Come cambiare indirizzo IP

Può capitare spesso di scoprire siti internet nuovi, ricchi di informazioni utili o video interessanti, che corrispondono esattamente a quello che stavi cercando da così tanto tempo. Ma c’è un piccolo problema. Non riesci a visualizzare il sito perché un messaggio di avviso ti avverte che non sei abilitato alla visione del sito. Questo perchè non risiedi al Paese al quale il sito è destinato. Come fare in questo caso? La risposta è piuttosto semplice: ti basterà cambiare indirizzo IP.

Ma prima di iniziare, facciamo un po’ di chiarezza: cos’è l’indirizzo IP? L’indirizzo IP è quel meccanismo che ci identifica quando ci colleghiamo ad internet. Può appartenere a due tipologie diverse: privato (quindi interno) oppure pubblico (ovvero esterno).

Nello specifico, quando l’indirizzo IP è privato, vuol dire che il router assegna l’IP direttamente ai computer, o ai dispositivi mobili, appartenenti ad una rete locale. È invece pubblico, o globale, quando l’IP si identifica ad un’unica connessione, questo vuol dire che l’IP sarà comune a tutti i dispositivi in uso. 

Ma è presente anche un’altra differenza: infatti gli indirizzi IP possono essere dinamici o statici. Sono identificati come dinamici quando cambiano ogni volta che si effettua una connessione, mentre sono statici, quando non si modificano, e rimangono quindi invariati.

Le modalità per cambiare indirizzo IP sono diverse, e possono essere messe in atto in base al tipo di indirizzo IP che ti è stato assegnato. Se infatti hai un indirizzo IP dinamico, cambiarlo sarà molto semplice. Basterà usare la tecnica rinominata “spegni e riaccendi”. Niente di più semplice: scollega il router dalla rete per qualche minuto (10 basteranno) spegnendo il modem collegato ad internet. In questo modo obblighi il tuo gestore a fornirti un nuovo indirizzo IP, che sarà disponibile alla riaccensione del router.

READ  Buffon continua a giocare: il Monaco lo tenta, in Italia occhio all'Atalanta | Prima pagina

Se invece non vuoi scollegare il router, magari perché è collegato alla rete locale, un’alternativa può essere quello di metterlo in modalità offline. Per farlo puoi scollegare direttamente il cavo di connessione a internet, più o meno sempre per una decina di minuti, e ricollegarlo successivamente. Se fatichi a trovare il cavo, ti può essere utile sapere che solitamente si trova nella porta WAN/internet sul retro del modem.

Se invece usufruisci di un indirizzo IP pubblico di tipo statico che, come abbiamo detto prima, non è modificabile, una scorciatoia è facilmente individuabile nei VPN. I VPN, acronimo di Virtual Private Network, sono una modalità che consentono di creare una rete privata virtuale che permette di navigare in anonimato e in completa privacy. Questo canale di navigazione è “riservato” tra i dispositivi, che non per forza devono essere collegati alla stessa LAN. Spostando la rete verso l’esterno, la propria connessione ora apparirà dislocata in un’area differente rispetto a quella reale, e non sarà quindi più quella in cui è posizionato fisicamente il router. Utilizzarli è molto più semplice di come possa sembrare. Esistono numerosi servizi di VPN online, uno tra i più semplici e che assicura un VPN sicuro ed illimitato è Touch VPN. Come funziona? Si tratta di un estensione scaricabile dallo Store di Chrome, o dal sito ufficiale del produttore, e permette in un semplice click, di cifrare i dati della connessione attraverso un complicato algoritmo. Questo nasconde e modifica il proprio indirizzo IP, geolocalizzandolo altrove (volendo si può anche scegliere la località). L’unico intoppo di questa modalità è che, essendo la connessione dislocata in remoto, sarà leggermente più lenta rispetto alla connessione reale.

READ  Calciomercato Roma, Mou apre la porta

Se invece usufruisci di un indirizzo IP privato, per modificarlo ti basterà assegnargli un indirizzo di tipo statico. È molto semplice, non servono tool di alcun tipo, devi solo individuare l’indirizzo IP del tuo router e la maschera di rete, dopodiché puoi modificare l’indirizzo passando dalle impostazioni del sistema operativo in uso. In genere è consigliabile modificare solo le cifre finali dell’indirizzo del router, ovvero quelle successive all’ultimo punto, segnano un valore compreso tra 2 e 253. Un’ultima cosa da tenere a mente in questo caso è che gli indirizzi IP locali, anche di altri dispositivi ma collegati alla stessa rete, devono essere diversi tra loro. Questo è essenziale per evitare conflitti o errori di comunicazione tra i dispositivi.

La modifica dell’indirizzo IP pubblico è particolarmente utile, dunque, per aggirare divieti o restrizioni online di determinati siti. Fino a qualche anno fa era una tecnica utilizzata, per esempio, per aggirare le restrizioni riguardanti la posizione geografica che limitavano il gioco online. In questo caso specifico però, non è più necessario. Infatti, sono sempre più numerosi i portali che offrono questo tipo di divertimento, per il quale non è necessario aggirare alcuna restrizione geografica, ma che, anzi, sono realizzati appositamente per i giocatori italiani. Non solo, si tratta di piattaforme controllate da Agenzie di Stato, volte a controllarne sicurezza e affidabilità. Inoltre, per attirare utenti molte di queste piattaforme offrono giri gratuiti senza necessità di deposito. Questa modalità permette ai giocatori inesperti, di familiarizzare con il gioco online. Per usufruirne non è necessario alcun tipo di registrazione, e i bonus possono essere utilizzati senza mettere mani al portafoglio. Gli stessi bonus possono anche essere erogati ai giocatori più esperti, con l’intento di fidelizzare i clienti ad utilizzare sempre la stessa piattaforma.

READ  Lazio-Tamponi, arriva l'espulsione: ecco cosa rischia la società

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *