Arturi risponde al tifoso dell’Inter preoccupato per i cambiamenti

Colonne del Gazzetta dello Sport, Franco Arthur risponde preoccupato il tifoso nerazzurro per cambiare il logo e il nome del club. Il giornalista risponde: “Capisco però l’allarme di tanti tifosi, che per anni sono stati colpiti da piccoli attacchi al riconoscimento della propria squadra, a cominciare dalla seconda e terza maglia, spesso assurde. Il nome resta sacro, coincide con l’identità, è intoccabile. Tutto sta cambiando, anche se l’impulso a ritualizzare il passato è alla base della nostra umanità e anche dei tifosi di calcio. Qualcosa sta andando più veloce dell’altra: per esempio, la proprietà straniera, di cui parli, ora è digerita “.

“Ma se lo avessero predetto solo vent’anni fa, non ci avremmo creduto. Solo i più anziani tra noi desiderano proprietà autarchiche. Su questo fronte, infatti, si potrebbe concludere che l’interesse di magnati, club e fondi esteri sia segno dell’apprezzabile vitalità del calcio italiano o del singolo club. Alla fine le radici, quelle che non si possono tagliare senza condannare a morte l’albero, rimangono il nome, i colori sociali e la città natale “.

(Gazzetta dello Sport)

READ  Modi rapidi per verificare le immagini onlin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *