Perché l’Artico si sta riscaldando molto più velocemente del resto del mondo

Perché l’Artico si sta riscaldando molto più velocemente del resto del mondo

ILLUMINATO

Notizie ONS

  • Helen Eker

    caporedattore clima ed energia

  • Helen Eker

    caporedattore clima ed energia

Un’importante spedizione scientifica lascia oggi la civiltà a Spitsbergen. Una nave con cinquanta scienziati parte per Edgeøya, che si trova sul lato orientale dell’arcipelago Spitsbergen. È il luogo di riscaldamento più veloce sulla Terra. Mentre la temperatura globale è aumentata in media di 1,2 gradi, a Edgeøya l’aumento è in media di 6 gradi. Il NOS riferirà sulla spedizione nelle prossime settimane.

Rispondiamo ora a sei domande:

1. Perché l’Artico si sta riscaldando più velocemente del resto del mondo?

Questo ha diverse cause. Complessivamente, la temperatura globale è aumentata di 1,2 gradi dall’inizio della rivoluzione industriale. Ma ci sono grandi differenze regionali; l’Artico si è riscaldato da due a tre volte tanto. La causa principale del riscaldamento è l’emissione di gas serra, ma nella regione artica ci sono altri effetti. Uno di questi è l’effetto albedo: a causa dello scioglimento del ghiaccio che galleggia sul mare attorno al Polo Nord, la luce solare viene riflessa meno. Invece, il calore va direttamente nel mare e l’acqua calda fa sciogliere il ghiaccio marino ancora più velocemente.

ILLUMINATO

2. Quanto ghiaccio marino è già scomparso?

Il ghiaccio nell’Oceano Artico si sta restringendo in superficie di quasi 80.000 chilometri quadrati in media ogni anno. Questo è circa il doppio dei Paesi Bassi. Da quando sono iniziate le misurazioni satellitari nel 1978, quasi la metà (45%) della superficie del ghiaccio è scomparsa. Anche lo spessore del ghiaccio è notevolmente diminuito. Un tempo era spesso diversi metri, ora è molto sottile in molti punti. Se combini spessore e area, circa il 75% di tutto il ghiaccio marino è scomparso.

READ  La gravidanza cambia il cervello delle future mamme

3. Lo scioglimento del ghiaccio artico provoca l’innalzamento del livello del mare?

Non direttamente. Il ghiaccio marino galleggia sull’acqua e quando si scioglie, la quantità di acqua non aumenta. C’è un effetto indiretto. Perché la scomparsa del ghiaccio marino sta riscaldando rapidamente la regione, il che significa che anche il ghiaccio terrestre in aree come Groenlandia, Siberia, Spitsbergen e Canada si sta sciogliendo. Questo ghiaccio scorre verso il mare, provocando l’innalzamento del livello del mare.

4. Il rapido riscaldamento dell’Artico riguarderà anche il resto del mondo?

Sì. Le zone basse della Terra sono preoccupate per l’innalzamento del livello del mare.Inoltre, il riscaldamento nell’Artico sta avendo conseguenze per piante e animali in altre parti del mondo, sia sulla terraferma che nel mare, nonché sulle condizioni meteorologiche. Ad esempio, gli inverni più caldi al nord possono anche portare a temperature invernali più elevate qui.

5. Cosa ci riserva il futuro?

Nel settembre 2012, l’estensione del ghiaccio attorno al Polo Nord ha raggiunto la sua dimensione più piccola. C’è la possibilità che questo record negativo venga battuto quest’anno.

Gli scienziati sottolineano che la scomparsa del ghiaccio marino potrebbe portare a un improvviso ed enorme cambiamento di temperatura. Se l’aria appena sopra la banchisa è regolata tra -20 e -30 gradi, non appena il ghiaccio è scomparso, la temperatura sale intorno allo zero; improvviso aumento di diverse decine di gradi.

6. È davvero necessario impegnarsi come NOS, perché comporta emissioni di CO2 aggiuntive?

Questa è la seconda volta che si svolge questa spedizione speciale e dall’ultima volta (7 anni fa) sono successe molte cose al di sopra del Circolo Polare Artico. Gli scienziati stanno facendo del loro meglio per studiare le conseguenze del riscaldamento globale e, per quanto difficile, per dire qualcosa sul suo significato per il futuro.

Il NOS ha deciso di aderirvi per poter riferire sulla spedizione stessa e rendere visibili gli effetti del riscaldamento globale stesso. Il riscaldamento è particolarmente evidente nell’Artico, il che rende importante tornare a Spitsbergen ora e seguire la spedizione.

Nonostante ci siano discussioni in merito, il NOS ha deciso di compensare le emissioni di CO2 dei voli del giornalista Emil van Oers, dell’editore climatico Heleen Ekker e del cameraman Geert Kanters.

Vuoi saperne di più sul viaggio? Emil van Oers e Helen Ekker hanno già risposto alle tue domande. Guarda le domande e risposte qui:

Domande e risposte sulla ricerca sui cambiamenti climatici a Spitsbergen: “Lo spessore del ghiaccio si è ridotto del 75%”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *