come Cruijff ha lasciato un aereo KLM pieno in attesa di NOS

PAPÀ

Calcio NOSTROModificato

  • Thierry Bean

    Editore in Qatar

  • Thierry Bean

    Editore in Qatar

Gli occhi del mondo del calcio sono puntati sui Mondiali in Qatar. Sulla scia delle star mondiali assolute e ai margini dell’attualità, Thierry Boon, caporedattore di NOS, scrive quotidianamente delle sue esperienze a Doha.

A volte, in queste tre settimane che siamo a Doha, vengono fuori grandi storie dai Mondiali del passato. Storie che sarebbe un peccato non raccontare.

Come questa storia sul potere di Johan Cruijff, raccontata dal tecnico del suono/montatore Bart-Jan van der Tuin, che è in Qatar per il NOS. Stiamo parlando dei Mondiali del 2002 (senza arancione) in Giappone e Corea del Sud.

Sulla strada per Barcellona

“Johan Cruijff era un analista di Sport in studio. Viveva in Spagna e non era dell’umore giusto per continuare a venire a Hilversum. Ecco perché ci siamo andati un paio di volte durante la Coppa del Mondo. Nella sua casa per le vacanze su una montagna vicino a Barcellona”.

“Jack van Gelder ha fatto l’intervista. Ha guardato la partita con Cruijff in soggiorno e poi abbiamo registrato l’analisi in giardino. E ho dovuto modificarla”.

Guarda una delle analisi di Cruijff dalla Coppa del Mondo 2002 nel video qui sotto.

2002: Cruijff analizza i Mondiali di Spagna a bordo piscina

In un ingorgo all’aeroporto

“Dopo un inizio di gioco del genere, sono salito rapidamente e stavamo tornando ad Amsterdam con KLM. Quindi ci siamo diretti all’aeroporto, siamo rimasti completamente bloccati”.

“Jack stava guidando e ha detto, ragazzi, questo sarà un problema. Non voleremo e la nostra storia non arriverà allo spettacolo. Ma c’è una cosa che posso fare ed è chiamare Johan e chiedere se ti può aiutare”.

“Quindi chiamiamo Cruijff nel traffico. Jack ha spiegato la situazione e Johan ha solo detto che avrebbe contattato KLM e poi ci avrebbe richiamato. Quindi pochi minuti dopo Cruijff ha richiamato.”

PAPÀ

Johan Cruijff e Jack van Gelder insieme a una partita di calcio

“Cruijff ha detto che era tutto organizzato, dovevamo guidare un po’, ma l’aereo ci avrebbe aspettato. Potremmo semplicemente parcheggiare l’auto davanti alla porta, lui si occuperebbe anche di quello”.

Entra e vai

“E non abbiamo dovuto imbarcare le nostre cose. Macchina fotografica, treppiede, ecc., dovevamo portarli come bagaglio a mano. Detto, fatto.”

“Così siamo arrivati ​​e qualcuno di KLM ci stava davvero aspettando fuori. Ci ha subito portati sull’aereo, dove siamo stati gli ultimi a salire sull’aereo con tutte le nostre cose”.

“Penso che ci abbiano aspettato per una ventina di minuti. Quindi siamo entrati, le porte si sono chiuse e siamo volati via immediatamente. Nessuno avrebbe potuto farcela, ma a quanto pare Cruijff avrebbe potuto.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *