Bolsonaro contesta i risultati delle elezioni in Brasile

Reuters

Notizie ONS

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro sta contestando i risultati delle elezioni brasiliane di tre settimane fa. Diversi media riferiscono che ha chiesto alla commissione elettorale tramite il suo avvocato di dichiarare non validi parte dei voti espressi tramite macchine per il voto elettronico.

Il team di Bolsonaro parla di errori software in “alcune” macchine per il voto. In una conferenza stampa nella capitale Brasilia, il leader del partito Bolsonaro Valdemar Costa, tra gli altri, ha affermato che ci sono stati problemi con i numeri di identificazione nei registri delle urne. Parte dei voti sono quindi nulli, ritiene il campo di Bolsonaro.

Non è stato reso noto in che modo l’errore del software abbia influito sull’affidabilità dei risultati elettorali. Bolsonaro riceverebbe un totale di circa il 51% dei voti validi grazie all’invalidazione dei voti, con cui batterebbe la sua rivale Lula da Silva, scrive l’agenzia di stampa AP basata sull’avvocato di Bolsonaro.

Segnala entro 24 ore

Il capo della commissione elettorale brasiliana ha prontamente risposto alla richiesta del presidente. Ha detto che la sua commissione si sarebbe occupata della denuncia solo se il partito di Bolsonaro avesse prodotto un rapporto completo entro 24 ore, compresi i risultati del primo turno elettorale. In questo round, il partito di Bolsonaro ha conquistato un gran numero di seggi nel parlamento brasiliano.

Bolsonaro ha parlato in un discorso all’inizio di questo mese senza dire nulla sulla sua sconfitta elettorale:

Bolsonaro reagisce alla sconfitta elettorale

Il presidente del partito di Lula, Gleisi Hoffmann, è intervenuto dopo l’annuncio dell’annullamento dei voti per “imbroglio”. “Basta procrastinazioni, irresponsabilità, insulti alle istituzioni e alla democrazia. Le elezioni sono state decise durante il voto e il Brasile ha bisogno di pace per costruire un futuro migliore”, ha scritto Hoffmann su Twitter.

Il tentativo di Bolsenaro di invalidare i voti potrebbe scatenare ulteriori disordini in Brasile tra i suoi sostenitori. In precedenza, i manifestanti in tutto il paese hanno già bloccato le autostrade e sono scesi in piazza per esprimere il loro disappunto. Bolsonaro ha invitato i manifestanti a fermarsi e liberare le strade.

La vittoria di Lula è già stata confermata dalla Commissione elettorale. Inoltre, i suoi successi sono stati riconosciuti dai principali politici brasiliani e alleati internazionali. Bolsonaro è ancora al potere fino al 1 gennaio. A quel punto dovrebbe iniziare ufficialmente il mandato di Lula.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.