Attenzione alle multe da 600 a oltre 2.000 euro perché non c’è tolleranza per gli automobilisti distratti

In alcune circostanze, un errore imprudente può essere costoso, soprattutto se si considera che avrebbe potuto essere facilmente evitato. Ma come tutti sanno, capita a chi vive momenti di stress e maggiore stanchezza. Quando la soglia della vigilanza si abbassa proprio a causa di un accumulo di tensione e ansie, siamo più frequentemente esposti a grossolani errori. Si consiglia quindi di prestare attenzione alle multe da 600 a oltre 2.000 euro perché non c’è tolleranza per l’automobilista distratto. Si consiglia quindi di non abbassare la guardia, soprattutto quando si deve guidare un veicolo.

Il governo Draghi sta intervenendo per sostenere la difficile situazione dei contribuenti indebitati. Non a caso “L’Agenzia delle Entrate cancellerà le pratiche per multe stradali e bollo auto fino a 5.000 euro“. Tuttavia, bisogna stare attenti con multe da 600 a oltre 2.000 euro in quanto non c’è tolleranza per l’automobilista distratto. E non ci si può aspettare clemenza da parte delle forze governative o dell’amministrazione fiscale poiché le sanzioni riguardano la polizza assicurativa, e quelle chi non riesce a pagare la propria assicurazione auto in tempo riceverà multe salate senza sconti penali.

Attenzione alle multe da 600 a oltre 2.000 euro perché non c’è tolleranza per gli automobilisti distratti

Un atto di distrazione costerà un prezzo elevato al proprietario dell’auto che non rinnova il pagamento del premio assicurativo. Secondo122 del Codice delle Assicurazioni ogni automobilista che circola sulla pubblica via è obbligato a sottoscrivere una RCA.

Nello specifico si tratta di coloro che stipulano polizze di durata semestrale che garantiscono effettivamente coperture assicurative a termine. Se l’automobilista guida l’auto senza rinnovare i regolamenti di polizia, percepisce sanzioni che partono da un minimo di 687 euro e arrivano a 2.754 euro. Inoltre, in caso di assicurazione a termine per un periodo di sei mesi, non è possibile usufruire del periodo di grazia di 15 giorni dopo la data di scadenza. Pertanto, rispetto all’assicurazione annuale, l’assicurazione semestrale non prevede la possibilità di pagare il premio due settimane dopo la data di scadenza. Gli automobilisti distratti che non tengono conto del termine per il rinnovo della polizza assicurativa sono quindi esposti al rischio di sanzioni e sequestro del veicolo.

READ  L'appuntamento con il bollo auto: che rischia grande

Approfondimento

Quali sono le assicurazioni auto e moto più economiche nel 2021?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *