Coronavirus, proteste a Berlino contro misure governative: la polizia usa idranti | L’Ungheria estende il blocco parziale fino all’8 febbraio

Manifestazioni a Berlino – A Berlino, nel quartiere Mitte e nella zona della Porta di Brandeburgo, tra le 5.000 e le 10.000 persone si sono radunate per protestare contro le misure adottate dal governo per fermare il contagio da coronavirus. Molti manifestanti non indossavano maschere e non rispettavano le distanze, quindi la polizia è ricorsa all’uso di idranti per disperderli. Mentre i getti d’acqua erano diretti contro i manifestanti, la polizia antisommossa ha arrestato più di 100 manifestanti. Tra loro, alcuni avevano sparato fuochi d’artificio e razzi.

Le proteste hanno avuto luogo Governo tedesco, sottolineando che “la libertà di espressione di pensiero è un alto valore della nostra Costituzione e la critica dei provvedimenti e il dibattito pubblico in materia devono essere possibili e indispensabili, ma dobbiamo anche rispettare le misure contro Covid”.

L’Ungheria prolunga il blocco fino a febbraio – L’Ungheria ha annunciato che estenderà il blocco parziale contro la diffusione del coronavirus fino all’8 febbraio. Il blocco parziale in Ungheria doveva terminare il 10 dicembre. Tra le misure anti-Covid, il coprifuoco tra i 20 ei 5 anni, il divieto di raduni e corsi online per licei e università. Tutti rientrano nello stato di emergenza in vigore dall’11 novembre.

In Svizzera i posti in terapia intensiva sono esauriti – Caos in Svizzera, dove gli 876 posti letto di terapia intensiva certificati e riconosciuti dalla Società Svizzera di Medicina Intensiva sono “praticamente tutti occupati” a causa dell’emergenza coronavirus.

READ  Il nuovo Medio Oriente derivante dall'accordo Israele-Emirati-Bahrein

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *