Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite per indagare sulla repressione delle proteste di massa iraniane | All’estero

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite indagherà sulla violenta repressione delle proteste di massa in Iran. Il consiglio esamina tutte le violazioni dei diritti umani commesse dalle forze di sicurezza iraniane contro manifestanti pacifici. Lo ha riferito l’Onu giovedì in una conferenza a Ginevra.

La Germania e l’Islanda avevano presentato una richiesta di indagine. Hanno votato a favore 25 membri del Consiglio per i diritti umani, compresi i Paesi Bassi. Sei membri, tra cui Cina e Pakistan, hanno votato contro. Sedici paesi non hanno votato.

La missione di accertamento dei fatti delle Nazioni Unite è “una svolta tanto attesa nella lotta contro l’impunità sistematica”, afferma Amnesty International. Il voto di giovedì è un chiaro segnale alle autorità iraniane, secondo l’organizzazione per i diritti umani. Ciò dovrebbe chiarire che non possono più commettere crimini ai sensi del diritto internazionale senza conseguenze.

Molti attivisti e diplomatici salutano con favore le indagini. Il rappresentante iraniano ha precedentemente accusato gli Stati occidentali di aver abusato del Consiglio per i diritti umani per attaccare il Paese.

Giovedì scorso, il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Volker Türk ha invitato l’Iran a porre fine al suo “uso non necessario ed eccessivo della forza” contro i manifestanti nel paese. Vuole anche che il governo iraniano ascolti gli iraniani “coraggiosi” che vogliono il cambiamento.

Nel suo primo discorso al consiglio, il nuovo capo dell’Onu ha parlato di un “numero impressionante” di arresti e di una “crisi dei diritti umani in piena regola” nel Paese. Secondo le Nazioni Unite, circa 14.000 persone sono state arrestate e più di 300 sono state uccise.

READ  Meta blocca gli account su Facebook e Instagram per la propaganda russa | Tecnologia

Dalla morte della 22enne Mahsa Amini a metà settembre, gli iraniani hanno protestato contro il rigido regime islamico del Paese. La donna è morta dopo essere stata arrestata dalla vicesquadra per aver infranto il codice di abbigliamento.

I manifestanti affermano che la polizia è responsabile della sua morte. Türk dice di essere preoccupato che le indagini sulla causa della morte di Amini non soddisfino gli standard internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.