Afghanistan, diretta – I talebani: “Se gli Usa restano dopo il 31 agosto, reagiamo. Niente governo finché ci sono”. Resistenza al Panshir: “Migliaia pronti a combattere, ma si cerca una soluzione pacifica”

“Fino a quando gli americani non se ne andranno, non ci sarà un nuovo governo in AfghanistanLe dichiarazioni, divulgate da fonti interne al gruppo, ribadiscono la posizione del talebani che richiedono un rapido e urgente ritiro degli eserciti stranieri entro il 31 agosto. Minacciando anche le “conseguenze” in caso di mancato rispetto del termine. Anche per questo sembra difficile per il Primo Ministro britannico, Boris Johnson, riuscire ad ottenerne uno proroga del ritiro finale di casa Biancaquando parla con il presidente Joe Biden in occasione di G7 domani spiegando che ci vorrà più tempo per completare il piano di evacuazione del Paese. Anche da questo punto di vista, Biden ieri ordinò l’intervento dell’aviazione civile a accelerare il operazioni che, nelle ultime 24 ore, hanno contato 10.400 partenze operate dagli USA. L’evacuazione sarà “difficile e doloroso“, ha ammesso nella notte durante l’ennesimo discorso alla nazione. Tuttavia, il presidente degli Stati Uniti non ha escluso un ritiro delle truppe statunitensi. oltre il 31 agosto, solo quando saranno terminate le operazioni in aeroporto: “Vedremo cosa si può fare”.

Nel frattempo sono più di 20mila persone ancora ammassate in aeroporto dalla capitale nella speranza di assicurarsi un posto su uno dei voli in partenza dal Paese. E ne è stata registrata una anche stamattina combattimento tra assalitori non identificati e forze di sicurezza afghane all’interno dell’aeroporto che hanno causato una nuova vittima, dopo le decine di persone uccise durante la ritirata. È un membro delle forze di sicurezza afghane, oltre ad altri tre feriti. Anche gli dei sono coinvolti soldati tedeschi e americani: tutti i soldati del forze armate tuttavia, sono illesi.

L’altro fronte caldo è il Panshir, la Regione dove l’ultima tasca di resistenza ai talebani. Domenica, i fondamentalisti hanno annunciato l’invio di centinaia di combattenti. Oggi Ahmad Massud, figlio del mitico Leone del Panshir, in un’intervista al filosofo francese Bernard-Henri Lévy pubblicata su La Repubblica ha ribadito che non ci sarà resa: “La nostra resistenza è appena iniziatoI talebani, però, hanno annunciato di aver riconquistato tre quartieri e di non volersi fermare: “Il nemico è sotto assedio nel Panshir. L’Emirato islamico sta cercando di risolvere il problema attraverso i colloqui”.

READ  A tavola con il drago | L'HuffPost

Punto che, almeno in linea di principio, accomuna le due fazioni, visto che Ali Nazary, capo delle relazioni esterne per il Fronte di resistenza nazionale afghano (NRF), ha detto al BBC che la resistenza antitalebana può contare su “migliaia di persone” pronte a combattere, ma vuole continuare prima trattative pacifiche. “Se falliscono, non accetteremo alcuna forma di aggressione”, ha detto in seguito. La valle del Panshir è “assediata” ma i talebani stanno trattando con le forze dell’Alleanza del Nord “per trovare una soluzione pacifica”, ribadisce comunque il portavoce dei talebani. Zabihullah Mujahid.

CRONACA ORA PER ORA

14:48 – Resistenza antitalebana nel Panshir: “Siamo migliaia pronti a combattere”
La resistenza antitalebana può contare su “migliaia di persone” pronte a combattere. Lo ha detto alla BBC Ali Nazary, capo delle relazioni esterne per il Fronte di resistenza nazionale afghano (NRF) guidato da Ahmad Massoud. Nazary ha detto che il suo gruppo aveva “migliaia di forze pronte a resistere”, ma voleva prima continuare i negoziati pacifici. “Se falliscono, non accetteremo alcuna forma di aggressione”, ha detto. I talebani affermano di aver circondato e assediato la roccaforte del gruppo nella valle del Panshir. Funzionari della Resistenza hanno anche detto che Studenti coranici stanno avanzando nella regione.

14:33 – Stati Uniti: “Evacuazione di 10.400 persone in 24 ore”
Secondo un funzionario della Casa Bianca, 28 voli militari statunitensi hanno evacuato circa 10.400 persone da Kabul nelle ultime 24 ore. Mentre 61 aerei della coalizione hanno evacuato circa 5.900 persone. A livello globale, è più del doppio del numero di persone trasportate nelle ultime 24 ore: 3.900 sui jet militari statunitensi e 3.900 sui jet della coalizione.

14:15 – Talebani: “Non ci sarà governo finché gli americani rimarranno”
Il gruppo guidato dal Mullah Hibatullah Akhundzada ha ribadito, attraverso alcune fonti interne, che il ritiro delle truppe straniere, soprattutto americane, rappresenta una prerogativa per qualsiasi altro sviluppo politico nel Paese, spiegando che nessun nuovo governo vedrà il giorno prima che i soldati americani rimanere sul suolo afghano.

READ  "No alla paura di Covid"

11.58 – Sottosegretario alla Difesa britannico: “Pressione su Stati Uniti e talebani per prolungare il ritiro dopo il 31 agosto”
James Heappey ha confermato la sua volontà di fare pressione sugli americani durante lo straordinario G7 di domani. Ma ha aggiunto che cercheranno comunque di fare pressione sui talebani: “Se gli Stati Uniti potranno essere persuasi a restare domani è affare del premier, ma poi seguiranno i colloqui con i talebani. – ha detto – potranno scegliere di affrontare la comunità internazionale o dire che non c’è possibilità di estensione”.

10:49 – Kabul, 260 dipendenti Ue pronti all’imbarco
“Questa mattina le forze speciali francesi, in collaborazione con le forze armate americane, sono riuscite a portare all’aeroporto 260 membri del personale della delegazione dell’Unione europea a Kabul”. Così l’ambasciatore francese a Kabul, David Martinon, commenta su Twitter la pubblicazione di un video che vede lo staff della delegazione Ue in fila davanti ai checkpoint di ingresso dell’aeroporto di Kabul. “Sono stati accolti nella sala d’attesa dell’ambasciata francese prima dell’imbarco. Congratulazioni all’Ue”, conclude l’Ambasciatore.

10.31 – Ue, Michel: “I diritti afghani restano la principale preoccupazione”
In vista della riunione virtuale dei leader del G7, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha discusso degli sviluppi in Afghanistan con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg. “E’ importante portare a termine l’evacuazione di cittadini Ue, personale locale e famiglie – scrive Michel su Twitter -. I diritti degli afgani, in particolare delle donne e delle ragazze, rimarranno la nostra principale preoccupazione: devono essere utilizzati tutti gli strumenti dell’Ue per sostenerli”.

09.43 – Arrivati ​​a Fiumicino altri 203 afgani
Altri 203 afgani in fuga da Kabul sono arrivati ​​questa mattina all’aeroporto di Fiumicino, grazie al ponte aereo tra Afghanistan e Italia, via Kuwait, organizzato dalla Difesa.

26.09 – Talebani: “Sparate a tre quarti del Panshir”
“I distretti di Bannu, Pul-e-Hisar e Deh Salah di Baghlan sono stati completamente ripuliti dal nemico”. Lo scrive su Twitter il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid. “I mujahedin sono appostati alle porte del Panshir dalle direzioni di Takhar, Badakhshan e Andarab – ha detto – Il passo Salang è aperto e il nemico è assediato nel Panshir. L’Emirato islamico sta cercando di risolvere il problema attraverso i colloqui”.

READ  Usa: l'agente uccide 16 persone, aveva una pistola ad aria compressa

09.07 – Johnson vuole chiedere a Biden di mantenere l’esercito oltre il 31 agosto
Il primo ministro britannico Boris Johnson dovrebbe chiedere a Joe Biden di mantenere le forze armate statunitensi in Afghanistan oltre la scadenza del 31 agosto per consentire il proseguimento dei voli di trasferimento di migliaia di persone dal Paese. Lo riportano la BBC e Sky News alla vigilia del G7 mentre migliaia fuori dall’aeroporto di Kabul sperano di lasciare il Paese dopo l’avanzata dei talebani.

08.38 – Talebani: “Il 31 agosto è una linea rossa”
“È una linea rossa. Il presidente Biden ha annunciato che il 31 agosto avrebbero ritirato tutte le loro forze militari. Quindi, se decidono una proroga, vorrà dire che prolungheranno l’occupazione quando non sarà necessaria”. Suhail Shaheen, portavoce dei talebani, ha detto a Sky News dopo le dichiarazioni di Joe Biden di ieri. Parlando da Doha, il portavoce dei talebani ha aggiunto: “Se gli Stati Uniti o il Regno Unito impiegano più tempo per continuare i trasferimenti, la risposta è ‘no'”. “Oppure ci sarebbero conseguenze”, ha minacciato, riferendosi alla “sfiducia che si creerebbe”. “Se intendono continuare l’occupazione – ha detto – ciò provocherebbe una reazione”.

08.21 – Combattere l’incendio all’aeroporto di Kabul
Secondo l’account Twitter ufficiale delle forze armate tedesche, la Bundeswehr, questa mattina c’è stata una sparatoria tra le forze di sicurezza afghane e persone non identificate all’aeroporto di Kabul. Un membro delle forze di sicurezza afghane è stato ucciso e altri tre feriti. Nella battaglia furono coinvolti anche soldati americani e tedeschi. Tutti i soldati della Bundeswehr sono illesi.

08h00 – Massoud: “La nostra resistenza è appena iniziata”
“Abbiamo perso una battaglia, ma non la guerra, e io sono più determinato che mai”. Lo conferma un’intervista al filosofo francese Bernard-Henri Lévy pubblicata su “La Repubblica” da Ahmad Massoud, leader della resistenza e figlio del mitico “leone di Panshir”, sottolineando che “non si tratta di abbandonare la lotta ; anzi, la nostra resistenza, qui a Panshir, è appena iniziata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *