Cina, tamponi anali obbligatori per chi arriva dall’estero “Il meglio per rilevare Covid” – Il Tempo

Il Cina continua a essere discussa sulla questione Covid-19. E questa volta, non è per la polemica sulla possibile origine del file virus, che secondo alcuni accusatori “scappato” da un laboratorio di Wuhan. Personaggi famosi sono ancora una volta al centro dell’attenzione tamponi anali fatto a chi entra nel Paese dall’estero, il cui disegno aveva già suscitato molte polemiche nelle ultime settimane.

Secondo il Times in Inghilterra, la Cina ha effettivamente pagato obbligatorio da mercoledì i test che rilevano la presenza di Coronavirus nel corpo umano, ponendo una tale posta in gioco per quasi tutti coloro che provengono daestero e vogliono entrare nel paese. Il test anale è giustificato dal governo cinese a causa di un grado più elevato di precisione rispetto ad altri metodi di screening dei virus. Hub specifici per questo tipo di campionamento rettale verranno creati negli aeroporti di Pechino e Shanghai. “I tamponi anali lo sono meglio perché le tracce del virus rimangono più a lungo nei campioni fecali che nel naso o nella gola “, ha detto Li Tongzeng, un medico che si occupa di malattie respiratorie.

La pratica “scomoda” ha già causato il reazione altre nazioni, Giappone e stati Unito a livello globale. “Alcuni giapponesi hanno riferito alla nostra ambasciata in Cina di essersi sottoposti a test di campionamento anale, che hanno causato un grande dolore psicologico“, le parole di Katsunobu Kato, Segretario di Gabinetto del Giappone, che ha affrontato la questione in una conferenza stampa. Ogni accusa è stata restituita al mittente dal portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin: “Io difendo questa pratica, perché si basa su scienza. I test sono in accordo con l’evoluzione della situazione epidemica e delle leggi e dei regolamenti pertinenti ”. La pratica, definita umiliante da tanti viaggiatori che l’hanno dovuta sopportare, continuerà.

READ  Albania, Tirana in fiamme per l'omicidio di un ragazzo da parte della polizia. Il ministro dell'Interno si dimette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *