Charlie Hebdo ripubblica i cartoni animati di Maometto. “Non abbassiamo mai la testa”

PARIGI – Charlie Hebdo ripubblica oggi le vignette di Maometto che lo ha trasformato in un bersaglio di terroristi islamici. Alla vigilia dell’apertura del processo dell’attentato del gennaio 2015 – in cui sono morti famosi fumettisti come Wolinski, Cabu, Charb e Tignous – il settimanale satirico ha deciso di rendere omaggio alle vittime e di sfidare ancora i fondamentalisti. “Non abbassiamo mai la testa, non ci arrenderemo mai”, afferma il regista Riss.

Le vignette al centro della controversia sono state pubblicate per la prima volta nel settembre 2005 dal quotidiano danese Jyllands-Posten. In segno di solidarietà, Charlie Hebdo li aveva ripresi. In uno dei disegni, il profeta era raffigurato con una bomba al posto di un turbante, oppure armato di coltello e fiancheggiato da due donne con veli neri. Il settimanale è stato poi processato per un altro disegno di Maometto firmato da Cabu e denunciato come blasfemo da alcune associazioni islamiche. I creatori di Charlie Hebdo sono sempre stati assolti in un Paese dove la laicità è fortemente divisa e il crimine di blasfemia non esiste più. Tuttavia, la redazione ha continuato a ricevere minacce, spesso ignorate. La sede del giornale era già stata incendiata una volta, prima dell’attacco del commando dei fratelli Kouachi, che erano entrati nell’incontro del giornale con i kalashnikov gridando “Allah Akbar”. Nelle ore successive sono stati uccisi anche poliziotti ebrei, agenti e clienti del supermercato.

rappresentante

La decisione del quotidiano satirico precede l’apertura dell’atteso processo sugli attentati del 2015, in un clima dove il motto “Je suis Charlie” sembra meno condiviso. Qualche mese fa, la giovane studentessa Mila ha dovuto beneficiare della protezione della polizia dopo un’esplosione contro l’Islam sul suo profilo Instagram. Oltre alle controverse vignette danesi, la prima pagina del nuovo Charlie Hebdo – in edicola domani – presenta un’altra caricatura inedita di Maometto intitolata “All for that” (che può essere tradotto come: tanto rumore per nulla) e firmata da Cabu , assassinato cinque anni fa. “Ci è stato spesso chiesto di pubblicare altre caricature di Maometto”, spiega il giornale. “Ci siamo sempre rifiutati di farlo, non perché è proibito, la legge lo permette, ma perché avevamo bisogno di una buona ragione per farlo, una ragione che avesse senso e che portasse qualcosa discutere. ” I giornalisti di Charlie Hebdo hanno vissuto per cinque anni in un bunker editoriale presso l’indirizzo segreto. E molti marchi, a cominciare da Riss, vivono ancora sotto sorveglianza.

READ  டிக் டாக் செயலியை வாங்கும் திட்டமுள்ளதா? - சுந்தர் பிச்சை பதில் | Google not in race to obtain TikTok: Sundar Pichai


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *