Biden contro Cina e Russia: “l’America è tornata per difendere le democrazie”

DALL’APPROCCIO A NEW YORK. La frase chiave di Biden nel discorso di ieri alla conferenza sulla sicurezza di Monaco di quest’anno in formato digitale è stata “punto di svolta”. Siamo a un punto di svolta nella storia, in cui ogni paese deve scegliere il proprio campo: con democrazie o autocrazie. Da lì, tutto il resto declina. Con questa prima versione, aggiunta al G7, Biden avrebbe inviato il segnale che l’era Trump di “America First” era finita. Così ha subito chiarito: “L’America è tornata. L’alleanza transatlantica è tornata. È la pietra angolare di tutto ciò che speriamo di ottenere ”.

Poi ha ammesso: “So che questi ultimi anni di tensione hanno messo alla prova le nostre relazioni, ma gli Stati Uniti sono determinati a impegnarsi nuovamente con l’Europa. La nostra collaborazione è durata e si è sviluppata perché è radicata nella ricchezza dei nostri valori democratici comuni. Non è commerciale, né per trarne benefici. È costruito su una visione del futuro in cui ogni voce conta. Dove i diritti sono tutelati e la legge rispettata ”. Questo è il nocciolo della questione, anche per Washington, a giudicare dall’attacco al Congresso del 6 gennaio: “In troppi luoghi, tra cui Europa e Stati Uniti, il progresso democratico è minacciato”. Per difenderlo, “dobbiamo dimostrare che le democrazie possono ancora produrre risultati per il nostro popolo. Questa è la nostra missione galvanizzante. La democrazia non avviene per caso. Dobbiamo difenderlo, rafforzarlo, rinnovarlo. Dobbiamo dimostrare che il nostro modello non è una reliquia della storia. È il modo migliore per realizzare le promesse del futuro ”.

Per raggiungere questo obiettivo, Biden ha chiarito il quadro delle incomprensioni degli ultimi quattro anni: “Mi permetta di fugare ogni dubbio: gli Stati Uniti lavoreranno a stretto contatto con i suoi partner europei, Roma e Riga. Siamo pienamente impegnati nella NATO ”. Questo non vuol dire che Washington non spingerà per ulteriori investimenti nella difesa, ma non lo farà estorcendo i suoi alleati. Biden ha annunciato di aver revocato l’ordine di Trump di ritirare le truppe dalla Germania e ha confermato il rispetto dell’articolo V: “È una garanzia. Un attacco a uno di noi è un attacco a tutti noi. Questa è la nostra irremovibile promessa ”. In Afghanistan, ad esempio, resteremo tutti insieme fino a quando non sarà più una base per il terrorismo, anche se il predecessore voleva ritirarsi a maggio.

READ  Usa, i generali in relazione. Biden vuole riparare le lacrime di Trump

Un primo segno concreto di rinnovata collaborazione con gli europei è arrivato dal dossier iraniano, dove Washington si è concentrata su Bruxelles per riaprire il dialogo. L’UE chiederà alle parti di tornare al tavolo, senza concessioni o condizioni, per rilanciare l’accordo sul nucleare.

L’avversario comune più pericoloso, tuttavia, è Pechino, che sta spingendo la NATO ad espandere i propri confini. “Dobbiamo rifiutare l’abuso e la coercizione da parte del governo cinese, che mina il sistema economico internazionale. Tutti devono giocare secondo le stesse regole. Dobbiamo prepararci a una dura competizione strategica a lungo termine, nel cyberspazio, nell’intelligenza artificiale, nella biotecnologia ”. Biden non vuole una nuova guerra fredda, ma si aspetta che tutti gli alleati uniscano le forze per contrastare Pechino.

Anche il tradizionale nemico russo ha alzato la testa: “Il Cremlino sta attaccando le nostre democrazie e usa la corruzione come arma, per minare il nostro sistema di governo. Affrontare l’incoscienza russa e l’hackerare le nostre reti è diventato essenziale per proteggere la sicurezza collettiva. Le sfide poste da Mosca sono diverse da Pechino, ma altrettanto reali ”.

Queste scelte di terreno, fondamentali per salvare la democrazia, dipenderanno poi da come affrontare altre emergenze. Su Covid, già al G7, Biden ha ripreso la collaborazione multilaterale, firmando un assegno da 2 miliardi per i vaccini. Sul clima, in una conversazione presieduta dall’ambasciatore italiano a Washington Varricchio, l’inviato speciale Kerry “si è scusato per quanto accaduto negli ultimi quattro anni”, ma ha promesso di rilanciare l’impegno americano.

Il problema è che il danno fatto da Trump è grave e che un discorso non basta per rimediare. Su alcuni punti l’accordo non è scontato, come ha chiarito il Cancelliere Merkel, sottolineando che “con la Russia le sanzioni non hanno funzionato”, “non abbiamo fatto progressi sulla sovranità ucraina e la Cina” da un lato è un concorrente, ma dall’altro mano ne abbiamo bisogno “. Il riavvicinamento è quindi iniziato, ma la strada sarà lunga e complessa.

READ  Attacco pirata negli Stati Uniti, ha colpito anche l'agenzia di sicurezza nucleare | Fallo in Orion, password troppo semplice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *