La dote italiana di zia Mimina sulle colline teramane

La dote italiana di zia Mimina sulle colline teramane

La dote, in olandese la chiamiamo dote, era un’antica usanza in Italia ancora obbligatoria fino al 1975. I matrimoni non erano semplicemente un legame tra due persone, ma spesso era un vero e proprio “contratto” tra le due parti. La famiglia della sposa doveva assicurarsi che ci fosse una dote, una dote, per lo sposo, che spesso veniva scelto l’uno per l’altro fin dall’adolescenza di entrambi.

Con mia cognata Teodolinda e la signora Maria, una signora anziana ma ancora ferma che la aiuta nelle faccende domestiche, andiamo nella casa di famiglia sulle colline di Teramo per dargli una buona pulizia prima che la casa venga ristrutturata. Un lavoro colossale poiché la casa è piena di mobili e oggetti dei tempi della nonna.

Struttura ricettiva

Cosa c’è in questo baule?

Cosa c’è dentro, chiedo incuriosita mentre provo a spostare una scatola pesante per pulire a fondo la stanza. Ahhh “la dote della mia zia” dice eccitata mia cognata, la scatola si apre e lei inizia a parlare. “Era la dote di nostra zia (zia) Mimina, sorella di mio padre, è la foto del suo matrimonio quando si sposò in Puglia negli anni ’30. Sta sfogliando un vecchio album fotografico nella bara su tela vecchia.” Con entusiasmo scavo nello “scrigno del tesoro” pieno delle più belle lenzuola, asciugamani e lenzuola vecchie. Che bei tessuti e com’è bello tutto, penso.

portachiavi in ​​dote

Ricami a pois e biancheria

La signora Maria ora si unisce a loro e dice che quasi tutte le famiglie italiane avevano un tale baule da qualche parte in soffitta o in una camera da letto fino alla fine del XX secolo. Un buon corredo era composto da 12 pezzi ciascuno (lenzuola, coperte, tovaglie, federe, ecc.).

READ  Conte si è fatto trovare le piume sulla panchina ed è impazzito

Asciugamani

Meno di un mese prima del matrimonio, il corredo è stato portato a casa degli sposi, evento anche in cui amici e parenti sono venuti ad ammirare il tesoro in mostra. Gli ospiti hanno portato regali, tra cui banconote appuntate sul corredo stesso. Era sempre lo spettacolo: biancheria da letto e da letto erano in mostra su tavoli e cassettiere, persino gioielli, ed era in mostra anche il nuovo guardaroba della futura sposa. I tessuti erano spesso lino pregiato o seta ricamata a mano, con un’eccezionale attenzione ai dettagli.

Suocere difficili

foglio2

E poi c’erano le fastidiose suocere, che cercavano il corredo con molto anticipo, e quasi sempre avevano voce in capitolo, perché ovviamente era il loro figlio che si sarebbe sposato. Era anche consuetudine rifare il letto matrimoniale degli sposi con la biancheria più pregiata del corredo. Questo è stato fatto da tre donne sane sposate o single. Quando il letto era pronto, vi veniva cosparso di grano come buon auspicio, ma questa usanza si estinse alla fine degli anni ’60, secondo Maria.

L’origine della dote delle “Tabulae Nuziali”.

Della dote sappiamo che le sue radici risalgono alle antiche culture greca e latina. Le “tabulae nuziali” di epoca romana costituivano una sorta di contratto prematrimoniale che doveva essere fissato da un punto di vista puramente materiale ed economico per la durata del matrimonio.

divina Commedia

matrimonio2

Era tradizione che sin dall’infanzia di una ragazza, nonne, madri e zie iniziassero a realizzare per dote lini, spesso elegantemente ricamati e cuciti, ad eccezione dei pezzi molto pregiati che venivano realizzati in organza, puro lino, seta o cotone da abili artigiani. ricamatrici in un convento.

READ  La bici in TV 24 maggio 2022 | Corri in Italia, Norvegia e Germania!

Spesso la dote rappresentava un grosso ostacolo per le famiglie meno fortunate a far sposare le figlie, ogni figlia era un affare costoso e un grande sacrificio per tutta la famiglia. In alcuni casi, quindi, la nascita di una bambina era vista come un problema economico sgradito. Un corredo può contenere qualsiasi cosa: materassi, coperte, lenzuola, utensili in ottone, biancheria… insomma tutto quello che serve per la vita di una giovane coppia di sposi. Dante Alighieri scrive nella Divina Commedia nel XV Canto del Paradiso: “Non faceva, nascendo, ancor paura la figlia al padre, ché il tempo e la dote non fuggine quindi e quinci la misura”. (“Una figlia, una volta nata, non ha ancora paura del padre, perché il tempo della dote non passa.”)

“Mani di fata” delle monache del monastero

copriletto a pois

Negli anni ’30 c’era anche una rivista che ti insegnava a ricamare i fogli, racconta la signora Maria. Mia cognata è in piedi con in mano un lenzuolo bianco con un bel ricamo, zia Mimina le aveva detto un giorno che era stato ricamato dalle monache in un convento di Firenze.

Un tale baule non ha prezzo mi dico, ben diverso dalla “Lista Nozze” che ormai è comune. La Lista Nozze è la lista degli articoli da matrimonio che lo sposo prepara diversi mesi prima della data del matrimonio. Tale elenco viene creato con l’aiuto di uno o più negozi in cui è possibile scegliere articoli per la casa da regalare

“Bambina, per favore porta a casa la dote di zia Mimina”

Ma mentre passiamo alla pulizia, c’è ancora molto da fare e da pulire. “Figlia mia, per favore, porta con te tutto questo baule”, dice mia cognata, quando tutti i pezzi sono pronti. “Ma tu non vuoi avere tutte quelle cose belle”, le chiedo sorpreso, ma lei risponde ridendo di avere ancora tutta la dote di sua madre in cantina.

READ  Santo Stefano, l'isola della quarantena e la rivolta dei turisti: "Rapimento"

Quella notte, sono in piedi davanti alla casa con il petto grigio-blu accanto a me, in attesa che il mio amore mi venga a prendere, “questo sta tornando a casa” dico. Quando abbiamo sollevato la pesante cassa in macchina con tutte le nostre forze, M sospira: “Cosa c’è in quella cassa? “La dote della tua zia” dico ridendo.

Olga Bibi Segaar è

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *