Autopsia Maradona, le cause della morte: “Una lunga agonia”

Buenos Aires, Argentina) – È trascorso quasi un mese dalla morte di Diego Armando Maradona ed è solo ora che le prime indiscrezioni sui risultati delautopsia. A pubblicarli è il quotidiano argentino Olè, che spiega come gli esami abbiano escluso che El Diez avesse consumato alcol o droghe nei giorni precedenti la sua morte. Le analisi hanno confermato anche l’assenza di farmaci per le malattie cardiache, che, invece, avevano tracce di farmaci psicotropi.

Guarda la gallery

Da Laurentiis e Osimhen all’inaugurazione della stazione “Mostra-Maradona”

Autopsia di Maradona, i risultati

Secondo l’autopsia, Maradona è morta per edema polmonare acuto, associato all’esacerbazione dell’insufficienza cardiaca cronica (il cuore di Diego aveva cardiomiopatia dilatativa e pesava 503 grammi, quasi il doppio di un normale). Inoltre, sono state trovate tracce di probabile cirrosi all’interno del fegato, all’interno dei polmoni la rottura di sette alveoli e un focolaio con edema intralveolare, mentre nei reni necrosi tubulare acuta. Diego purtroppo non è scomparso per una morte improvvisa, ma dopo un’agonia nel letto dove ha riposato che è durata dalle sei alle otto ore.

L'ultima casa di Maradona

Guarda la gallery

L’ultima casa di Maradona

Accusa di negligenza medica

Informazioni che molto probabilmente saranno decisive in relazione al procedimento penale avviato a seguito di denunce per negligenza medica avviate dall’avvocato Matías Morla. Ecco le parole rivolte a Telam da uno degli inquirenti del caso: “Ciò che è venuto fuori è importante quanto ciò che non è emerso da questi test di laboratorio, che a prima vista confermano che Maradona ha ricevuto farmaci psicoattivi, ma non farmaci per la sua malattia cardiaca.“.

Insignia ottiene un tatuaggio sul viso di Maradona

Guarda il video

Insignia ottiene un tatuaggio sul viso di Maradona

READ  Az Alkmaar, UFFICIALE: 13 casi di Covid: "Uefa conferma partita a Napoli, solo le autorità locali possono squalificare" | Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *