro? In quest’ultimo caso, presumo che vorrebbero offrire questi tipi di sistemi ai produttori di DRM (audio/video, giochi, ecc.), ai governi e a tutte le altre parti che hanno interesse ad avere un certo controllo per avere il tuo computer.

L’articolo sopra sembra voler estendere il TPM da un sistema userspace a qualcosa che utilizzerà l’hardware stesso per assicurarsi di non averlo incasinato. Buono se a volte armeggi con il tuo PC. Suona un po’ in stile Apple, ma dal mondo dei PC. Almeno so che non voglio un computer con quel tipo di spazzatura. Dire cose sull’open source è uno scherzo. L’informatica affidabile e l’open source non vanno d’accordo, quindi questi sono ottimi per contrastare le critiche. Se lo compili tu stesso e in qualche modo sostituisci il firmware sul tuo sistema, non avrai ancora una chiave di firma da nessuna di queste multinazionali statunitensi e il tuo hardware verrà quindi rifiutato dalla società Fondamentalmente lo stesso di come Ubuntu deve avere i suoi kernel firmati da Microsoft per funzionare su un computer con l’avvio protetto abilitato. Diventano così i custodi del materiale e nessuno potrà produrre altro materiale senza il loro permesso, poiché questo materiale non ha una firma valida da Big Tech.

READ  Calciomercato Inter, blitz e firma | Ma i tifosi non ci sono!

I computer diventano sempre meno divertenti nel corso degli anni. Sempre più enfasi sul controllo aziendale, sempre meno libertà per l’utente…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *