Il riscaldamento globale crea un'”estate da record” per i ghiacciai svizzeri

Il riscaldamento globale crea un'”estate da record” per i ghiacciai svizzeri

©REUTERS

I ghiacciai in Svizzera si sono sciolti come mai prima d’ora durante l’ultimo periodo estivo. I primi risultati sono “estremi e preoccupanti”, ha riferito domenica GLAMOS, l’Osservatorio svizzero dei ghiacciai.

jvhFonte: Belgio

I glaciologi della Eidgenössische Technische Hochschule di Zurigo, un’università tecnologica di Zurigo, hanno appena riorganizzato i ghiacciai del Paese sotto la direzione di Matthias Huss, il capo dell’Osservatorio dei ghiacciai. Hanno esaminato venti ghiacciai per determinare l’estensione del ghiaccio. Il rapporto completo sarà pubblicato in autunno, ma la risposta al riscaldamento globale è già chiara, dice.

“Negli anni 2011, 2015, 2018 o anche 2019, la ghisa era già molto importante. Il 2022 è davvero eccezionale e batte tutti i record”, ha detto Huss. “Reperti estremi e inquietanti”, sembra. All’inizio di questo mese si è recato al Griesgletscher nel cantone alpino occidentale del Vallese (Vallese). Al centro dei ghiacciai, la base rocciosa era visibile in fondo a un crepaccio, spiega. Il ghiacciaio in scioglimento sarà presto tagliato in due, a quanto pare.

La squadra risale i venti ghiacciai due volte l’anno. Ad aprile, ad esempio, determinano la qualità del manto nevoso che ricopre i ghiacciai. È importante perché protegge e nutre il ghiacciaio durante l’estate. Era già chiaro che l’estate sarebbe stata difficile – e sul Gries il manto nevoso a 3.000 metri sul livello del mare si era già completamente sciolto a luglio e la massa di ghiaccio stava già diminuendo. A settembre i glaciologi tornano a studiare l’impatto dell’estate. Ad esempio, a settembre il ghiacciaio in questione si era ridotto di 4 metri di spessore nelle parti più alte, un record. “Eccezionale: è da due a tre volte la perdita degli anni precedenti.

READ  Davide, a 18 anni, è campione del mondo di matematica: "Mi piacciono i numeri: è un hobby"

Anche altrove, lo sviluppo è allarmante. Ad esempio, il Findel presso Zermatt, sempre in Vallese, ha perso più di 2 metri a 3.400 metri sul livello del mare. Finora c’era sempre abbastanza neve per passare l’estate. Il Corvatsch nel cantone orientale dei Grigioni si sciolse a tal punto da non poter essere misurato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *