Centinaia di persone evacuate dopo l’incendio nella baraccopoli di Seoul

Centinaia di persone evacuate dopo l’incendio nella baraccopoli di Seoul

Centinaia di persone evacuate dopo l’incendio nella baraccopoli di Seoul

AFP

Notizie ONS

A Seoul, un incendio è divampato in uno degli ultimi bassifondi della capitale sudcoreana. Circa 60 case, spesso non più di una capanna di legno e cartone, hanno preso fuoco.

L’incendio è scoppiato intorno alle 6:30 ora locale. Centinaia di vigili del fuoco, polizia e assistenti sociali hanno contribuito a combattere le fiamme ed evacuare i residenti. Sono stati schierati anche dieci elicotteri dei vigili del fuoco. L’incendio è stato domato dopo cinque ore.

Per quanto si sa, nessuno è stato ucciso o ferito. Circa 500 residenti sono stati assistiti altrove, anche in una palestra. Dovrebbero tornare a casa presto. Gli abitanti delle case bruciate sono temporaneamente ospitati in un albergo.

Gangnam

Lo slum di Guryong si trova all’estremità meridionale del ricco quartiere di Gangnam, sede di alcuni dei complessi di appartamenti più costosi di Seoul e delle vie dello shopping più eleganti.

È lo slum più grande e famoso della capitale sudcoreana. Si stima che vi vivano circa un migliaio di persone e che ci siano più di 600 abitazioni.

AFP

Lo slum di Guryong con sullo sfondo i lussuosi grattacieli di Gangnam (archivio 2012)

Il quartiere è nato nella seconda metà degli anni 80. Centinaia di persone vi si sono trasferite dopo aver perso la casa a causa del massiccio boom edilizio che ha accompagnato l’organizzazione dei Giochi Asiatici nel 1986 e le Olimpiadi di due anni dopo. I capi militari dell’epoca volevano abbellire la capitale, il che significava in particolare che i quartieri meno prosperi venivano rasi al suolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *