Centrale nucleare senza elettricità per poco tempo, Zelensky parla con Biden | ADESSO

NU.nl fornisce regolarmente una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: giovedì la centrale nucleare di Zaporizhzhia è stata scollegata dalla rete elettrica per un breve periodo. Sebbene i reattori dell’impianto siano passati all’alimentazione di emergenza, gli esperti sono preoccupati per la situazione. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avvertito che la Russia deve lasciare la fabbrica il prima possibile.

La centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, ha bisogno di energia, tra le altre cose, per raffreddare i reattori. La centrale nucleare fornisce elettricità a gran parte dell’Ucraina.

L’elettricità è stata interrotta giovedì in gran parte dell’Ucraina meridionale conquistata dalla Russia. Anche nella città di Kherson la fornitura di acqua potabile sarebbe stata interrotta a causa dell’interruzione di corrente.

Secondo il proprietario ucraino Energoatom, questa è stata la prima volta che l’impianto è stato disconnesso dalla rete elettrica ucraina. Perché ciò sia accaduto non è certo.

L’Ucraina ha affermato che il blackout è stato causato dai russi che hanno cercato di deviare l’energia verso le proprie strutture. La Russia ha affermato che l’alimentazione è stata interrotta a causa di un incendio nel complesso.

Preoccupato per il nucleare da tempo

La centrale nucleare è nelle mani della Russia da marzo, che da allora ha regolarmente accusato l’Ucraina di prendere di mira l’impianto. L’Ucraina dice semplicemente che i russi stanno sparando dalla centrale nucleare, sapendo che rispondere al fuoco è pericoloso.

Le organizzazioni internazionali chiedono che il complesso sia ripulito dal personale militare per ridurre il rischio di un disastro nucleare. L’Onu (AIEA) chiede da mesi l’invio di una squadra di ispezione indipendente all’impianto. Nonostante il supporto ufficiale delle parti in guerra, ciò deve ancora accadere.

READ  Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz sotto inchiesta per falso

Il ministro dell’Energia ucraino prevedeva che la missione arrivasse nei prossimi giorni, “sicuramente entro l’inizio di settembre”.

Il direttore dell’AIEA Rafael Grossi ha detto che non c’è più tempo da perdere. “Quasi ogni giorno si verifica un nuovo incidente presso o vicino all’impianto. Dobbiamo stabilizzare l’impianto il prima possibile e creare una situazione di sicurezza”.

Incontra Zelensky e Biden

Zelensky ha chiamato giovedì il suo omologo americano Joe Biden. La Casa Bianca ha chiesto alla Russia di restituire all’Ucraina il pieno controllo della centrale nucleare e di consentire all’agenzia nucleare delle Nazioni Unite l’accesso alla centrale.

In particolare, il governo degli Stati Uniti ha esortato Mosca a non sfruttare l’energia dell’Ucraina per fornire elettricità alle aree occupate in Ucraina.

Secondo Zelensky, lui e Biden hanno anche discusso i prossimi passi “verso la vittoria” e ritenere Mosca responsabile per crimini di guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *