Carri armati per l’Ucraina e l’avvertimento di Putin per i residenti di Kherson | ADESSO

NU.nl fornisce regolarmente una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: Vladimir Putin sottolinea che gli abitanti di Kherson devono partire a causa della battaglia che si avvicina. I rapporti dalla regione sono incoraggianti per l’Ucraina e Kiev potrebbe presto vedere quasi un centinaio di carri armati, oltre a centinaia di milioni di euro in aiuti militari.

Innanzitutto Kherson: lì il presidente russo si è pronunciato per la prima volta a favore dello sfollamento degli abitanti. Secondo la lettura russa, i residenti vengono “evacuati” per motivi di sicurezza. Kiev sostiene che la Russia sta cercando di espellere quanti più residenti possibile (che è un crimine di guerra) prima di dover restituire definitivamente l’area.

Le truppe ucraine avanzano costantemente verso Kherson. Giovedì sono emerse per la prima volta notizie secondo cui la Russia sta preparando un ritiro generale dai territori occupati. I russi vorrebbero riorganizzarsi sulla sponda orientale del fiume Djnepr. Queste speculazioni sono state alimentate dalle dichiarazioni di funzionari nominati dalla Russia nella regione.

Venerdì, c’erano poche notizie dalla prima linea a Kherson. C’era solo una certa incertezza sull’introduzione di un coprifuoco permanente. I residenti non sarebbero quindi autorizzati a lasciare le loro case tutto il giorno. All’inizio, il coprifuoco sembrava imminente, finché le forze di occupazione russe non lo hanno contraddetto.

L’Ucraina può aspettarsi carri armati e altro supporto militare

La maggior parte delle notizie proveniva da altri paesi. Ad esempio, i Paesi Bassi e gli Stati Uniti hanno introdotto nuovi e significativi programmi di supporto militare. I due paesi stanno donando un totale di 90 carri armati all’Ucraina. I primi carri armati dovrebbero arrivare il mese prossimo.

READ  Coronavirus, ultime notizie. Kurz, l'Austria fa parte della seconda ondata. Più di 920.000 morti nel mondo. Briatore è guarito. Consumi, (Confesercenti): 59,2 miliardi persi dall'inizio della pandemia

Questi sono carri armati T-72 “moderni e rinnovati”. I veicoli militari sono forniti dalla Repubblica Ceca, che fornisce anche un contributo finanziario. Paesi Bassi e Stati Uniti pagano ciascuno 45 milioni di euro.

Un carro armato T-72.


Un carro armato T-72.

Un carro armato T-72.

Foto: difesa

Ollongren mantiene la sua promessa

Il mese scorso il ministro della Difesa Kajsa Ollongren ha promesso che l’Ucraina potrebbe aspettarsi un nuovo supporto militare. Ora sta mantenendo quella promessa. L’intero aiuto militare ammonta a 120 milioni di euro, ma Ollongren non specifica dove siano destinati i restanti 75 milioni di euro. I Paesi Bassi hanno già fornito un totale di oltre 350 milioni di euro in supporto militare.

Gli stati membri della NATO stanno cercando da tempo di raccogliere armi aggiuntive per l’Ucraina. A ottobre, l’organizzazione ha riferito che le proprie scorte di armi stavano diminuendo a causa delle continue consegne di armi. Ecco perché l’equipaggiamento militare viene acquistato anche altrove.

Il pacchetto di aiuti degli Stati Uniti contiene un totale di 400 milioni di euro di aiuti militari. Oltre ai carri armati, gli Stati Uniti forniscono anche moderni missili antiaerei. Gli esperti affermano che le armi sono migliori dei missili terra-aria Stinger attualmente forniti a Kiev in grandi scorte.

Milioni di ucraini di nuovo senza elettricità

L’Ucraina ha un disperato bisogno di difesa antiaerea a causa dei continui bombardamenti russi. Giovedì sera fino a 4,5 milioni di persone erano senza elettricità, ha affermato il presidente Volodymyr Zelensky. Era buio nella capitale Kiev e in altre dieci regioni, tra le altre.

Zelensky parla di “terrorismo energetico”. “Mostra la debolezza del nostro nemico. Non possono batterci sul campo di battaglia e quindi cercano di spezzare la nostra gente in quel modo”.

READ  Una balena ingoia un pescatore di aragoste, tranne per un colpo di tosse: "A un certo punto è buio"

La Russia ha intensificato gli attacchi di missili e droni sul paese vicino nelle ultime settimane dopo che Mosca ha accusato il governo ucraino di un’esplosione al ponte di Crimea. L’approvvigionamento energetico dell’Ucraina è stato spesso preso di mira.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *