Clarke tiene a bada Van der Hoorn in uno sprint Tour millimetrico;  Van Aert limita i danni di Jumbo-Visma dopo una giornata drammatica

Clarke tiene a bada Van der Hoorn in uno sprint Tour millimetrico; Van Aert limita i danni di Jumbo-Visma dopo una giornata drammatica

Simon Clarke ha vinto la tappa acciottolata incredibilmente tumultuosa del Tour de France ad Arenberg dall’inizio del volo semplicemente tenendo a bada Taco van der Hoorn. Dietro è successo di tutto, dalle grandi cadute (Roglic) alle forature (Vingeegaard) e da una giornata di merda (Van der Poel) alla caduta e al successivo sacrificio (Van Aert).

I tifosi aspettavano con ansia da giorni, settimane, mesi: la tappa lastricata del Tour de France 2022. Poco prima delle due, gli uomini erano pronti nel centro di Lille, per un percorso su undici corsie e 19,5 chilometri di ciottoli. .

Lo aveva annunciato in anticipo e ha mantenuto le sue parole: Van der Hoorn (Intermarché-Wanty-Gobert) ha scelto l’attacco in questa mini-Parigi-Roubaix. L’olandese ha fatto il primo passo portando con sé Edvald Boasson Hagen (TotalEnergies) e Magnus Cort (EF Education-EasyPost), il principale attaccante di questo Tour.

Il gruppo non ha ceduto subito: si è formato un gruppo di inseguitori, tra cui Jasper Philipsen e Rigoberto Urán, che sono stati abilmente presi in consegna. Alla fine, tre corridori sono riusciti a fare la traversata: Neilson Powless (anche da EF), Alexis Gougeard (B&B) e Clarke (Israel-Premier Tech).

Van Aert cade e si sente ginocchio

C’era molto nervosismo nel gruppo, che guidava fino alla caduta della maglia gialla di Wout van Aert† Il pilota della Jumbo-Visma è caduto con il compagno di squadra Steven Kruijswijk all’uscita di una rotatoria, afferrandolo subito per spalla e ginocchio. Tuttavia, Van Aert è stato in grado di continuare per la sua strada, così come Peter Sagan, che è scivolato pochi istanti dopo.

READ  Inter, Vidal non si riprende per il Napoli. Lautaro diventa titolare

Van Aert è quindi tornato indietro all’ingresso delle sezioni acciottolate successive, dove alcuni dei leader (Aleksandr Vlasov e Ben O’Connor, che sarebbe la vittima più grande) hanno dovuto fare i conti con la sfortuna. In testa non hanno voluto aspettare, i primi tentativi sono arrivati ​​dai danesi Mads Pedersen e Kasper Asgreen a una sessantina di chilometri dal traguardo.

Anche Mathieu van der Poel ha reagito, ma nelle strisce successive potremmo trovarlo già in fondo al gruppo. L’olandese ha detto prima dell’inizio della gara che non si sentiva bene e ciò si è riflesso nella gara. Altri favoriti ombra per questa fase come Alexander Kristoff (incidente dopo una foratura) e Florian Sénéchal (foratura) sono stati sfortunati.

Sfortuna catastrofica per Jumbo-Visma

Il settimo settore (dalla fine, quindi) è iniziato con una caduta di George Bennett, dopo di che INEOS Grenadiers con il vincitore della Roubaix Dylan van Baarle ha aperto il gas. Uomini di classifica come G.Thomas, Pogacar e Vlasov erano in prima linea, ma la vera riduzione non avveniva per un po’. Le cose però sono andate troppo in fretta per uomini come Van der Poel e Jakobsen, mentre Vingaard ha dovuto puntare i piedi per sfortuna.

Laporte gli ha dato la sua bici, ma Vingaard non è riuscito a salire sulla bici del francese da otto pollici e ha dovuto cambiare nuovamente marcia. Improvvisamente, il danese di Jumbo-Visma era indietro di quasi due minuti.

In prima linea, Politt ei suoi associati stavano combattendo davanti ai loro leader, ma stava ancora accadendo un crollo straziante per Jumbo-Visma† Caleb Ewan andò a sbattere contro una balla di paglia e catturò Roglic nella sua trappola, così come Geraint Thomas. Romain Bardet, Matej Mohoric, Jack Haig e Brandon McNulty. Ewan è rimasto lì a lungo, mentre Roglic – proprio come l’ormai in attesa Van Aert – ha dovuto prendere il suo posto dietro i suoi agguerriti compagni di squadra.

READ  Torino-Sassuolo 1-1, Juric: "Non vincere una partita come questa è una pugnalata"

Pogacar, la meraviglia del ciclismo della Slovenia

Pogacar, come gli altri concorrenti, lo ha capito nelle orecchie e ha dato un buon acceleratore sui successivi tratti acciottolati. Arkéa Samsic (Quintana), Groupama-FDJ (Gaudu) e BORA-hansgrohe (Vlasov) hanno unito le forze, mentre Van Aert da solo ha assicurato che Vingaard e compagnia stessero ancora recuperando terreno. con e co. sentiamo anche le tre teste di INEOS Grenadiers, che hanno anche perso la battaglia.

In tutto questo ritmo frenetico, quasi dimentichiamo che c’era un gruppo di testa, che a venti chilometri dal traguardo era ancora un minuto avanti rispetto al primo gruppo. Fu allora che Jasper Stuyven mise in secondo piano il suo attacco. Un uomo ha seguito l’esempio: un certo Tadej P, ma anche i cinque leader rimasti sono andati troppo veloci per questi due top.

Grazie al duro lavoro di Van Aert, Laporte e molte figure INEOS, Vingaard è riuscito a tornare in un gruppo che includeva Gaudu, quindi la maggior parte degli uomini in classifica ha visto solo Pogacar finire. Roglic ha dovuto affrontare un’ulteriore pandoor, di cui è stata la più grande vittima con O’Connor.

Combatti su tutti i fronti

Nell’ultimo tratto acciottolato della giornata, il gruppo di testa, a cui mancava quasi un minuto, ha potuto lottare. Powless, scalatore di professione, lanciò la prima carica. Con questo, ha superato il suo compagno di squadra Cort, quindi siamo passati con quattro negli ultimi due chilometri. È stato Powless ad andare lì per primo, è stato colto alla sprovvista da Boasson Hagen e alla fine è stato Van der Hoorn a farlo. Un fotofinish con Clarke doveva offrire una soluzione.

READ  Live Monza-Chievo (sab 24/10, ore 14), probabili formazioni: Sommariva verso la conferma, torna Gytkjaer?

Nel gruppo, anche Van Aert ha preso in mano la situazione in quest’ultima sezione, per ridurre il più possibile il distacco con Pogacar. Alla fine, lo sloveno non è riuscito ad agguantare troppo pre-regalo e ciò è stato interamente dovuto al duro lavoro della maglia gialla Van Aert. Pogacar e Stuyven hanno finalmente tagliato il traguardo con poco meno di mezzo minuto.

Roglic ha tagliato il traguardo più di tre minuti dopo il vincitore, O’Connor anche più tardi e Haig ha persino dovuto lasciare il round per il Bahrain Victorious.

Risultato tappa 5 Tour de France 2022

Risultati alimentati da FirstCycling.com

Leggi la tappa 5 del ritorno del Tour de France 2022 nel nostro blog dal vivo

Nota: il blog live non si carica da un po’? Quindi aggiorna il browser o premi F5!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *