Bielorussia, Lukashenko ammette: “Forse sono rimasto un po ‘troppo a lungo al potere”. Avversario guidato da “uomini mascherati”

È passato esattamente un mese dall’elezione di 9 agosto, che ha visto l’ennesimo trionfo del presidente Lukashenko e l’emergere di proteste senza precedenti per l’ultimo dittatore dall’Europa. Lui, intanto, che non ha escluso la possibilità votazione anticipato dopo un non specificato riforma costituzionale, ha parlato per la prima volta dopo le elezioni, e lo ha fatto davanti a un gruppo selezionato di giornali russi, dove ha ammesso: “Forse sono rimasto al il potere Un po ‘troppo. ”Il potere che ha esercitato, incontrastato, dal 1994. Poi ha sentito il Russia: “È il Bielorussia cade, poi è a Mosca. Se pensi ai ricchi Russia può affrontare (proteste, ndr) ti sbagli; Ho parlato con il mio più vecchio amico Vladimir Poutine – Lo chiamo fratello maggiore – e l’ho avvertito: non puoi resistere a tutto questo ».

Nel frattempo, il repressione la dieta continua: più di 24 ore dopo la scomparsa di Maria kolesnikova, che coraggiosamente strappò il suo passaporto mentre le autorità bielorusse hanno tentato di deportarlo con la forza in Ucraina, uomini mascherati in abiti civili hanno preso l’attivista dell’opposizione Maxim Znak. “Massima ha lasciato lo staff di Babariko (Candidato presidenziale bielorusso non registrato, ndr) con uomini mascherati in abiti civili. Avevano un furgone e se ne sono andati “, ha detto il rappresentante del Consiglio di coordinamento dell’opposizione bielorussa.

Le incognite su Maria Kolesnikova – Secondo il resoconto ufficiale, è stata fermata dalle guardie di frontiera mentre entrava Ucraina (dove i suoi compagni “ rapitori ” sono infatti al sicuro Ivan Kravtsov e Anton Rodnenkov) durante un’audace azione di “fuga”. In realtà Maria strappato il passaporto mentre i teppisti Alexander Lukashenko stavano per cacciarla fuori dal suo paese. Fallire l’operazione. Secondo le informazioni ricevute dalla sede dell’aspirante presidente bielorusso Viktor Babariko, ora in prigione, Maria si terrà in una caserma del “distretto di Mozyr, nella regione di GomelMa all’avvocato che si è presentato lì per fornirgli assistenza legale è stato detto che non ce n’era. Kolesnikova. Suo padre Alexander, tuttavia, ha detto che sua figlia sarebbe stata in prigione a Minsk, tenuto in isolamento. E ha detto di essere stato contattato dal capo del Gruppo investigativo del comitato investigativo bielorusso.

READ  "Non incontrare nessuno, allora salveremo il Natale"

E il giallo continua. Riguardo a Kravtsov, segretario esecutivo del consiglio, e Rodnenkov, l’addetto stampa, il loro destino è chiaro: sono al sicuro in Ucraina. Kravtsov, durante una conferenza stampa a Kiev, ha confermato la vicenda del passaporto strappato e del tentativo di espulsione di Maria. Londra nel frattempo ha chiesto “un’indagine suOsce”Sulle azioni delle autorità BielorussoMinsk ne fa parte – ed Angela Merkel ha ribadito che “il nostro cuore batte per i manifestanti bielorussi”. il Governo tedesco, si disse, deve continuare discutere su come aiutare l’opposizione ma anche per capire quali sono i “limiti” di questo aiuto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste agli esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Lesbo, fuoco “incontrollabile” e migranti in fuga: il campo di Moria è in fiamme. Video

seguente


Articolo successivo

Coronavirus, la Gran Bretagna torna a vietare riunioni di più di 6 persone: “Non escludiamo nuovi blocchi”. Repubblica Ceca, per la prima volta più di mille contagi al giorno. India, 90.000 casi in 24 ore

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *