Binotto: “Presto per valutare il confronto con gli altri” – F1 Team – Formula 1

La strada del ritorno al successo per il Ferrari è certamente ancora molto tempo. Dopo le amare delusioni vissute lo scorso anno, il team di Maranello si è posto due obiettivi principali. Il primo è migliorare il sesto posto nella classifica costruttori ottenuta nel 2020, il secondo – più ambizioso – è cercare di tornare nella top-3 del campionato. È la linea tracciata durante l’inverno da Mattia Binotto. Ma ora la nuova SF21 di Charles Leclerc e Carlos Sainz ha dovuto fare i conti con le prime – parziali – risposte dalla pista.

Leclerc: “Buone sensazioni nelle gare lunghe”

Intervistato da Sky Sport F1 Il muro numero uno della Ferrari Mattia Binotto ha commentato i primi tre giorni di test. “Ci concentriamo su noi stessi. Stiamo cercando di capire la macchina. Questi sono gli unici test della stagione, quindi stiamo cercando di raccogliere più dati possibili e di capire come si comporta la macchina in tutte le condizioni. Sopprattuto la correlazione con i nostri strumenti a Maranello è importante Osservò Binotto. Il tecnico italiano, invece, deve ancora confrontare la prestazione della Ferrari con quella di altre squadre. “Per fare un confronto con le prestazioni degli altri, è molto presto – ha spiegato – avevamo programmi diversi tra le diverse squadre. Stiamo cercando di prepararci al meglio per l’inizio della stagione “.

Gené: “Sainz a volte sarà davanti a Leclerc”

Il nuovo simulatore? Non è ancora funzionante – ammette Binotto – sarà utile per le prossime stagioni ma non ancora per l’auto di quest’anno “. Infine, però, i dati elaborati a Maranello sembrano essere ritrovati di nuovo in pista: “La correlazione è buona rispetto alle aspettative ed è un passo avanti rispetto al passato. Questo non significa essere veloci, ma avere i giusti strumenti di progettazione e sviluppo. La velocità in linea retta non è più un problema come una volta. Grazie al motore sviluppato ma anche alla parte aerodinamica. Dove siamo rispetto agli altri, lo capiremo tra 15 giorni e anche nelle gare successive. Il Bahrain è caratteristico e non rappresentativo del mondo intero “.

Raikkonen: “Motore Ferrari migliorato”

“Progetto migliore rispetto allo scorso anno? – ha concluso Binotto – questo è il nostro obiettivo, ma è ancora troppo presto per dirlo. Le vetture saranno molto vicine sia in qualifica che in gara. Non ci vorrà molto per fare la differenza e ogni traccia potrebbe essere diversa.. All’inizio della stagione è giusto essere ottimisti. Sarà un anno complicato, tante sfide ci attendono. C’è l’auto del 2022 su cui lavorare e un accordo finanziario da gestire. Carlos si adatta molto bene. Ci sono molte sfide da affrontare con ottimismo. Svilupperemo un po ‘queste vetture ma ci sarà ancora spazio per correggerle “.

READ  Monty Panesar ha condiviso la sua memoria con MS Dhoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *