“Chissà se tornerò mai a De Kuip”


lunedì 26 settembre 2022 alle 23:00
Wessel Antes• Ultimo aggiornamento: 17:09

I calciatori professionisti olandesi possono essere trovati in ogni angolo del mondo, dai riflettori nei principali campionati europei ai lavori più avventurosi in altri continenti. Nella sezione Over del Grens, Voetbalzone dialoga settimanalmente con un giocatore attivo fuori dai confini nazionali. Questa volta il focus è su Achraf El Bouchataoui, che la scorsa estate ha salutato il suo grande amore Feyenoord dopo sedici anni. Dirk Kuijt voleva portare il centrocampista 22enne all’ADO Den Haag, ma El Bouchataoui ha deliberatamente optato per un contratto con l’ambizioso KMSK Deinze di seconda divisione in Belgio.

Di Wessel Antes

“La connessione non è così buona qui, vivo in un piccolo villaggio belga”, ha detto El Bouchataoui, dopo di che può essere meglio compreso tramite una chiamata su WhatsApp. “Funziona sempre tramite Wi-Fi, altrimenti ho solo una linea di connessione”, ride. Quest’estate, El Bouchataoui ha firmato un contratto biennale con Deinze, che quest’anno è stato rilevato da investitori asiatici. Il secondo divisionista belga spera di passare alla Pro League tra qualche anno. Un progetto in cui El Bouchataoui era ansioso di essere coinvolto, quindi l’ispettore tecnicamente dotato ora vive nella pittoresca Zele.

Per anni, El Bouchataoui, insieme a Orkun Kökçü, Wouter Burger e Jordy Wehrmann, ha formato un centrocampista di successo nelle squadre giovanili del Feyenoord. L’amico intimo Kökçü è riuscito a sfondare al De Kuip ed è attualmente lo stesso capitano, ma per El Bouchataoui è stata scritta una strada diversa. La gamba destra ne è fermamente convinta. Non ha perso il suo amore per il Feyenoord oltre confine. “Il Feyenoord ha determinato una parte della mia vita. In effetti, ho vissuto tutto lì. Dalla visita a De Kuip con mio padre, alle grandi mini-classiche contro l’Ajax. Questi sedici anni al Feyenoord mi hanno lasciato molti amici ed esperienze meravigliose.

El Bouchataoui con il suo caro amico Kökçü come giovani giocatori del Feyenoord U17

Alla fine, El Bouchataoui è stato vicino alla selezione per tre anni. Ha partecipato a molte sessioni di addestramento con la forza principale. Un punto culminante specifico? Impossibile, secondo il centrocampista. “Non posso davvero sceglierne uno. Per me è stato meraviglioso che da ragazzo di Crooswijk riuscissi ad alzarmi ogni giorno come giocatore del Feyenoord 1. Non è passato giorno che non ne andassi fiero o che non ne approfitti. Robin van Persie in particolare ha lasciato un’impronta indelebile su El Bouchataoui. “Ho imparato molto da lui, e anche quando lo vedo ora, mostra ancora e ancora che bella persona è”.

Anche tutti quegli anni vicini all’ammiraglia hanno portato stress. Sotto Dick Advocaat, inizialmente i giocatori più giovani avevano meno probabilità di allenarsi con i primi, il che ha creato una situazione spiacevole durante la pandemia di corona. “All’inizio di questa stagione ho giocato per il Jong Feyenoord. Quando è scoppiato il virus, proprio come le squadre dilettantistiche, non ci era permesso giocare partite e allenarci solo in piccoli gruppi. Poi io “sono stato in grado di fare molto poco per sei mesi e verso dicembre mi sono leggermente infortunato. Molti giocatori sono stati assunti durante la pausa invernale, ma per me non c’era davvero un’opzione interessante”, ha detto El Bouchataoui, che ha deciso di restare.

READ  “Stiamo facendo un nuovo inizio”

Poi El Bouchataoui ha fatto il grande passo. “Dopo una conversazione con mio padre e il mio agente, sono andato io stesso dal signor Advocaat per chiedere se potevo partecipare alla formazione, perché non era possibile con Jong. Poi mi ha dato due settimane per fare le mie prove. Dopo alcune prove , Avevo già sentito dire che potevo fare le valigie e che potevo restare fino alla fine della stagione.All’inizio era principalmente per tenermi in forma e El Bouchtaoui faceva da riempimento alla selezione, poi il centrocampista ha dimostrato di nuovo coraggio.

“Poi abbiamo avuto un brutto periodo in cui abbiamo perso contro ADO, tra gli altri. Ho pensato tra me e me, ‘Non lo farei di meno!’ Ecco perché, con rispetto, sono andato di nuovo da Advocaat e gli ho chiesto quale fosse la sua immagine di me. È stata una conversazione onesta, in cui ha anche solo espresso i suoi dubbi. Tuttavia, Advocaat ha dato l’opportunità all’avido El Bouchataoui di intervenire un poco dopo nella gara casalinga contro il Fortuna Sittard (vittoria per 2-0), momento in cui nessuno ce la può togliere.

El Bouchataoui ha poi giocato altre quattro volte per la prima squadra del Feyenoord. “Più tardi mi è stato permesso di sostituire di nuovo l’Heracles Almelo, e quando non abbiamo più giocato, perché stavamo già entrando nei play-off, Advocaat mi ha dato un inizio base al De Kuip contro l’RKC Waalwijk”. Con El Bouchataoui come controller per novanta minuti, il Feyenoord ha avuto un’ottima partita. L’RKC è stato battuto 3-0 grazie ai gol di Steven Berghuis, Nicolai Jørgensen e Jens Toornstra.

Il giorno prima di questa partita, l’avvocato El Bouchataoui si è espresso a modo suo. “Nell’ultimo allenamento, mi ha afferrato il braccio e ha detto: ‘Ashraf, avrai la tua occasione, ma non sprecarla, perché la sprecherai anche per me!’ Non dimenticherò mai momenti del genere. Sarò sempre grato ad Advocaat e per me personalmente è stato un peccato che abbia detto addio al Feyenoord quell’estate”.

Sotto Advocaat, El Bouchataoui è arrivato a cinque partite ufficiali nella squadra principale del Feyenoord

Laddove il Feyenoord sotto Arne Slot ha avuto un grande vantaggio la scorsa stagione, era tempo che El Bouchataoui sotto la sua guida decollasse. “Penso che dovresti sempre guardare prima a te stesso. Ero un ragazzo che sapeva giocare bene a calcio, ma non credo di essere stato il giocatore in quel momento che produceva la stessa intensità che Slot si aspettava.” Durante la preparazione, Slot è stato usato ripetutamente come difensore centrale. “Sapevo già che ora era. Poi mi è stato detto che ero superfluo al Feyenoord 1.”

READ  Luuk de Jong avvicina il PSV alla Champions League | Calcio

Per evitare di dover giocare un altro anno al Jong Feyenoord, El Bouchataoui ha optato per un anno in prestito all’RKC. In parte a causa di un infortunio al menisco, questa stagione è andata in modo completamente diverso dal previsto. Dopo tredici partite ufficiali per i Waalwijkers, era finita e anche il suo contratto con il Feyenoord è scaduto. El Bouchataoui ha realizzato il suo sogno di giocare per De Kuip, ma ha giocato solo una manciata di partite.

“Difficile è una parola pesante, ma è un peccato. Ora guardo giorno per giorno e vado a fuoco in Belgio. Chissà, forse un giorno tornerò da De Kuip. Tutto è possibile”, ha detto il credente El Bouchataoui. Deinze si è fatto strada attraverso Stanley Brard, che è coinvolto nel club belga come advisor. Sebbene El Bouchtaoui avesse più opzioni, ha scelto di intraprendere questa avventura belga.

El Bouchataoui nei panni di un giocatore a noleggio dell’RKC Waalwijk in un duello con il suo amico d’infanzia Tyrell Malacia

Per molti è stata una sorpresa che El Bouchataoui avrebbe giocato nella seconda divisione del Belgio, ma è stata una decisione ponderata. “Conosco Stanley Brard da molto tempo e mi ha chiesto di ascoltare il piano di Deinze. Sportivamente e finanziariamente, la foto mi andava bene. Anche il nostro formatore e direttore tecnico mi ha presentato molte opportunità di carriera, che mi hanno subito convinto. Ovviamente, volevo solo giocare dopo la mia stagione deludente all’RKC.

Deinze esiste dal 1926, ma è stata rilevata da ACA Football Partners all’inizio di quest’anno. “Questo club è stato rilevato all’inizio di quest’anno con l’idea di fondo di diventare rapidamente un grande club in Belgio. L’ambizione è quella di passare rapidamente alla Pro League. Sedici nuovi giocatori sono stati ingaggiati quest’estate, il che rende difficile questa stagione. Abbiamo tante nazionalità diverse e dobbiamo ancora crescere insieme, ma credo nel progetto.

Anche lo stesso El Bouchataoui quest’estate è stato presentato con un piano personale. “Mi vedono come uno dei giocatori con cui il club può davvero crescere negli anni a venire. Cerchiamo, più delle altre squadre in questa competizione, di giocare davvero a calcio. Hanno visto per me un ruolo importante in questo. Ho sempre voluto entrare a far parte di una squadra di calcio, qui ho avuto un po’ di fiducia e apprezzamento di cui ho bisogno dopo un certo numero di anni con meno partite.

El Bouchataoui in azione per Deinze nella partita contro RE Virton

El Bouchataoui ha scelto Deinze invece dell’ADO, dove il suo ex insegnante Kuijt è attualmente l’allenatore capo. “Ho parlato con Dirk, ma avere un certo ruolo nella squadra era importante per me. All’ADO sarei arrivato come un nuovo arrivato come uno dei giocatori, mentre qui mi sento un po’ più sicuro. È stata una scelta difficile, perché Dirk davvero mi voleva, e con lui ho un buon rapporto, alla fine devi scegliere da solo e un viaggio in Belgio, fuori dalla mia comfort zone a Rotterdam, fa bene alla mia crescita personale, qui posso davvero concentrarmi completamente calcio.

READ  LIVE: Il gruppo di testa si divide al penultimo passo del Giro, il Bahrain guida l'inseguimento | Giro d'Italia 2022

All’inizio, El Bouchataoui pensava che sarebbe vissuto a Gand o ad Anversa, ma alla fine lui e sua moglie scelsero consapevolmente Zele. “Gand è una città molto bella, ma ci vivono molti studenti. Era anche un po’ troppo lontano da Rotterdam. Mi piace anche un po’ di più Anversa, quindi ho scelto Zele, che è abbastanza vicino ad essa. Sono andato a vedere la casa e ne sono rimasto subito soddisfatto. Non ottieni molto a Zele, è bello e tranquillo. I miei vicini hanno anche mucche e cavalli nel prato. Quindi vivo in un villaggio agricolo, cosa che non mi aspettavo da Rotterdammer, ma mi piace molto.

Quando El Bouchataoui ha tempo libero, gli piace tornare a Rotterdam. “Ho ancora la mia casa al sud. Infatti sono in Olanda quasi ogni settimana, lo faccio anche per il parrucchiere, perché a Rotterdam è molto meglio! I miei cugini Bilal e Amin giocano al Feyenoord, motivo per cui visito ancora regolarmente Varkenoord”. In Belgio la sua vita è molto più tranquilla. “Gioco anche di nuovo a Fortnite sulla Playstation, online con Marouan (Azarkan, ndr) tra gli altri. Faccio spesso anche dei sonnellini. La mia vita può essere diventata un po’ più noiosa, ma a volte è piacevole”.

L’ex nazionale giovanile El Bouchataoui gioca nell’arancione di Deinze con il numero 8

Nel calcio, la differenza tra Olanda e Belgio è molto grande, secondo El Bouchataoui. “Qui i duelli sono molto più fisici e bisogna agire più velocemente. Non è sempre una bella vista. Molte squadre giocano davvero per il risultato. Da giocatore tecnicamente dotato, il centrocampista cerca di calmare il gioco di Deinze. “Vogliamo davvero giocare a calcio. Cerco di essere grande lì dentro con la mia comprensione del gioco”.

Deinze si trova all’ultimo posto nella Challenger Pro League dopo sei partite. El Bouchataoui rimarca che la squadra deve ancora abituarsi, ma è sicuro che andrà tutto bene. “Giochiamo un buon calcio, soprattutto nel primo tempo. Dopo il resto, lo diamo ancora troppo spesso, quindi dobbiamo diventare ancora più coerenti. Tuttavia, il livello non mi delude e penso che questo passaggio mi porterà oltre. In questa stagione dobbiamo formare una squadra e imparare a capirci per esserci davvero la prossima stagione. Il centrocampista ha già fornito due assist, ma le statistiche non sono quello che conta in questo momento.

El Bouchataoui si sente finalmente di nuovo un calciatore. “Questo è quello che stavo cercando. Non ho avuto anni facili e non sono più il talento del Feyenoord a diciassette anni. Giocare il più possibile e svilupparmi è ciò di cui ho bisogno ora. Spero di vivere molti bei momenti qui e di certo non mi pento di questo passaggio. Ho ritrovato la mia pace. Alcune persone non hanno capito che sono passato dal Feyenoord al secondo livello in Belgio, ma a volte bisogna fare un passo indietro e poi crescere. Vado avere successo in questo ambiente. Ne sono convinto”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.