Atalanta-Roma, cancellata tutta la verità sul gol di Palomino: il caos del VAR e la furia di Gasperini | Prima pagina

Una nuova situazione arbitrale destinata a essere discussa; un nuovo episodio con lo sfortunato VAR e protagonista decisivo nella valutazione di un’azione che ha avuto un notevole peso specifico nello sviluppo di Atalanta-Roma, la partita che ha aperto il programma sabato della diciottesima giornata di Serie A. L’annullamento del possibile 2-2 nerazzurro, per posizione di fuorigioco di Palomino, ha scatenato la furia di Gian Piero Gasperini, che ha accusato l’arbitro Irrati e il VAR Nasca di aver fornito una ricostruzione grossolanamente errata dell’episodio.

EPISODIO – È il 68esimo quando un pallone da destra viene allungato alla spalla da Duvan Zapata verso il secondo palo: in area ci sono il centrocampista della Roma Bryan Cristante e il difensore dell’Atalanta José Palomino e, secondo le immagini offerte dalla TV, il tocco decisivo del giocatore giallorosso che mette fuori gioco Rui Patricio. Innanzitutto Radio non rileva nulla e assegna il gol all’Atalanta ma pochi istanti dopo, richiamato da La Nasca per fuorigioco partenza dalla centrale argentina – annulla tutto. Nulla da dire sul fatto che come dicono i replay è in posizione irregolare, essere davanti a tutti ma, in base alla ricostruzione post partita di Gasperini, il caos nasce dalla motivazione data dal VAR all’arbitro per prendere la sua decisione finale. L’allenatore di Atalantino, visibilmente infastidito, dice infatti che Nasca avrebbe avvertito il collega di un presunto tocco di Palomino per spingere il pallone in porta, di cui però non ci sono prove. nelle immagini fornite.

CONFUSIONE IN VAR – Sulla base di un’indicazione così chiara e perentoria, per il protocollo in vigore l’arbitro non è obbligato a controllare il monitor e segnala automaticamente il fuorigioco del giocatore nerazzurro. Tutto cambia se oggetto delle attenzioni del VAR e dell’arbitro diventa invece il comportamento di Palomino in relazione alla scommessa poi fatta da Cristante: L’autogol del romanista è stato in qualche modo indotto dal movimento dell’avversario alle sue spalle, che quindi partecipa attivamente e si mette in posizione irregolare? Questa diventa una situazione in cui, regola alla mano, l’interpretazione finale diventa responsabilità del solo arbitro, quindi di Irrati, chiamato ad un sull’esame sul campo per risolvere la questione.

READ  altro stop alla caviglia e va in Belgio per le cure ”- SOS Fanta

Una circostanza che non si è verificata sul campo e che almeno alimenta il sospetto che lo sfogo di Gasperini parli di un errore abbastanza evidente nell’interpretazione del ricorso e, di conseguenza, di un uso improprio del VAR. Allo stesso tempo, il tecnico dell’Atalanta ha sollevato la possibilità che gli arbitri possano spiegare pubblicamente questo tipo di decisione, per motivi di massima trasparenza: un appello che rischia di cadere nel vuoto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *