Vaccini misti, terza dose, trombosi: cosa dice Ema

I primi dati e notizie sul mix tra vaccini anti-Covid sono rassicuranti, la terza dose non sembra necessaria ed è diminuito il tasso di letalità dei rari casi di trombosi riscontrati dopo la somministrazione di AstraZeneca e Johnson & Johnson. E’ quanto riporta l’Agenzia europea per i medicinali Ema.


VACCINI MISTI

La possibilità di mescolare diversi vaccini tra la prima e la seconda dose “è una questione molto importante che è attualmente in discussione. Ci sono alcuni dati riguardo a questa possibilità, in particolare con AstraZeneca e un vaccino mRNA” per la seconda dose. “Uno studio è stato condotto nel Regno Unito e un altro dovrebbe dare risultati in Spagna. Ma non c’è nessun problema particolare dal punto di vista della sicurezza e anche i pochi dati che abbiamo visto mostrano che anche in termini di immunogenicità, questo sembra essere un approccio efficace per generare una risposta immunitaria robusta dopo una seconda dose di un vaccino diverso. Tuttavia, stiamo cercando di raccogliere più prove e rivedere gli studi per assicurarci che questo approccio sia buono come è. sembra. ” E’ quanto ha spiegato Marco Cavaleri, responsabile vaccini e prodotti terapeutici per il Covid-19 presso l’Agenzia europea dei medicinali Ema, durante il briefing periodico organizzato dall’organismo di regolamentazione dell’Ue.

TERZA DOSE

“I dati preliminari sulla durata dell’immunità, che potrebbe raggiungere un anno o più, al momento non mostrano la necessità di una terza dose, ma sono necessarie ulteriori prove”, ha twittato l’Ema, aggiungendo di essere “in contatto con i principali produttori”. dei vaccini anti-Covid per affrontare il tema delle varianti” del coronavirus e “per valutare la migliore strategia per una eventuale terza dose”.

READ  cambia immagine - Libero Quotidiano

CASO DI TROMBOSI

Per quanto riguarda “il rischio di trombosi rara” associato a bassa conta piastrinica è stato riportato dopo la vaccinazione anti-Covid con AstraZeneca e Janssen (J&J), se per J&J abbiamo un solo caso possibile riportato in Europa, per AstraZeneca, “con quella numero di persone sono state vaccinate in questo momento in questa parte del mondo”, hanno aggiunto altri rapporti. Ma ciò che è importante notare è che la frequenza di questi rari eventi avversi è di circa 1 su 100.000 casi “segnalati”. E un’altra importante osservazione è che il tasso di mortalità dei casi è diminuito, il che probabilmente indica che la consapevolezza di coloro che sono stati vaccinati e la capacità di coloro che sono stati vaccinati. I medici che si occupano di “questi casi” possono aver contribuito a ridurre questi esiti sfortunati “, ha spiegato Georgy Genov. Farmacoviabilità dell’Agenzia europea per i medicinali Ema , oggi al briefing periodico ospitato dall’organismo di regolamentazione dell’UE .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *