Colombia, ucciso un ambientalista di 14 anni: difendeva le terre dei popoli indigeni

Breiner David, un ambientalista di 14 anni, è stato ucciso mentre difendeva la sua terra Nativo. È successo dentro Colombia, nel dipartimento rurale di Cauca: qui operano i gruppi paramilitari e narcotrafficanti, combattendo per i corridoi del sentiero ai porti del Pacifico. Il ragazzo, denunciato dai gruppi indigeni, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco. L’omicidio ha suscitato indignazione e indignazione in tutto il paese. Su Twitter, il Presidente Ivan Duca ha parlato di una morte che “ci riempie di tristezza”.

Secondo le rievocazioni, Breiner era di pattuglia quando il suo gruppo si è imbattuto in uomini armati. Gli ex guerriglieri hanno poi aperto il fuoco uccidendo un adulto, Guillermo Chicame, e il 14enne. Nella sparatoria sono rimasti feriti altri due uomini, compreso il capo della riserva. Sospettato dell’omicidio dell’adolescente è un dissidente del disciolto movimento di guerriglia Farc, noto come ‘L’indiano’. Il ragazzo proveniva dalla tribù Nasa e serviva come “guardiano della Madre Terra”. Secondo l’ufficio del difensore civico della Colombia, nel 2021 sono stati uccisi 145 attivisti, inclusi 32 membri di gruppi indigeni, poiché il paese sudamericano è diventato il paese più pericoloso nel mondo per il ecologisti, con 65 vittime su 227 nel 2020. Inoltre, secondo l’Ufficio per gli affari umanitari delle Nazioni Unite e Indepaz, la Colombia è il Paese con il maggior numero di massacri: 286 dal 2016..

Messaggio precedente

Barcellona, ​​indagato il sindaco Ada Colau per concessione irregolare di sussidi. Lei: “Dimissioni? No, questo è un caso che è già stato chiuso”

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.