Carlos Alcaraz (19) vince gli US Open e succede a Lleyton Hewitt come il più giovane numero 1 del mondo |  US Open

Carlos Alcaraz (19) vince gli US Open e succede a Lleyton Hewitt come il più giovane numero 1 del mondo | US Open

con videoCarlos Alcaraz ha vinto il suo primo titolo del Grande Slam agli US Open. Il 19enne spagnolo, terzo a New York, ha sconfitto il norvegese Casper Ruud, numero 5 della classifica dei semi, in quattro set: 6-4 2-6 7-6 (1) 6-3.


redattore sportivo


Ultimo aggiornamento:
08:13

La finale ha anche deciso chi avrebbe preso la nuova posizione di numero 1 nella classifica mondiale. Alcaraz è avanzato fino a quel punto con la vittoria degli US Open di lunedì. Succede a Daniil Medvedev in questo post. Il campione russo in carica è stato eliminato al quarto turno e ha perso la sua posizione di testa.

Alcaraz sostituisce l’australiano Lleyton Hewitt come numero 1 più giovane del mondo. È stata anche la sua prima finale del Grande Slam, anche se quest’anno ha già vinto quattro titoli. Ha anche detto, seguendo Ruud, che i suoi pensieri vanno prima alle vittime dell’11 settembre. Ha poi ringraziato i suoi genitori e i suoi cari che non hanno potuto partecipare al torneo. John McEnroe, quattro volte vincitore degli US Open, gli ha consegnato il suo trofeo.

Carlos Alcaraz.

Carlos Alcaraz. © ANP/EPA

Con un gioco offensivo, Alcaraz ha preso l’iniziativa nel primo set all’Arthur Ashe Stadium nel quartiere newyorkese del Queens. Dopo le occasioni di recupero di entrambe le squadre nelle prime partite, lo spagnolo ha vinto l’interruzione di Ruud sull’1-1. Quella pausa è bastata per vincere il primo set, in cui è apparso a rete quando serve e ha preso i punti.

Nel secondo set, Alcaraz è stato meno dominante sul proprio servizio. Ha segnato pochi punti, soprattutto nella seconda di servizio, e il norvegese è stato anche meglio negli scambi. Ruud ha rotto ed è arrivato sul 4-2 e ha preso il set con un secondo break: 6-2. L’Alcaraz ha mostrato resilienza andando subito a 2-0 nel terzo set, ma Ruud è tornato. Ha ottenuto due set point sul servizio dello spagnolo sul 6-5. Ha comunque forzato un tiebreak e lo ha vinto facilmente 7-1 a causa degli errori di Ruud.

Carlos Alcaraz, John McEnroe e Casper Ruud.

Carlos Alcaraz, John McEnroe e Casper Ruud. ©AP

Il risorto Alcaraz ha preso l’interruzione del suo avversario norvegese nel quarto set sul 3-2 ed è stato improvvisamente vicino al suo primo titolo del Grande Slam. Dopo tre maratone di fila, vinte solo nel quinto set, ha ottenuto i suoi primi due match point contro Ruud sul 5-3 nel quarto set. Dopo tre ore e 20 minuti, era al secondo match point con un ace. Pieno di incredulità, è caduto sul duro duro americano.

Ruud (23) è ora passato dalla quinta posizione della classifica mondiale al numero 2. Ha perso la sua prima finale del Grande Slam a Parigi contro Rafael Nadal a maggio, ma ha vinto i tornei di Gstaad, Ginevra e Buenos Aires, anche loro erano tutti su argilla. . La sua unica altra finale sul cemento quest’anno, ha perso contro l’Alcaraz a Miami.

Alcaraz ha detto che era “molto emotivo”. ,,Ho sempre sognato di essere il numero 1 del mondo e diventare un campione del Grande Slam. È difficile per me esprimere a parole in questo momento. Devi solo dare tutto quello che hai in te. Ma ora sono un po’ stanco.

Carlos Alcaraz.

Carlos Alcaraz. ©AFP

Registrazione

Alcaraz ha trascorso un totale di quasi 24 ore sulla pista di New York nelle ultime due settimane. Lo spagnolo ha giocato sette partite che insieme sono durate 23 ore e 40 minuti. Mai prima d’ora nessuno era stato in campo così a lungo in un torneo del Grande Slam. L’adolescente spagnolo ha rilevato il record di Kevin Anderson, che quattro anni fa ha giocato 23 ore e 21 minuti a Wimbledon. Tuttavia, il sudafricano non è stato escluso con un titolo. Anderson ha perso in finale contro Novak Djokovic dopo aver battuto l’americano John Isner 26-24 nel quinto set in semifinale.

L’Alcaraz ha giocato tre partite in cinque set a New York, nel quarto turno, nei quarti di finale e in semifinale. Lo spagnolo ha avuto match point contro l’italiano Jannik Sinner nei quarti di finale, ma è scappato e alla fine ha vinto la partita. È diventato il primo tennista dai tempi dello svedese Stefan Edberg agli US Open del 1992 a vincere un titolo del Grande Slam dopo aver giocato tre partite in cinque set.

Botic van de Zandschulp rientra nella classifica mondiale
Botic van de Zandschulp è sceso al 35° posto nella classifica mondiale dopo la sua eliminazione anticipata dagli US Open. Il 26enne olandese ha iniziato l’ultimo torneo del Grande Slam dell’anno due settimane fa come numero 22 del mondo. Van de Zandschulp ha perso molti punti essendo stato eliminato al secondo turno, tre round prima rispetto allo scorso anno.

De Veenendaler ha poi raggiunto i quarti di finale a New York come qualificatore. L’ultimo vincitore Daniil Medvedev dalla Russia è stato troppo forte in questo senso. Van de Zandschulp era ora testa di serie a New York, ma dopo una dura vittoria in cinque set sul ceco Tomas Machac, ha perso contro il francese Corentin Moutet.

Anche Tallon groenpoor, il secondo olandese della classifica mondiale, ha dovuto cedere qualche posto dopo gli US Open. La pista greca è passata da 46 a 48. Era già bloccato al primo round a New York; lo scorso anno la pista greca è arrivata al secondo round.

Carlos Alcaraz.

Carlos Alcaraz. ©REUTERS

Alcaraz ha detto che dopo la sua vittoria pensava principalmente a sua madre e suo nonno che non potevano essere lì a New York. Ha ringraziato la sua squadra e la sua famiglia. “Ho solo diciannove anni, ho preso tutte le decisioni importanti con i miei genitori”.

Ha anche espresso le sue condoglianze alle vittime degli attacchi di New York l’11 settembre 2001, così come il suo avversario Ruud. “E’ stata una serata speciale. Carlos ed io sapevamo per cosa stavamo giocando”, ha detto il 23enne norvegese. ,,Sono un po’ deluso di non essere diventato il nuovo numero 1, ma anche il numero 2 non è male. Continuerò a puntare al mio primo titolo del Grande Slam. Ha anche ringraziato suo padre Christian Ruud, che lui stesso ha giocato a tennis a livello professionistico.

READ  La tripletta di Impossible Shields annulla i timori del Milan: il Monaco conquista i tempi supplementari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *