Anche la Chiesa ortodossa ha un ruolo nella guerra in Ucraina

Anche la Chiesa ortodossa ha un ruolo nella guerra in Ucraina

ducurodionoff | Flickr | Creative Commons di-nd

Notizie ONS

  • Wessel de Young

    giornalista, ora in Ucraina

  • Wessel de Young

    giornalista, ora in Ucraina

Il presidente Zelensky vuole bandire tutte le chiese che mantengono ancora legami con il Patriarcato di Mosca. La legge che regola questo è stata discussa per la prima volta nel parlamento ucraino giovedì scorso. La proposta dovrebbe essere rapidamente adottata dal Parlamento.

Il divieto previsto non è inaspettato. Tra tutti gli attacchi missilistici e le notizie in prima linea, alla fine di novembre, dall’Ucraina sono arrivate all’improvviso notizie completamente diverse: “I servizi segreti invadono il monastero di Pesjersk Lavra”. Decine di leader religiosi sono stati arrestati, nella chiesa sarebbero state perquisite armi.

Il monastero di Pechersk Lavra, noto anche come il monastero della grotta, è il centro abbagliante di Kiev. Guidando verso la capitale, attraverso il Dnepr, le cupole dorate ti brillano addosso. È un intero complesso, compreso un seminario e un luogo di pellegrinaggio. Nei passaggi sotterranei, nelle grotte, si possono trovare tutte le possibili reliquie. Inverno, estate: è sempre pieno di credenti.

La Chiesa come fonte di tensione

Le notizie su rastrellamenti e arresti, 33 in totale, hanno sollevato perlopiù interrogativi. È chiaro da tempo che la Chiesa è fonte di forti tensioni con la Russia. Se non altro perché il presidente Putin ha citato la cosiddetta unità di tutti i credenti ortodossi come uno dei suoi tanti motivi per invadere l’Ucraina. Non si è quindi fatta attendere una furibonda reazione di Mosca alle azioni della SBOe, i servizi segreti ucraini.

READ  Documenti trapelati mettono in dubbio Zelensky "amante della pace". "Voleva agire molto più forte contro la Russia"

Gli arresti e il raid sono direttamente collegati all’invasione russa del 24 febbraio. “Tra i sacerdoti e i monaci c’erano diverse persone di nazionalità russa con legami con i servizi di sicurezza della Federazione Russa”, ha detto Viktor Yagun, ex generale dei servizi di sicurezza ucraini.

Dice che c’era il timore che queste persone sostenessero l’avanguardia militare russa, che voleva raggiungere il centro del governo il più rapidamente possibile per deporre Zelenskyj. Il complesso Lavra si trova a poche centinaia di metri dagli edifici presidenziali.

È stato immediatamente posto sotto stretta sorveglianza, dice Jagoen. “I sostenitori del mondo russo così vicini al centro del potere sono indesiderabili”.

PAPÀ

Credenti al monastero di Pechersk Lavra all’inizio di questo mese. Il monastero può essere visto da gran parte di Kiev

I sacerdoti-agenti segreti sarebbero dovuti entrare in contatto con i paracadutisti russi diretti al centro del potere ucraino. Solo: questi paracadutisti non sono mai andati così lontano. Avevano programmato di prendere i tre aeroporti intorno a Kiev, ma non ci sono mai riusciti a causa della feroce resistenza ucraina.

Non è chiaro perché questi ecclesiastici avanzati non siano stati immediatamente arrestati. Con gli arresti, il presidente Zelensky sembra ora rispondere principalmente alla crescente rabbia popolare, scatenata dalle preghiere nella Lavra dove si dice che il patriarca di Mosca sia ancora venerato. La maggior parte degli ucraini crede che ciò non sia possibile. “Zelensky doveva intervenire, altrimenti ci sarebbero stati linciaggi nelle chiese”, pensa Jagoen. Questa rabbia popolare sarebbe anche lo sfondo principale della nuova legge.

“Il divieto totale è impossibile”

Jagoen pensa che un divieto totale alle parrocchie ancora fedeli al Patriarca di Mosca non sia un’opzione. Sono ancora più di 12000. Secondo l’ex generale, ogni chiesa deve guardare a ciò che i predecessori hanno trasmesso come messaggio. L’azione dovrebbe essere intrapresa solo se il diritto all’esistenza dell’Ucraina viene negato dal pulpito e c’è una propaganda attiva per il mondo russo, cioè Russia e Ucraina unite.

READ  La Russia vede diminuire la propria superiorità nelle armi pesanti mentre l'Ucraina recupera terreno

Il capo del seminario di Lavra non ha né negato né confermato la presenza di agenti segreti nel monastero. “Non controlliamo i passaporti all’ingresso”, afferma padre Mytrofan. “Può benissimo essere che siano stati visti qui, che abbiano acceso una candela qui. I servizi non hanno mai mostrato alcuna prova.”

Pensa che dovrebbe esserci un’indagine indipendente. “E non da persone che non sanno distinguere il Corano dalla Bibbia”, dice ridendo, ma anche con rabbia.

AFP

Il patriarca Cirillo di Mosca durante una messa di novembre

Padre Mytrofan e altri membri del clero della sua Chiesa ortodossa si oppongono fermamente alle apparenze. Solo a maggio sono stati interrotti i legami con il patriarca di Mosca Kirill, che sostiene pienamente la guerra. Kirill ha definito martiri i soldati russi morti in Ucraina.

La rottura con lui è avvenuta circa tre mesi dopo lo scoppio della guerra e non è stata vissuta dagli ucraini come un atto di patriottismo, ma piuttosto come un gesto per salvare ciò che ancora poteva essere salvato dalla reputazione danneggiata.

Prega nella tua lingua

Nel 2019 parte della chiesa si era già separata. Da allora, sempre più parrocchie hanno disertato verso la Chiesa ortodossa ucraina. Circa il 10% delle 12.000 denominazioni ortodosse sono ora affiliate a questa chiesa ucraina indipendente.

Una di queste comunità religiose disertate si trova nella città di Zazimje, appena fuori Kyiv. La Chiesa della Resurrezione di Cristo ha 800 membri. “Tutto deve essere combattuto”, dice una donna dopo aver assistito alla messa sulla transizione della sua chiesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *