Corona continua a battere nel team Pogacar |  bicicletta

Corona continua a battere nel team Pogacar | bicicletta

Giovedì, lo spagnolo Matxin Joxean Fernandez, team manager della squadra di Tadej Pogacar, ha annunciato che avrebbe dovuto lasciare il Tour de France a causa di un test corona positivo.

“Ciao, ora sono io che devo dire addio alle corse, che sono l’obiettivo principale dell’anno”, ha twittato Joxean. “Ieri sera sono risultato positivo al Covid-19 al controllo interno della squadra. Continuerò a sostenere i ragazzi. Il giro continua.

Pogacar ha già perso due compagni di squadra a causa dell’infezione da corona: il neozelandese George Bennett e il norvegese Vegard Stake Laengen. Anche il polacco Rafal Majka è risultato positivo, ma non aveva sintomi e sembrava avere un basso rischio di infettare gli altri. Pogacar ha perso la maglia gialla contro il danese Jonas Vingaard a causa di un guasto di mercoledì.

Recensione dell’ASO

Almeno una parte dei test corona effettuati dall’organizzatore ASO al Tour de France non soddisfa i requisiti. Questa è l’opinione dell’Associazione dei medici forensi e sportivi del Belgio. Lo SKA, come viene chiamata l’organizzazione, si basa su fonti all’interno del Tour. “È pericoloso per i piloti e gli altri dipendenti del team”, afferma lo SKA.

Il corona virus è presente, il che significa che ci sono molti test nel Tour: da parte delle squadre e, nei giorni di riposo, dall’organizzazione in collaborazione con l’Unione ciclistica internazionale UCI. Lunedì, dopo i controlli, non sembrava esserci alcuna contaminazione. “La SKA ha capito da varie squadre, medici di squadra e corridori che i test corona che esegue l’Aso non seguono un protocollo rigido e che spesso il tampone non viene inserito abbastanza in profondità nel naso”, riporta l’associazione, che quindi nutre dei dubbi in merito. parte dei risultati dei test della squadra. “Fortunatamente ci sono molti medici di squadra che si prendono responsabilità e ripetono i test, spesso su richiesta di piloti che hanno anche poca fiducia nell’approccio ASO.

READ  Napoli-Fiorentina 2-5, pagelle / Peccato per Spalletti perdere contro il calcio italiano

Tom Teulingkx, medico sportivo e presidente della SKA, definisce questo approccio “indegno di un’organizzazione come l’ASO”. Dice di sentire voci da tempo sull’abbandono dei test alle gare ciclistiche. “Date agli atleti e al loro ambiente un falso senso di sicurezza. Il Covid-19 è una malattia, non un infortunio”, ha detto Teulingkx.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *