comandante in capo conferma che dietro le esplosioni in Crimea c’era l’Ucraina |  ADESSO

comandante in capo conferma che dietro le esplosioni in Crimea c’era l’Ucraina | ADESSO

Le esplosioni di agosto in una base aerea russa nella penisola di Crimea sono state il risultato di un attacco ucraino. Lo ha confermato mercoledì il comandante in capo ucraino Valery Zaluzhny tramite l’agenzia di stampa statale ucraina Informazioni sul Regno Unito.

Il 9 agosto si sono verificate diverse esplosioni in una base aerea russa in Crimea. La penisola occupata dalla Russia nel 2014 si trovava allora a circa 200 chilometri dietro la linea del fronte nell’Ucraina meridionale. Non era chiaro se l’Ucraina avesse le risorse militari per lanciare un attacco così lontano dietro la linea del fronte.

Le esplosioni hanno gravemente danneggiato gli aerei da guerra russi e una pista. L’Ucraina è rimasta vaga sulla causa, la Russia ha detto che gli ordigni aerei erano esplosi. Il New York Times concluso sulla base immagini satellitari che deve esserci stato un attacco.

Una settimana dopo, si sono verificate di nuovo esplosioni, questa volta in un deposito dell’esercito nel nord della Crimea. Anche allora, l’Ucraina è rimasta in silenzio e ha confermato di non aver lanciato un attacco.

Zaluzhny ora scrive che le esplosioni sono state il risultato di missili lanciati dall’Ucraina. Non entra nel dettaglio degli attacchi nel suo articolo. Non è ancora chiaro da dove siano stati lanciati i razzi.

Il comandante in capo dell’Ucraina ha definito le esplosioni in Crimea “un’attuazione riuscita del piano per avvicinare la lotta alla Russia”.

READ  Paura Europei, Eriksen crolla a terra privo di sensi: arresto cardiaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *