autorizzato in 40 paesi, 1,3 miliardi di dosi previste nel 2021

Covid, il vaccino Pfizer-BioNTech si chiama Comirnaty: autorizzato in 40 paesi, 1,3 miliardi di dosi nel 2021

Il 21 dicembre 2020 rimarrà una data storica: meno di un anno dai primi casi di Covid identificato nel nostro continente, la Commissione Europea ha ufficialmente autorizzato a vaccino. Questa accelerazione consentirà di iniziare la vaccinazione domenica prossima in contemporanea in diversi paesi europei. In Italia i primi vaccinati saranno dieci operatori Spallanzani.

Ma vediamo alcune curiosità sul nuovo vaccino anti-Covid a cui la Commissione Europea ha concesso l’autorizzazione condizionata all’immissione in commercio. Come è noto, è sviluppato e prodotto con l’innovativa tecnologia mRNA di Pfizer (Americano) e BioNTech (tedesco). Ma come si chiama il prodotto? Fino ad oggi è sempre stato chiamato BNT162b2, ma il nome commerciale è un altro: Comirnaty. Cosa significa? Il comunicato stampa ufficiale di Pfizer e BioNTech spiega: “Rappresenta una combinazione dei termini COVID-19, mRNA, comunità e immunità, per evidenziare la prima eliminazione di un vaccino a RNA messaggero (mRNA), nonché gli sforzi partner a livello globale che hanno reso possibile questo risultato con un rigore ed efficienza senza precedenti, mettendo la sicurezza in prima linea durante questa pandemia globale ”.

Dopo il via libera dai 27 paesi dell’Unione Europea, 40 paesi nel mondo hanno già autorizzato il vaccino Pfizer: il primo è stato la Gran Bretagna, tra gli altri USA, Canada, Messico e Singapore.

Ma quante dosi verranno prodotte? La risposta a questa domanda è molto importante vista la rapida diffusione del virus durante la seconda ondata in Europa e in America. Pfizer e BioNTech prevedono di “fornire fino a 50 milioni di dosi di vaccino a livello globale entro il 2020 e fino a 1,3 miliardi di dosi entro la fine del 2021 (soggetto alla capacità di produzione e approvazione o autorizzazione normativa) ”. Quanti arriveranno nell’Unione Europea? Pfizer e BioNTech avevano precedentemente annunciato un accordo con la Commissione Europea per fornire 200 milioni di dosi di vaccino agli stati membri dell’UE; l’UE ha la possibilità di acquistare 100 milioni di dosi aggiuntive nel 2021 ”. Il 12,5 per cento è destinato all’Italia.

READ  Direzione Covid, "accuse infondate contro Conte e sei ministri": la Procura di Roma chiede di sporgere denunce contro il governo

Una parte significativa della produzione avviene in Europa: le dosi di vaccino per il nostro continente saranno preparate dai siti di produzione di BioNTech in Germania e dal sito di produzione di Pfizer a Puurs, in Belgio. Un terzo sito sarà aperto a Marburg, sempre in Germania.

Cosa succederà ai volontari che hanno ricevuto la dose di placebo durante lo studio (quindi non hanno ricevuto il vaccino)? Come sappiamo, nella fase 3 sono stati coinvolti 44.000 volontari, ma la metà, per verificare il reale effetto del farmaco, ha ricevuto un placebo a loro insaputa. Come tutti noi, anche questa metà è a rischio di contagio. Spiegano di Pfizer-BioNTech: “Offriamo un’opzione di transizione vaccinale che consente ai partecipanti allo studio di età pari o superiore a 16 anni che hanno ricevuto il placebo di ricevere il vaccino come parte dello studio. Questa opzione è volontaria e verrà attuata gradualmente ”.

Ultimo aggiornamento: 22:12


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *