Cerca i “sabotatori” di Nord Stream in pieno svolgimento: “Particolarmente adatti ai sottomarini”

È diventato chiaro che le tre perdite nei due importanti gasdotti nel Mar Baltico sono state causate da “forti esplosioni sottomarine” lunedì sono stati osservati da stazioni di misura svedesi e danesi.

Una delle esplosioni ha avuto la magnitudo di un piccolo terremoto, 2,3 della scala Richter. Da allora, l’acqua del mare ha gorgogliato sopra i tubi a causa di perdite di gas.

La Svezia e la Danimarca sono basate sull’intento. Dati gli ingenti danni ai tubi e la posizione profonda, ritengono altamente improbabile un incidente. Il capo della NATO Stoltenberg e il capo degli affari esteri dell’UE Josep Borrell ora parlano anche di “sabotaggio” e “non coincidenza”.

“Esclusi subacquei”

Le fughe di gas sono quindi indagate come attacchi deliberati. Secondo le forze armate tedesche, sono possibili tre scenari di attacco: sott’acqua, da una barca o dall’alto. “L’uso di subacquei è in gran parte escluso perché i gasdotti si trovano da 70 a 80 metri sotto la superficie del mare”, ha detto un ufficiale militare al quotidiano economico tedesco. Handelsblatt.

Ciò che resta sono sottomarini, navi, aerei e droni. Secondo i tedeschi, il Mar Baltico è abbastanza grande da coprire distanze maggiori senza essere notato, sebbene il mare sia stato intensamente controllato dai paesi della NATO dall’invasione russa dell’Ucraina.

oggetti volanti

“I sottomarini sono particolarmente adatti per queste missioni nel Mar Baltico con la loro profondità relativamente bassa”, ha affermato l’ufficiale, il quale indica inoltre che “oggetti volanti” possono sfuggire all’occhio degli esploratori della NATO a bassa quota e con la giusta attrezzatura tecnica.

Per raggiungere il terremoto misurato di 2,3 della scala Richter, sono necessarie alcune centinaia di chilogrammi di esplosivo, ha detto l’esperto di difesa Peter Wijninga a RTL Nieuws. “Devi avere una sorta di sottomarino, o un drone sottomarino comandato a distanza, per posizionare un tale carico utile”.

READ  Quattordici studenti e un insegnante uccisi in una sparatoria in una scuola elementare in Texas | ADESSO

Movimenti sospetti

Secondo l’ex ufficiale dell’Air Force, solo la Russia, un certo numero di paesi europei, gli Stati Uniti e la Cina sono in grado di posizionare un tale carico. “Ora verranno controllati tutti i tipi di sensori per vedere se ci sono stati movimenti sospetti vicino alle esplosioni. Questo potrebbe dare qualcosa”. Secondo lui, se è stato utilizzato un sottomarino o un drone, anche una nave madre non dovrebbe essere troppo lontana. Questo può essere eventualmente determinato con le immagini satellitari.

Nel frattempo, i paesi si stanno arrampicando per incolpare qualcun altro. La maggior parte delle dita punta sulla Russia, che oggi ha definito “stupide” e “prevedibili” le accuse del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Il Paese ha anche indicato le società americane che, ora che i gasdotti sono chiusi, beneficerebbero molto di più delle forniture di gas dell’Europa.

Ora del giorno

Interessante anche la tempistica delle esplosioni. Questi sono arrivati ​​un giorno prima della cerimonia celebrativa di apertura del cosiddetto Baltic Pipe, un nuovo gasdotto lungo 900 chilometri che trasporta il gas naturale norvegese attraverso la Danimarca alla Polonia, in sostituzione del gas russo. Il gasdotto si collega al gasdotto Europipe II esistente, che va in Germania. Ape la cerimonia in Polonia Era presente anche il primo ministro danese Mette Frederiksen.

Il timore è che anche altre infrastrutture critiche sottomarine vengano distrutte nel prossimo futuro. Pensa ad altri oleodotti e gasdotti, linee elettriche e cavi Internet, molti dei quali vanno anche nei Paesi Bassi.

La sicurezza incasinata

Danimarca e Svezia hanno già rafforzato la sicurezza nel Mar Baltico. Lo ha fatto anche la Norvegia, che in precedenza aveva osservato “droni sconosciuti” sulle sue piattaforme petrolifere e del gas. Sebbene questo paese affermi di non vedere alcuna minaccia specifica per le sue installazioni offshore, ha affermato questa mattina il primo ministro norvegese Jonas Gahr Støre.

READ  New York Post, le email del figlio di Joe Biden appaiono sull'Ucraina

“Il presunto sabotaggio degli oleodotti nel Mar Baltico è un ulteriore promemoria della nostra dipendenza da infrastrutture critiche, comprese quelle subacquee”, ha dichiarato mercoledì il ministro della Difesa tedesco Lambrecht. Ha detto che la Marina tedesca sta aiutando a indagare sulla causa delle esplosioni.

Il ministero della Difesa danese ritiene che potrebbe passare almeno una settimana prima che tutto il gas dai gasdotti sia fuoriuscito e possano essere effettuate ispezioni in loco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.