Bottas: “Nessuno avrebbe fatto meglio di me contro Hamilton quest’anno” – F1 Piloti – Formula 1

Il 2020 non è stata una stagione facile per Valtteri Bottas. Il pilota finlandese ha faticato a tenere il passo con il suo compagno di squadra Lewis Hamilton, che ha vinto il titolo iridato infliggendo un notevole distacco al finlandese in termini di punti in classifica. La fortuna di certo non lo ha aiutato perché la sua Mercedes numero 77 è stata colpita più volte dalla sfortuna. Ma un pilota di Formula 1 non va certo scoraggiato, anzi è imperativo per lui mantenere piena fiducia nei propri mezzi, altrimenti non potrebbe certo scendere in pista con l’ambizione di lottare per la pole. o una vittoria. Immagina un titolo mondiale.

FormulaPassion.it ha incontrato Valtteri Bottas in un’intervista limitata a pochi giornali organizzati da PETRONAS, partner tecnico del team Mercedes AMG PETRONAS F1. L’azienda malese fornisce all’azienda con sede a Stoccarda carburante, lubrificanti e refrigeranti ed è stata ancora una volta un partner chiave per raggiungere il settimo doppio lauro globale consecutivo, conducenti e produttori. In questa intervista, Bottas ha offerto molto onestamente sia la sfida molto difficile con un compagno come Lewis Hamilton, sia i suoi pensieri fatti durante un anno segnato, come per tutti nel mondo, da la pandemia dovuta al Covid 19.

Valtteri e il tuo team hanno raggiunto il settimo titolo mondiale quest’anno e le prestazioni della tua vettura in pista, così come la sua affidabilità, sono state chiaramente superiori alla concorrenza. Grazie anche alla partnership del team Mercedes con PETRONAS. Come lo descriveresti a noi?
“La partnership tra Mercedes e Petronas dura da oltre dieci anni e ha avuto molto successo. Non ho dubbi che ci saranno ancora anni di successi insieme davanti a noi. Il nostro team è rinomato per il suo altissimo livello di affidabilità e prestazioni e su questi aspetti il ​​contributo di PETRONAS è stato e continua ad essere determinante.. È davvero una partnership basata sull’impegno reciproco per ottenere le massime prestazioni piuttosto che una partnership di loghi solo sul corpo. Guardando al futuro della F1 verso carburanti sostenibili, credo che affidarsi a un partner come PETRONAS, che sta già lavorando su questo aspetto, ci darà un vantaggio importante. Come piloti, Lewis ed io siamo continuamente impegnati nel fornire feedback per lo sviluppo dei loro fluidi. PETRONAS partecipa attivamente alle attività del team durante il weekend di gara, grazie al loro ingegnere di pista che controllano i tipi e le condizioni dei fluidi nelle nostre vetture. Sia quando vengono inseriti nella macchina sia quando vengono rimossi da essa. Si assicurano che non ci siano tracce o impurità che segnalino un possibile problema emergente con la nostra auto. Ecco perché è facile capire quanto sia prezioso il loro contributo all’affidabilità delle nostre vetture. Siamo tutti molto impegnati nel nostro lavoro, ma mi piace trovare di tanto in tanto il tempo per approfondire con gli ingegneri dei fluidi PETRONAS le attività che svolgono anche in base alle diverse tipologie di circuiti e temperature in cui operiamo. Se facessero un errore la macchina si fermerebbe in pista, come se avessi fatto un errore di guida la gara sarebbe finita. Pertanto, sono una parte importante e molto ben integrata del nostro team.“.

Quest’anno il calendario completamente rivoluzionato ti ha portato a correre su circuiti completamente inaspettati. Quali sono i brani che ti sono piaciuti di più?
“È stato molto piacevole scoprire nuovi circuiti o tornare su piste dove non si correva da molti anni. Se dovessi scegliere il circuito che mi è piaciuto di più, direi Mugello. È una pista incredibilmente veloce da affrontare con una vettura di Formula 1. Inoltre, ciò che è estremamente positivo è che ci sono molte curve con carico aerodinamico in cui è ancora possibile seguire la macchina davanti a te e scegliere traiettorie diverse. Mi piaceva anche correre Portimao e Imola, un luogo leggendario per la Formula 1. Li metterei in quell’ordine di preferenza. Ma ci sono anche tracce che mi mancano. Tra questi metto senza dubbio Suzuka, che per me è la migliore pista del mondo, per il connubio tra velocità della pista e passione del pubblico ”.

READ  Il Consiglio straordinario della Lega ha deciso: rinviata Genova-Torino

Qual è la tua valutazione di questo campionato e il tuo confronto con Hamilton?
“Di sicuro non ho raggiunto gli obiettivi che mi ero prefissato nel 2020. Ci sono state molte gare strane e sfortunate per me e gare in cui Lewis era più forte di me. Alla fine, ogni anno in più in F1 ti rende più forte. Alla fine, quest’anno non è stato molto diverso dai miei precedenti. Ho passato momenti belli e momenti brutti, come ogni stagione. Sicuramente ho imparato molto dalle sconfitte e sono diventato un pilota più forte ogni anno. Non vedo l’ora di iniziare la nuova stagione da zero nella speranza di avere una stagione lineare senza troppe sfortune, come forature e cose del genere. Certo, non è facile gareggiare contro un compagno di squadra come Hamilton che, se si guardano i numeri, è il pilota di maggior successo nella storia della Formula 1. Non è facile batterlo. ma provando a farlo scopro sempre qualcosa di nuovo su me stesso e cerco di capitalizzare gli errori che faccio per cercare di non ripeterli. Ma ci sono stati anche alcuni aspetti positivi per me in questa stagione, che devo assolutamente riportare anche alla prossima stagione. Non ho certo intenzione di mollare, il duro lavoro ha sempre dato i suoi frutti nella mia carriera e ci credo davvero. Lewis è stato il migliore di tutti quest’anno, ma penso che nessuno avrebbe potuto fare un lavoro migliore di me con la mia macchina. Il team può scegliere qualsiasi pilota ogni anno ma alla fine hanno sempre confermato la loro fiducia in me ”.

Sono sicuro che dipenda dalla qualità del mio lavoro, che loro possono apprezzare, e dalla mia capacità di lavorare in squadra con Lewis, nonostante corriamo duramente l’uno contro l’altro. In qualifica, penso di essere al livello di Lewis e talvolta lo sorpasso anche. La differenza tra me e Lewis è la costanza delle prestazioni in gara. Hamilton riesce ad essere al meglio in ogni giro e gara, senza commettere errori. Questo viene dal suo talento ma anche dalla sua grande esperienza. Sulla pura prestazione posso batterlo, ma in termini di costanza di prestazione è comunque superiore a me. Non è un divario enorme, ma cose molto piccole (fa il classico gesto con il pollice e l’indice che si uniscono) che poi fanno una grande differenza sul risultato “.

Durante i tuoi anni alla Mercedes, hai vinto quindici pole ma solo nove vittorie. Un deficit significativo …
“Sì, in teoria dalla pole dovresti avere un grosso vantaggio per la vittoria finale, ma domenica può succedere di tutto. Ci sono così tante cose che possono andare storte o ci sono così tanti modi in cui il tuo avversario può essere migliore di te durante la gara. Ovviamente ho perso diverse gare partendo dalla pole a causa delle mie brutte partenze, ma quest’anno penso di aver migliorato molto il mio passo gara e penso che in futuro ripagherà ”.

Puoi raccontarci come Covid ha cambiato di più la tua routine del weekend di gara?
“Di sicuro i briefing con i miei ingegneri sono diversi poiché li facciamo in forma virtuale. Ho la mia stanza nel paddock, il mio computer con le cuffie e tutto ciò di cui ho bisogno per comunicare con la squadra. Terminati questi incontri, per entrare nel box, devo indossare il casco già in camera ed uscire con la visiera abbassata. E allo stesso modo torno in camera mia con l’elmo. Certo, è un po ‘strano, ma dobbiamo ridurre al minimo i rischi per la nostra salute. Vedo fisicamente pochissime persone durante il weekend di gara e ovviamente non abbiamo più eventi con sponsor o fan. Insomma, la vita nel paddock è molto diversa, ma ovviamente una volta in macchina il lavoro è sempre lo stesso ”.

E a livello personale, che tipo di pensieri hai avuto sulla pandemia che dobbiamo affrontare tutti?
“Quando a marzo è diventato chiaro che non avremmo gareggiato a causa dell’emergenza Covid e molte gare stavano iniziando ad essere cancellate, sono tornato in Finlandia. La lezione più importante per me durante questo lungo periodo a casa senza gare è stata capire che ci sono molte altre cose nella mia vita che mi rendono felice oltre alla F1. Quindi, quando la mia carriera in questa categoria sarà finita, so che potrei ancora essere felice. Ma allo stesso tempo, questa pandemia ci ha messo di fronte a una prospettiva diversa sulla nostra salute. Comprendiamo che non vi è alcuna garanzia che ciò venga dato per scontato in qualsiasi momento. Insomma, è stato un anno molto importante che mi ha fatto apprezzare le cose semplici della vita, che non sempre si possono dare per scontate ”.

READ  Incidente d'auto, morta la madre di Billy Costacurta - Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *