Coronavirus fuori dal laboratorio di Wuhan? Adesso ne parlano tutti (compreso Biden) ma Tgcom24 dava la notizia già a gennaio 2020

Il direttore di Tgcom24 è stato il primo ad affermare che il virus ha avuto origine in un laboratorio nell’allora semisconosciuta città cinese di Wuhan. Ora – 16 mesi dopo – anche il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha ordinato all’intelligence di indagare sull’insorgere del Covid-19, all’origine del quale emergono posizioni sempre più ostili nei confronti della Cina, accusata da più parti di mancanza di trasparenza.

“Gli Stati Uniti – ha detto Biden su 26 maggio 2021 – continuerà a lavorare con i partner di tutto il mondo per fare pressione sulla Cina affinché partecipi a un’indagine completa, trasparente e basata su prove e consenta a tutti l’accesso a dati e prove pertinenti. due teorie plausibili: il virus potrebbe provenire da un animale, oppure potrebbe provenire da un “incidente di laboratorio”.

sempre il 26 maggio 2021 Antoine Fauci, consigliere della Casa Bianca su Covid-19, ha affermato di non essere convinto che il coronavirus si sia sviluppato naturalmente. “Dovremmo indagare su cosa è successo in Cina. Certo, le persone che indagano sostengono che l’emergenza provenga da un animale che ha infettato le persone, ma avrebbe potuto essere qualcos’altro”.

Era la lettera di un gruppo di scienziati internazionali (che indica per quanto possibile sia il percorso della specie del salto che quello dell’incidente “umano”) pubblicato su 14 maggio 2021 e materiale di intelligence disponibile per spingere la Casa Bianca a chiedere il massimo sforzo per ulteriori indagini. I dati di 007 sono ancora top secret, ma chiaramente sufficienti a destare dubbi dopo le indagini svolte a Wuhan tra gennaio e febbraio 2021 dagli esperti diOMS che aveva accesso solo parziale alla documentazione cinese.

READ  Covid, la variante indiana dovrebbe spaventarci? Cosa sappiamo oggi - Corriere.it

E 16 gennaio 2021, proprio mentre il team internazionale dell’OMS era in città per il primo focolaio per esaminare le radici della pandemia, l’allora Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha apertamente accusato la Cina di aver nascosto l’origine del virus: “Pechino continua a nascondere queste informazioni vitali di cui gli scienziati hanno bisogno per proteggere il mondo da questo virus mortale”.

Nel settembre 2020 era il virologo cinese Li Meng Yan, che lavorava alla Hong Kong School of Public Health, lanciando la “bomba” in diretta televisiva. “Il coronavirus è stato creato in un laboratorio a Wuhan”, ha denunciato durante il talk show britannico “Loose Women”. L’accusa contro il governo cinese è secca: secondo il medico Pechino era a conoscenza dell’origine dell’epidemia e ha volutamente nascosto la minaccia al mondo.

Anche prima, all’inizio giugno 2020, è stato Sir Richard Dearlove, ex capo dei servizi segreti britannici (MI6), per affermare in un’intervista al Telegraph che “il coronavirus è stato creato dall’uomo in un laboratorio in Cina e si è diffuso in tutto il mondo in seguito a un incidente”.

Per il virologo francese Luc Montagnier, premio Nobel per la medicina nel 2008 per i suoi studi sull’AIDS, “la sequenza del virus dell’HIV è stata inserita nel genoma del coronavirus nel tentativo di produrre un vaccino”. Secondo Montagnier, il Covid-19 “è stato accidentalmente manipolato e portato fuori da un laboratorio a Wuhan nell’ultimo trimestre del 2019”. Le sue parole vengono da 17 maggio 2020.

READ  "Non si arrende senza combattere", una voce inedita - Libero Quotidiano

Qualche settimana prima, il 1 maggio 2020, poi presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva dichiarato pubblicamente di avere un alto livello di fiducia nell’ipotesi che l’origine del coronavirus fosse legata a un laboratorio di Wuhan, senza dare ulteriori spiegazioni. Quando un giornalista gli ha chiesto su cosa basasse questa grande fiducia, il presidente ha risposto che non poteva dirlo.

Fino a pochi mesi fa l’ipotesi più probabile era l’origine naturale del coronavirus e chi sosteneva il contrario veniva accusato di complotto teorie cospirazioniste. Ora le cose sono cambiate. Radicalmente. La prova viene anche da Facebook, chi di 27 maggio 2021 ha deciso di non censurare più le pubblicazioni che affermano che il Covid-19 è stato creato dall’uomo o è il risultato di manipolazioni di laboratorio.

Dall’inizio dell’epidemia, il social network ha cercato di inquadrare il dibattito sulla sua piattaforma, al punto da sollevare molte ipotesi considerate teorie del complotto. L’idea che il virus potesse essere nato dopo l’intervento umano ne faceva parte già da febbraio, ma viste le recenti posizioni assunte dagli scienziati sull’argomento, Facebook ha cambiato posizione: “Alla luce delle indagini in corso sull’origine del Covid-19 e dopo aver consultato esperti di sanità pubblica, non rimuoveremo più dalle nostre applicazioni l’affermazione che il virus sia di origine umana. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *