Con il cuore: Ranieri, un artista dal cuore d’oro e un’infanzia difficile

Con una suggestiva location a circondare, la piazza antistante la basilica superiore di San Francesco d’Assisi, Carlo Conti ha condotto l’edizione 2021 di Con il cuore – Nel nome di François. Una serata emozionante, a tratti commovente, creata all’insegna della musica, del divertimento e, soprattutto, amore e solidarietà. Ad affiancare il conduttore due nomi particolari: Massimo Ranieri e Renato Zero.

I tre insieme hanno promosso la maratona di beneficenza ideata dai Fratelli del Sacro Convento di Assisi, cercando di raccogliere più denaro possibile per sostenere le famiglie, le persone bisognose e le missioni francescane. Insomma, un intento più che nobile abbracciato con generosità da Massimo Ranieri e Renato Zero che hanno dimostrato di avere, oltre a un innegabile talento, un cuore molto grande.

E due artisti non hanno risparmiato. Hanno donato non solo il loro talento, ma anche la loro storia e i dettagli della loro vita. Massimo Ranieri, così, ha parlato della sua carriera e ha rivelato che il segreto del suo successo sta nel suo atteggiamento:

Entusiasmo, amore, voglia di fare, di guardare sempre avanti, ma anche indietro, di fronte agli errori che commettiamo.

Poi, come al solito, si è guardato indietro. Tornò quando aveva solo sette anni e raccontò come, per mantenere la sua famiglia, iniziò a lavorare da bambino, conoscendo le difficoltà della vita:

La mia infanzia è stata povera, mi alzavo alle sette del mattino alle sette per andare a lavorare. Oggi questa è la sostanza della denuncia, all’epoca era normale. Quindi lavoro ogni giorno da 63 anni. Tutti i giorni santi.

Ha svolto molti mestieri, dal muratore al barista, compresi altri mestieri. Fu poi il padre a convincere la madre, che desiderava per lui un futuro economicamente sicuro, a dare a Massimo l’opportunità di cantare. Il resto è storia: è diventato uno dei cantautori più amati in Italia e nel mondo e ha dedicato il resto della sua vita alla musica, con passione e dedizione.

READ  Mercedesz Henger e Lucas Peracchi si sono lasciati, lui: `` Il motivo è che ... ''

Un atteggiamento che condivide con il collega Renato Zero, che ha ammesso di prendere sempre sul serio la musica, come teuna vera missione:

Nasciamo adulti e finiamo per essere bambini. Da quella saggezza è derivato il fatto che non avrei dovuto prendere nulla alla leggera. La musica non era leggera ma era un impegno molto pesante, perché la sensibilizzazione, la formazione e l’avvicinamento alle persone è un lavoro infinito e molto costoso.

Carlo Conti, con il supporto di Massimo Ranieri e Renato Zero, è così riuscito a offrire al pubblico della Rai uno dei momenti unici ed emozionanti. Una serata speciale, con uno scopo speciale, che sicuramente si ripeterà in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *