Come il magnete del voto Jimmie Åkesson ha cambiato le sorti dei Democratici svedesi

Come il magnete del voto Jimmie Åkesson ha cambiato le sorti dei Democratici svedesi

Jimmie Åkesson Immagine AFP

Jimmie AkessonImmagineAFP

Jimmie Åkesson (43), leader del partito di estrema destra dei Democratici svedesi, è stato definito il più grande magnete elettorale degli ultimi decenni da domenica scorsa. Per molti elettori, il caposquadra è stato un motivo importante per votare per i Democratici svedesi (SD), secondo un sondaggio tra gli elettori. Domenica l’SD è diventato il secondo partito più grande della Svezia e sembra stia guadagnando l’influenza del governo per la prima volta dal suo inizio.

Quando Åkesson è diventato leader del partito nel 2005, quasi nessuno in Svezia lo conosceva. C’erano poche ragioni per farlo: i Democratici svedesi non erano ancora in parlamento ed erano considerati senza alcuna possibilità di assicurarsi un seggio a causa delle loro radici di estrema destra.

Due dei fondatori erano stati coinvolti nel movimento neonazista svedese e, sebbene il partito avesse licenziato membri con simpatie neonaziste (e le loro giacche) a metà degli anni ’90, non ha perso la sua aura vagante. I partiti affermati non volevano avere nulla a che fare con i Democratici svedesi.

Distanza dal brutto passato

Con Åkesson al timone, è iniziata la svolta. Ha professionalizzato il partito, secondo il giornalista e autore svedese Pontus Mattsson, che ha scritto due libri sull’SD. La prima cosa che ha fatto Åkesson è stata cambiare il logo del partito da una torcia usata da molti movimenti di estrema destra a un fiore di fegato blu molto più amichevole con un bottone giallo.

Nelle interviste, ha anche chiaramente preso le distanze dal brutto passato del partito. Nel 2012 ha annunciato una politica di tolleranza zero contro il razzismo, anche se sono seguiti gli scandali. Proprio la scorsa settimana, un candidato locale dell’SD ha dovuto dimettersi dopo che è stato rivelato che aveva twittato che era tempo di “sterminare tutti i musulmani”.

Sotto il regno di Åkesson, c’era un obiettivo di fondo riconoscibile: contro l’immigrazione. Il suo partito vuole rendere più difficile l’immigrazione, il ricongiungimento familiare e nessun beneficio per i richiedenti asilo senza permesso di soggiorno. Altri temi sono la criminalità e la segregazione, ma Åkesson li collega anche all’immigrazione affermando che sono principalmente gli immigrati a causare questi problemi.

La critica all’Islam, come per il PVV, è secondaria, sebbene abbia definito la migrazione dei musulmani in Svezia nel 2009 “la nostra più grande minaccia straniera dalla seconda guerra mondiale”. Il partito in precedenza era a favore di uno Swexit, ma ha abbandonato l’idea nel 2019.

svolta silenziosa

Le elezioni del 2006 sono state una svolta tranquilla. Con il 3% dei voti, il partito è rimasto appena al di sotto della soglia elettorale, ma è bastato per beneficiare dei finanziamenti del governo. Nel 2010 è seguito l’ingresso in parlamento, con Åkesson come leader del partito.

Questo è stato seguito da successi elettorali nel 2014 (12,9% dei voti) e nel 2018 (17,5%). E ora il 20,5%, il che significa che un voto svedese su cinque è andato all’SD. La vacanza è particolarmente apprezzata al di fuori delle grandi città.

Per Jimmie Åkesson è cresciuto nella città costiera di Sölvesborg, nel sud della Svezia. Suo padre possedeva un’azienda di pavimenti e sua madre lavorava in una casa di cura. Hanno divorziato quando era giovane, dopo di che è cresciuto con sua madre. A scuola si è distinto per i voti alti che ha ottenuto. In un’intervista televisiva, Åkesson una volta ha detto che il suo scetticismo sull’immigrazione è iniziato in gioventù, quando è stato spinto giù dalla bicicletta dai bambini rifugiati e chiamato “svedese di merda”.

Delusione

Già nella sua adolescenza era politicamente attivo. In un primo momento ha bussato alla porta della sezione giovanile dei conservatori-liberali moderati, ma è finita con una delusione. È così che è finito con l’SD. Ha studiato scienze politiche, diritto e filosofia a Lund, ma non l’ha mai finito. Prima di diventare un politico a tempo pieno, ha lavorato per un certo periodo come web designer.

Successivamente è stato eletto nel consiglio comunale di Sölvesborg ed è diventato membro del consiglio dell’SD. La sua lunga carriera politica contribuisce al suo successo, secondo Mattsson. “Ha molta esperienza e non ha fatto nient’altro nella sua vita. Da trent’anni parla degli stessi argomenti politici e ha esperienza, la gente si è abituata a lui.

Åkesson è considerato un politico dotato che è stato in grado di comunicare bene, dibattere facilmente e che ha presentato abilmente il suo partito come un’alternativa all’establishment. “Non come gli altri” è stato lo slogan elettorale di quest’anno sui manifesti dei fiori blu.

Ciò che ha aiutato Mattsson, afferma, è che altri partiti hanno a lungo ignorato i discorsi sull’immigrazione e l’integrazione. Non era più così, soprattutto dopo la crisi dei rifugiati nel 2015, quando la Svezia ha accolto più di 160.000 rifugiati siriani. «Non hanno mai pensato che fosse necessario discutere con l’SD, perché era il partito che odiava gli stranieri. Di conseguenza, non hanno mai trovato buoni argomenti per la propria politica di immigrazione. L’ha rotto.

uomo del popolo

Il leader del partito si vanta di essere un uomo del popolo. Gli piace la pizza e altri fast food e legge thriller polizieschi. Le feste estive annuali di SD, complete di barbecue, rock ‘n’ roll e birra, sono un importante rituale di festa in cui Åkesson prospera e si esibisce. Come quasi tutti i leader politici svedesi, gli piace mostrare il suo amore per la salsiccia. Quando l’ex primo ministro Stefan Löfven ha detto addio, Åkesson gli ha regalato una salsiccia, una salsiccia molto piccante.

Nel prossimo periodo, Åkesson entrerà in un nuovo territorio, vale a dire i colloqui per formare un nuovo governo svedese con l’SD come partner nella tolleranza. Viene lentamente incapsulato lì dall’establishment o riesce a mantenere in una certa misura il ruolo di estraneo? Il tempo lo dirà, dice Mattsson. “Ma le sue richieste saranno molto alte”.

3x Jimmie Akesson

Bruciato

Dopo la campagna elettorale del 2014, Åkesson ha sofferto di esaurimento e ha trascorso sei mesi a casa. Ha scritto su Facebook delle cause, tra cui stress, stanchezza, lunghi viaggi e “vergognoso giornalismo di campagna mediatica”.

Scommessa

Nel 2014, un quotidiano svedese ha riferito che Åkesson e la sua ragazza avevano scommesso 60.000 euro in un anno, più del suo stipendio annuo netto come parlamentare. In una risposta, il caposquadra dell’SD ha definito le domande sul registro una bandiera rossa.

Musica

Åkesson suona le tastiere nel gruppo rock SD Bedårande Barn (“carini ragazzi”). La band può essere ascoltata alle feste estive annuali di SD, tra gli altri luoghi.

READ  In edicola sul Fatto Quotidiano il 31 dicembre: Il microbiologo: "le regole contro la scienza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *