Colonna |  Potenza e impotenza dell’Italia di Meloni in Europa

Colonna | Potenza e impotenza dell’Italia di Meloni in Europa

Colonna |  Potenza e impotenza dell’Italia di Meloni in Europa

Cosa significa Giorgia Meloni e il suo blocco di destra nella forte vittoria elettorale dell’Italia per il resto d’Europa? Preoccupazioni con i leader di WashingtonBerlino e Bruxelles su un partito postfascista. Gioia per uno spirito affine di successo con il primo ministro ungherese Viktor Orbán e con i nazionalisti di destra dall’austriaco FPÖ allo spagnolo Vox.

La storia di una svolta a destra su scala europea, guidata da Roma, viene così scritta come prova. Eppure è troppo semplice e troppo presto.

In primo luogo, gli elettori italiani hanno nuovamente optato per la forma più chiara di opposizione. Nel 2018 per l’inedito movimento a cinque stelle del comico Beppe Grillo. Questa volta per Meloni, che, con il suo partito dei Fratelli d’Italia, è stato l’unico fuori dal governo di unità nazionale di Mario Draghi. Ha vinto grazie a questo ruolo di sfidante, ma ora lei stessa – in tempo di guerra e di crisi – deve fare i conti con l’enorme perdita di fiducia dell’Italia nella politica, come dimostra la scarsa affluenza alle urne.

L’Italia è il terzo Paese dell’Unione Europea per popolazione ed economia, ed è anche un orgoglioso membro del G7. Il Nord Italia è una delle regioni più ricche d’Europa. Non c’è motivo, come all’Aia, di soffermarsi con pietà sui luoghi comuni della montagna dei debiti e della mafia.

Allo stesso tempo, ogni primo ministro italiano ha uno spazio di manovra e di potere limitato. Nell’arena europea, il paese debolmente governato lotta costantemente sotto il suo peso. Dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’UE, Roma sperava di unirsi a Berlino e Parigi come membro dei “nuovi tre grandi”. Sotto Mario Draghi a volte ha funzionato, come con il grande viaggio in treno da Kiev dei tre capi di governo nel giugno di quest’anno.

READ  Spero su Salvini senza maschera: "Non discuto, ma le misure rimangono fondamentali"

Gli altri capi di governo del Consiglio europeo sanno due cose dei primi ministri italiani: con tutte queste fragili coalizioni, non sono forti a livello nazionale e raramente siedono a lungo; dalla seconda guerra mondiale, in media, appena un anno e mezzo. I colleghi di Meloni saranno quindi i primi ad interessarsene.

Ideologicamente, Meloni ha rastrellato le sue idee negli ultimi anni del conservatorismo e del nazionalismo americani ed europei, piuttosto che una fonte primaria fascista. In questo assomiglia a Marine Le Pen, la leader del nazionalismo francese: mentre Le Pen ha dovuto imbiancare l’eredità neonazista di padre Jean-Marie, Meloni si è seduto con il tifoso di Mussolini. nella sua giovinezza. Resta da vedere quanto sia credibile la pulizia. I campanelli d’allarme sul pericolo fascista con cui si è battuto il centrosinistra non hanno impressionato.

Economicamente, Meloni ha moderato il suo corso antieuropeo. Non sostiene più l’abbandono dell’euro. Sente l’umore. Il partito anti-euro Italexit domenica non ha ottenuto il 2% dei voti. Gli italiani sanno che il loro paese ha un disperato bisogno di miliardi di fondi di risanamento dell’UE. Meloni ha un buon rapporto con Draghi e cerca un politico-tecnocrate competente per il ruolo chiave della Finanza. Le preoccupazioni per una crisi dell’euro sono premature.

E la sua agenda dei valori conservatori? Con questo può fare di più, soprattutto a casa, dove giustamente sono coinvolte le organizzazioni femminili. All’estero, l’amore di Meloni per la famiglia e la patria risuona con i governi illiberali in Ungheria e Polonia. Subito dopo il successo elettorale dei nazionalisti di destra svedesi, gli osservatori stanno rilevando una tendenza, chissà, una nuova ondata di populismo di destra, come nel 2016 con Brexit e Trump.

READ  Bernie Madoff, il finanziere dietro la più grande truffa finanziaria d'America, è morto

Un fattore ostacola questa alleanza di nazionalisti: la guerra in Russia. Nel 2022, la linea di frattura decisiva non è più tra l’individualismo liberale e i valori tradizionali della famiglia, ma tra l’anti e il filo-russo. Le relazioni tra Polonia (intensamente solidale con gli ucraini) e Ungheria (che ha ripetutamente bloccato le sanzioni dell’UE contro la Russia) si sono rapidamente raffreddate. Questa svolta geostrategica supera il loro legame di valori. Ed è proprio sulla linea di demarcazione pro/contro la Russia che Meloni è chiaramente dalla parte occidentale, a differenza dei suoi compagni di coalizione ammiratori di Putin, Salvini e Berlusconi.

Ciò che resta è migrazione. Pattugliare le coste nordafricane, interferire con le scialuppe di salvataggio dei boat people: azioni come questa consentono a Meloni di impegnarsi in politiche decisamente nazionaliste, senza infastidire i mercati finanziari o irritare i partner della Nato. Sotto Meloni, quindi, non c’è via d’uscita dai litigi europei e dall’impasse su migrazione e asilo.

In definitiva, il fattore tempo sarà decisivo. Quanto durerà? Sarà l’ennesima linea di leader effimeri, o un nuovo Silvio Berlusconi, triplice premier e ammirato da Fortuyn a Trump? Se regna a lungo, può dare un enorme impulso a spiriti affini come Marine Le Pen in Francia. È qui che entra in gioco lo scontro davvero pericoloso.

Luca di Middelaar è un filosofo e storico politico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *