apprendimento a distanza per le scuole superiori

La Svezia è nel bel mezzo della seconda ondata del coronavirus e per questo continua l’inasprimento delle regole di allontanamento sociale. Il primo ministro svedese, Stefan Löfven, ha annunciato la chiusura di tutte le classi secondarie superiori, quelle frequentate da studenti dai 16 anni in su, e il passaggio alla formazione a distanza, misura da lui definita “necessaria” per ridurre la ‘infezione.

Azione richiesta

“Dovrai cambiare il tuo modo di studiare. Capisco perfettamente che non è facile, ma nella situazione attuale è necessario”, ha detto Löfven in una conferenza stampa, avvertendo che “non lo è non è un inizio per le vacanze di Natale, non è il via libera alle serate con gli amici, dovremo continuare a studiare ”. Il prossimo anno le lezioni dovrebbero poi tornare di persona. La Svezia non si è mai imposta misure di blocco, preferendo concentrarsi sul rispetto delle regole di allontanamento sociale. Inizialmente, sembrava che la seconda ondata non fosse arrivata nel paese, il che ha fatto sperare che si fosse formata una certa immunità collettiva, ma il mese scorso la situazione è peggiorata al punto che è stato imposto anche il divieto. incontri per gruppi di più di otto persone in luoghi pubblici come ristoranti e bar, che non è stato organizzato nemmeno durante la prima ondata in cui questo numero è stato mantenuto a 50. In precedenza, i residenti delle regioni più colpite, fino a 17 su 20, era stato esortato a evitare i trasporti pubblici, i centri commerciali, i musei, le palestre e le piscine. Tutte le misure sono sempre volontarie ma sempre più rigorose.

READ  Torna indietro, sbrigati. Ma dove andare? - Paul B. Preciado

Elevato numero di infezioni

In effetti, i tassi di infezione, ospedalizzazione e mortalità sono nuovamente aumentati, diventando tra le più alte d’Europa e ben al di sopra di quelli dei suoi vicini settentrionali, con la Svezia che ha registrato più di mille morti per coronavirus solo nell’ultimo mese, più di quelle in Finlandia, Norvegia e Islanda messe insieme la pandemia. Con poco più di dieci milioni di abitanti, il Paese ha registrato finora più di 278.000 contagi e circa 7.000 decessi, molto di più dei suoi vicini scandinavi, ma meno di altri Paesi europei. Johan carlson, il direttore dell’agenzia di sanità pubblica che fornisce la guida al governo, ha spiegato che “l’obiettivo principale della misura è ridurre il sovraffollamento nella società nel suo insieme, ad esempio nel trasporto pubblico. Ma abbiamo anche un livello significativo di infezione in questa fascia di età “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *