Colonna | Potenza e impotenza dell’Italia di Meloni in Europa

Cosa significa Giorgia Meloni e il suo blocco di destra nella forte vittoria elettorale dell’Italia per il resto d’Europa? Preoccupazioni con i leader di WashingtonBerlino e Bruxelles su un partito postfascista. Gioia per uno spirito affine di successo con il primo ministro ungherese Viktor Orbán e con i nazionalisti di destra dall’austriaco FPÖ allo spagnolo Vox.

La storia di una svolta a destra su scala europea, guidata da Roma, viene così scritta come prova. Eppure è troppo semplice e troppo presto.

In primo luogo, gli elettori italiani hanno nuovamente optato per la forma più chiara di opposizione. Nel 2018 per l’inedito movimento a cinque stelle del comico Beppe Grillo. Questa volta per Meloni, che, con il suo partito dei Fratelli d’Italia, è stato l’unico fuori dal governo di unità nazionale di Mario Draghi. Ha vinto grazie a questo ruolo di sfidante, ma ora lei stessa – in tempo di guerra e di crisi – deve fare i conti con l’enorme perdita di fiducia dell’Italia nella politica, come dimostra la scarsa affluenza alle urne.

L’Italia è il terzo Paese dell’Unione Europea per popolazione ed economia, ed è anche un orgoglioso membro del G7. Il Nord Italia è una delle regioni più ricche d’Europa. Non c’è motivo, come all’Aia, di soffermarsi con pietà sui luoghi comuni della montagna dei debiti e della mafia.

Allo stesso tempo, ogni primo ministro italiano ha uno spazio di manovra e di potere limitato. Nell’arena europea, il paese debolmente governato lotta costantemente sotto il suo peso. Dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’UE, Roma sperava di unirsi a Berlino e Parigi come membro dei “nuovi tre grandi”. Sotto Mario Draghi a volte ha funzionato, come con il grande viaggio in treno da Kiev dei tre capi di governo nel giugno di quest’anno.

READ  "De Vrij va in tribunale in Italia, anche grazie a una diffida di Lukaku"

Gli altri capi di governo del Consiglio europeo sanno due cose dei primi ministri italiani: con tutte queste fragili coalizioni, non sono forti a livello nazionale e raramente siedono a lungo; dalla seconda guerra mondiale, in media, appena un anno e mezzo. I colleghi di Meloni saranno quindi i primi ad interessarsene.

Ideologicamente, Meloni ha rastrellato le sue idee negli ultimi anni del conservatorismo e del nazionalismo americani ed europei, piuttosto che una fonte primaria fascista. In questo assomiglia a Marine Le Pen, la leader del nazionalismo francese: mentre Le Pen ha dovuto imbiancare l’eredità neonazista di padre Jean-Marie, Meloni si è seduto con il tifoso di Mussolini. nella sua giovinezza. Resta da vedere quanto sia credibile la pulizia. I campanelli d’allarme sul pericolo fascista con cui si è battuto il centrosinistra non hanno impressionato.

Economicamente, Meloni ha moderato il suo corso antieuropeo. Non sostiene più l’abbandono dell’euro. Sente l’umore. Il partito anti-euro Italexit domenica non ha ottenuto il 2% dei voti. Gli italiani sanno che il loro paese ha un disperato bisogno di miliardi di fondi di risanamento dell’UE. Meloni ha un buon rapporto con Draghi e cerca un politico-tecnocrate competente per il ruolo chiave della Finanza. Le preoccupazioni per una crisi dell’euro sono premature.

E la sua agenda dei valori conservatori? Con questo può fare di più, soprattutto a casa, dove giustamente sono coinvolte le organizzazioni femminili. All’estero, l’amore di Meloni per la famiglia e la patria risuona con i governi illiberali in Ungheria e Polonia. Subito dopo il successo elettorale dei nazionalisti di destra svedesi, gli osservatori stanno rilevando una tendenza, chissà, una nuova ondata di populismo di destra, come nel 2016 con Brexit e Trump.

READ  In Italia ci devono credere anche le ville degli oligarchi

Un fattore ostacola questa alleanza di nazionalisti: la guerra in Russia. Nel 2022, la linea di frattura decisiva non è più tra l’individualismo liberale e i valori tradizionali della famiglia, ma tra l’anti e il filo-russo. Le relazioni tra Polonia (intensamente solidale con gli ucraini) e Ungheria (che ha ripetutamente bloccato le sanzioni dell’UE contro la Russia) si sono rapidamente raffreddate. Questa svolta geostrategica supera il loro legame di valori. Ed è proprio sulla linea di demarcazione pro/contro la Russia che Meloni è chiaramente dalla parte occidentale, a differenza dei suoi compagni di coalizione ammiratori di Putin, Salvini e Berlusconi.

Ciò che resta è migrazione. Pattugliare le coste nordafricane, interferire con le scialuppe di salvataggio dei boat people: azioni come questa consentono a Meloni di impegnarsi in politiche decisamente nazionaliste, senza infastidire i mercati finanziari o irritare i partner della Nato. Sotto Meloni, quindi, non c’è via d’uscita dai litigi europei e dall’impasse su migrazione e asilo.

In definitiva, il fattore tempo sarà decisivo. Quanto durerà? Sarà l’ennesima linea di leader effimeri, o un nuovo Silvio Berlusconi, triplice premier e ammirato da Fortuyn a Trump? Se regna a lungo, può dare un enorme impulso a spiriti affini come Marine Le Pen in Francia. È qui che entra in gioco lo scontro davvero pericoloso.

Luca di Middelaar è un filosofo e storico politico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.