Come è stato smascherato il “predatore sessuale” Harvey Weinstein

Come è stato smascherato il “predatore sessuale” Harvey Weinstein

ora delle notizie

  • Henry Hansen

    Giornalista

  • Henry Hansen

    Giornalista

Attualmente sta scontando una pena detentiva di 23 anni: il produttore di Hollywood Harvey Weinstein. Più di 100 attrici e operatori cinematografici hanno sporto denuncia contro Weinstein per gravi abusi sessuali. Questa storia è stata ora trasformata in un film.

Il quotidiano New York Times ha lanciato il caso nel 2017 con le prime testimonianze di attrici, che hanno dipinto l’immagine di un predatore sessuale. Nel libro Lei dice giornalisti investigativi del giornale hanno scritto la storia delle loro rivelazioni.

“Da bambina, ti viene sempre detto di fare attenzione a questi ragazzi”, afferma l’attrice Zoe Kazan. Nel film interpreta la giornalista Jodi Kantor, con la sua collega Megan Twohey responsabile della caduta del magnate di Hollywood. “Per noi, questo film non parla tanto di Hollywood. Si tratta più di come le cose possono davvero cambiare se dici la verità. Soprattutto quando un’istituzione come il New York Times mette i muscoli dietro a una storia”.

Successivamente, i protagonisti Carey Mulligan e Zoe Kazan parlano del film e di come la storia abbia cambiato per sempre un silenzio decennale sugli abusi sessuali a Hollywood.

Come i giornalisti hanno denunciato Harvey Weinstein

Il 17 ottobre 2017 un articolo del New York Times ha reso pubblico quanto si vociferava da anni. Uno degli uomini più potenti di Hollywood, Harvey Weinstein – con dozzine di successi al suo attivo, tre Oscar sul comodino – viene denunciato come predatore sessuale. Il potente magnate del cinema ha violentato e aggredito dozzine di attrici. Riscatta la sua cattiva condotta di tutti questi anni con ingenti somme, pur di tenere al riparo dal vento il suo studio Miramax.

READ  Rivolta dietro le quinte di Urk! : "Jacomien bandito dalla serie per conflitto"

dura ricerca

L’articolo di giornale rivelatore, scritto dai giornalisti Jodi Kantor e Megan Thowey, dà un enorme impulso alle nuove accuse di MeToo. Ed è anche chiamato il vero inizio dell’intero movimento. La storia permette a molte vittime, dentro e fuori l’industria cinematografica, di raccontare la loro storia.

La pellicola Lei dice racconta l’entusiasmante e spesso difficile ricerca del duo per scoprire le voci sulla cattiva condotta di Weinstein. “Abbiamo fatto una lunga chiacchierata con Jodi e Megan, le due giornaliste che interpretiamo”, dice Kazan. “È stato sorprendente che fino alla fine dell’indagine non fosse chiaro se la storia potesse essere pubblicata. Nonostante un sacco di prove. Weinstein era così potente. Poteva crearti o distruggerti. Quasi nessuno poteva resistere alla pressione.”

L’attrice continua: “Ora tutti sanno cosa ha fatto Weinstein. Ma nel 2017 sembrava intoccabile. È stato grazie al lavoro giornalistico e alla perseveranza dei due reporter del New York Times che il caso è davvero decollato”.

Intimidire

Entrambi i giornalisti sono stati attaccati da Weinstein in quel momento. Voleva a tutti i costi evitare di essere esposto. La giornalista Meghan Twohey: “Weinstein ci ha inseguito con tutto quello che aveva. I suoi avvocati hanno cercato di farci causa se avessimo pubblicato questa storia. Ha assunto detective che hanno cercato di intimidire le nostre indagini e le nostre fonti”.

Gwynneth Paltrow, Ashly Judd e molti altri grandi nomi di Hollywood volevano parlare con i giornalisti in quel momento, ma non pubblicamente. “Se anche queste grandi attrici di Hollywood non osano parlare, chi lo farà?” chiede uno dei reporter del film.

Lei dice racconta anche principalmente la storia straziante di attrici e operatori cinematografici, che vengono distrutti dal potente Weinstein quando raccontano le loro storie alla stampa. Fino a quando l’attrice Ashley Judd non ha finalmente avuto il coraggio di raccontare pubblicamente la sua storia.

E il resto è storia: sono seguite più di 100 accuse contro Weinstein, che alla fine è stato condannato a 23 anni di carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *