CASTRO, NON FARE QUESTO ERRORE. VINCE IL VIOLA MA NON CONVINCENTE

Penso che molti abbiano copiato il nostro presidente che ha fatto il segno del cross al termine della gara della Fiorentina contro l’Udinese. Non voglio essere blasfemo, ma credo che vogliamo ringraziare anche i Saints quando riusciamo a riportare indietro i tre punti, soprattutto in un periodo che ci vede sempre arrabbiati con la nostra squadra ma più che altro con il suo allenatore. Vincere di sicuro non ci fa pensare che i nostri guai siano finiti, che il gioco abbia improvvisamente avuto la meglio sui nostri ragazzi, e che siamo partiti per i grandi affari. Niente di tutto questo, ma prima vorrei pensare alle cose positive viste ieri al Franchi come la doppietta di Castrovilli, l’ennesima prestazione positiva di Biraghi, il gol di Milenkovic e le parate di Dragowski.

Cominciamo con l’eroe della serata, il nostro ragazzo d’oro che non è più brillante come una volta ma che ha già segnato 4 gol in questo campionato. Ieri ha terminato il lavoro con l’assist di Milenkovic e spero che possa tornare a giocare i livelli che ci hanno fatto innamorare di lui e perorare la causa di indossare la maglia numero 10 che significa molto per tutta Firenze. Sono sempre stato affascinato da questo ballerino in maglia viola, dal modo in cui parla con il pallone, dalla tecnica che lo porta ad essere uno dei giovani più promettenti del calcio italiano. Ecco, proprio per il bene che gli voglio, vorrei dirgli che non si lascia trascinare nel modus operandi dei bambocci che corrono nelle diverse squadre, le presuntuose domeniche ed evita quei gesti sgradevoli che ci fanno aderire al scatole di tali giocatori. Il mignolo sul naso dopo il primo gol (silenzio chi o cosa?) Mi ha infastidito molto e non lo trovo adatto al suo repertorio da bravo ragazzo. Molto meglio è la dedica con il numero 7 per Ribery in tribuna, è un gesto degno di Castrovilli!

READ  Giro d'Italia, 11 ^ tappa: quarta vittoria per Démare | La cronaca

Questo continua a lasciare in me, che con lui sono sempre stato scettico, una buona impressione anche il percorso di Biraghi che con assist e anche gol (quello contro lo Spezia) recupera posizioni nel gradimento di tanti tifosi. Da notare che i difensori sono importanti anche in fase di realizzazione perché anche contro i friulani uno di loro, Milenkovic, che segue Biraghi, e Pezzella hanno segnato. Commisso ha detto che aspettava le reti degli attaccanti, per essere velenoso dico che aspetto solo un buon attaccante, perché dall’inizio di quest’anno Vlahovic, Kouamè e Chiesa hanno segnato un solo gol, poi Ci hanno pensato i difensori e Castrovilli. Questo problema non è stato ancora risolto e speriamo di poter sempre recuperare il ritardo con il resto della squadra.

Nessun aiuto per noi di Callejon che è sceso in campo da doppia punta e per la mancanza di gioco della Fiorentina che, nonostante la vittoria, non ha mostrato nulla di entusiasmante. Sicuramente abbiamo sfruttato al massimo perché al di là dei tre tiri finiti in rete non potevamo costruire altre azioni importanti o pericolose. I viola ancora una volta sono passati in vantaggio molto velocemente ma hanno commesso errori che potrebbero mettere a repentaglio le partite e finire con noi senza fiato.

Comunque per oggi niente male e prendiamo anche questa vittoria per un valore importante che ha: è stato il regalo della squadra per il quarantacinquesimo anniversario di matrimonio del nostro proprietario e quindi … tanti auguri a Rocco e signora!

La signora in viola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *