Avvistato su Strava: Evenepoel vola al penultimo giro, Van Vleuten ringrazia 68 pugni all’ora

I Mondiali di ciclismo di Wollongong si sono rivelati uno spettacolo bizzarro, causato da guasti alle attrezzature, incidenti, persino arresti e, soprattutto, grandi risultati sportivi. In questa sezione, diamo uno sguardo ai numeri dietro le prestazioni di due nuovi campioni del mondo: Annemiek van Vleuten e Remco Evenepoel.

Da Vleuten a spesso 68 all’ora al titolo

‘Campione del mondo! Pazzo pazzo! Sopra la luna, così felice! È stata firmata Van Vleuten dopo il titolo mondiale nella corsa su strada femminile. Ora l’olandese sarà sempre stata contenta di una maglia iridata, ma la storia che ha scritto ora ha reso la gioia ancora più grande. Tre giorni prima della gara su strada, si è schiantata pesantemente nella staffetta a squadre miste, provocando una frattura al gomito. Prima di sabato era in testa, ma non più. Fino a quando non sarà ancora sulle gengive in finale, accelera e vai in solitaria verso il titolo appena prima del gruppo!

In totale, Strava ha percorso 162,35 chilometri nella corsa su strada di Van Vleuten. È rimasta in sella per più di quattro ore, ha scalato 2.349 metri di dislivello e ha percorso una media di 37,1 chilometri orari per tutto il giorno. Tuttavia, i numeri mostrano che Van Vleuten ha lottato. Alla penultima volta sul Mount Pleasant, ha raggiunto la vetta in 5,03 minuti. Liane Lippert lo ha fatto in 4,47 minuti e se ne è andato con altri quattro. Van Vleuten era sempre stato lì come al solito, ma ora doveva limitare i danni.

Fortunatamente per lei, dopo ogni visita a Mount Pleasant, calava il silenzio. Anche Lippert e i suoi compagni hanno provato di nuovo l’ultima volta, ma verso il traguardo sono caduti di nuovo in pezzi. Riorganizzarsi è stato il momento per Van Vleuten di accelerare, a circa 700 metri dal traguardo. A Strava è bello vedere se selezioniamo l’ultimo miglio. Ha raggiunto un massimo di 68,7 chilometri orari nella finale finale, a una media di 51 chilometri orari, compreso un brutto dosso al traguardo. Salva tutto per la fine, cappello!

READ  "La Real Sociedad è fantastica, che impresa per il Napoli! È tornato in testa al K2"

Evenepoel getta le basi per il titolo mondiale nel penultimo round

Com’è stata diversa la partita di Evenepoel domenica. Il belga è stato coinvolto all’inizio della gara, ha chiarito lui stesso le cose e ha finito per mettersi al volante solo con Alexey Lutsenko. Quando anche il kazako è stato sapientemente demolito, aveva ancora 25,8 chilometri di sforzo in solitario da percorrere fino al traguardo. Evenepoel ha percorso un totale di 263,57 chilometri Strava – inclusi 3.927 altimetri – a un ritmo mostruoso di 42,2 chilometri orari. È stato bello che Evenepoel abbia fatto un complimento ai suoi compagni di squadra su Strava con la didascalia “Team Belgium on point”, ma lo ha fatto principalmente con le proprie gambe.

Il penultimo giro del circuito locale è stato il più veloce di Evenepoel. È stato il round in cui ha eliminato Lutsenko sul Monte Pleasant. Si è precipitato Tratto di 16,93 chilometri da 47,3 (!) chilometri orari, spesso con la testa controvento. Un ritmo assurdo, visto che Jake Stewart arriva secondo nella lista dei KOM con un tempo di 21,54 minuti. Tadej Pogacar è stato non meno di 32 secondi più lento di Evenepoel in un giro. Wout van Aert era il più veloce della giornata sul Mount Pleasant in 2,12 minuti, Evenepoel non ha nemmeno ottenuto la grande vittoria e ha registrato il suo miglior tempo di arrampicata con 2,20.

Evenepoel era semplicemente uno sconosciuto negli ultimi 26 chilometri. Sebbene fosse iniziato un inseguimento, non avevano mai più visto il belga. Evenepoel ha tuonato a una media di 44,1 km/h sul percorso durante la sua finale in solitaria. E pensare che stava già festeggiando nell’ultimo chilometro. Pogacar e soci avrebbero dovuto arrivare alla media di 50, se avessero voluto ancora avere una possibilità. Uccello volato via, niente più da fare!

Avvistato su Strava: Evenepoel vola al penultimo giro, Van Vleuten ringrazia 68 pugni all'ora

Vorecchio più avvistato su Strava, clicca qui.

Bram van der Ploeg (Twitter: @BvdPloegg | e-mail: [email protected])

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.